Busiata

La busiata, spesso detta anche al plurale le busiate, è un formato di pasta tipico della zona di Trapani, Sicilia, talmente radicato nel suo territorio che viene chiamata comunemente busiata trapanese o busiate trapanesi. Ha ottenuto il riconoscimento come Prodotto Agroalimentare Tradizionale della regione Sicilia.

Si tratta di una via di mezzo tra bucatini e fusilli: le busiate sono attorcigliate su loro stesse in una spirale molto stretta che lascia un piccolo buco nel centro e sono lunghe circa 5-8 cm. 

Il nome deriva dal buso, il fusto di una pianta che originariamente veniva usato per la loro trafilatura.

La ricetta che vede protagoniste le busiate è quella con il pesto alla trapanese, che andremo a spiegare passo passo più avanti, ma si prestano anche a tante altre varianti: semplicemente con pomodoro fresco pizzuttello (un cultivar locale), con il sugo alla Norma alle melanzane, con zucchine fritte e pesce fritto, con il ragù, con sughi di pesce in generale.

Ricetta 

Busiata

Non è molto semplice reperire la busiata al di fuori della Sicilia, ma si può provare nei negozi di delicatessen più forniti, oppure ordinarla online direttamente dai vari pastifici. Una valida alternativa è quella di provare a farla in casa, come indicato in questo video. L'impasto è quello basico, semplicemente acqua e farina.

Il pesto alla trapanese è composto da pomodoro crudo, mandorle, basilico, aglio e olio.

 

 

A fine cottura si aggiunge del pecorino grattugiato.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di busiate trapanesi
  • 250 g di pomodorini tipo Pachino IGP o pizzuttello
  • 50 g di mandorle spellate e non tostate
  • 1 spicchio d'aglio
  • qualche foglia di basilico
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • pecorino siciliano stagionato q.b.
  • sale e pepe q.b.

Procedimento: scottare per pochi minuti (1 o 2 saranno sufficienti) i pomodori in acqua bollente per facilitare l'operazione di spellatura, quindi tagliare i pomodori a cubetti piccoli. In un mortaio o in un mixer mettere i pomodori, le mandorle, il basilico, l'aglio privato della buccia e l'olio, quindi frullare il tutto fino a quando non raggiunge una consistenza densa e cremosa, dopo di che sistemare di sale e pepe.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e scolarla secondo i tempi di cottura. In una ciotola condirla con il pesto alla trapanese e completare con il pecorino grattugiato.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Pan di Spagna - Ricette

Il pan di Spagna è una delle preparazioni di base della pasticceria, utilizzato per preparare un gran numero di ricette, dalla torta mimosa alla zuppa inglese.


La torta margherita

La torta margherita: un dolce dalle umili origini, oggi non molto diffuso, che assomigliava molto ad un pan di spagna.


Marmellata di ciliegie

Marmellata di ciliegie: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.


Pasta frolla

La pasta frolla: una delle preparazioni di base della pasticceria, utilizzata soprattutto per preparare crostate e biscotti.

 


La torta della nonna

La torta della nonna: un dolce semplice, dalle origini incerte, ma molto calorico.


I cantucci o biscotti di Prato

I cantucci o cantuccini o biscotti di Prato: dalle origini alla ricetta casalinga.


Pasta gamberi e zucchine

Pasta gamberi e zucchine: la ricetta di uno dei piatti più conosciuti della cucina di mare.


Pasta cresciuta

La pasta cresciuta, un classico della cucina napoletana, sono frittelle di un impasto di acqua, farina e lievito.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.