Canederli

I canederli sono, assieme agli spätzle, uno dei piatti della cucina tedesca più conosciuti e diffusi in Italia.

Si tratta di grandi gnocchi, o grandi polpette, composti da un impasto a base di pane raffermo, uova e latte. Poi le varianti sono molteplici e cambiano da zona a zona, da stagione a stagione: generalmente i canederli più famosi sono quelli con lo speck tagliato a tocchetti, ma esistono anche canederli di formaggio, di fegato oppure di verdure (rapa rossa, spinacicarote o zucca).

Variano anche le erbe aromatiche usate per insaporirli, molto spesso si usa l'erba cipollina, oppure la cipolla vera e propria, ma si possono utilizzare anche il prezzemolo o il timo.

I canederli vengono preventivamente bolliti per qualche minuto e poi cotti nel brodo oppure saltati in padella con burro fuso.

Esistono anche versioni dolci: canederli di prugne (Zwetschgenknödel) oppure canederli di albicocche (Marillenknödel) insaporiti con cannella e zucchero, cotti nel burro e serviti con una spolverata di zucchero a velo.

 

Storia dei canederli o knödel

Canederli

I canederli nascono come piatto povero di tradizione contadina nella Germania del Sud (Baviera), in origine consistevano semplicemente in palle di pane raffermo fatto a cubetti e tenuto insieme con latte o acqua e uova, secondo la migliore tradizione del riutilizzare gli avanzi.

Il termine tedesco per indicare questi grandi gnocchi è knödel, da "knot" che sta per "grumo".

Oggi è un piatto molto rinomato, diffuso in tutta la Germania, in Austria, in Svizzera, in Polonia, in Repubblica Ceca (dove prendono il nome di knedliky) e in Slovacchia.

In Italia sono consumati in Trentino Alto Adige, ma anche in Veneto e in Friuli, soprattutto nelle zone montane settentrionali, dove vengono detti anche chineghi o balotes (grandi palle).

Ricetta dei canederli

 

I canederli sono un piatto unico a tutti gli effetti, molto nutriente e dall'alto potere saziante (ne bastano un paio a testa), quindi possiamo affermare che questa ricetta rispetta i vincoli della Cucina Sì, a patto di non esagerare con il burro e di unire nell'impasto anche qualche verdura (spinaci, cipolle, carote...).

Il pane più indicato nella preparazione dei canederli è quello tipo "rosetta", con una crosta e una mollica croccanti.

La ricetta che propongo è quella tradizionale depositata alla Camera di Commercio dell'Alto Adige, l'unica mia aggiunta personale è quella degli spinaci.

Ingredienti per 4 persone (8 canederli):

  • 250 g di pane raffermo
  • 100 g di speck dell'Alto Adige IGP
  • 1/2 cipolla
  • qualche filo di erba cipollina
  • qualche fogliolina di prezzemolo
  • 50 g di spinaci
  • 2 uova
  • 1/4 l di latte
  • 1 cucchiaio di burro
  • 20 g di farina (facoltativo)
  • sale e pepe q.b.
  • 1 l di brodo vegetale

Procedimento

Tagliare lo speck a dadini. Rosolare la cipolla nel burro e aggiungere la dadolata di speck, dopo pochi minuti unire anche gli spinaci, l'erba cipollina e il prezzemolo tritati e quindi lasciare raffreddare

Ridurre il pane a cubetti di circa 1x1 cm.

In una ciotola mescolare il pane con il condimento a base di speck, aggiungere il latte e le uova sbattute. Sistemare di sale e pepe tenendo presente che c'è lo speck che è già molto salato.

Amalgamare bene il composto e, se necessario, aggiungere un po' di farina per fare in modo che diventi facile da lavorare e modellare, non deve essere né asciutto né molle.

Lasciar riposare il composto per circa 15-30 minuti.

Formare i canederli, con l'impasto ce ne devono venire 8 di circa 6 cm di diametro, quindi regolarsi.

Cuocere i canederli in acqua salata per 10-15 minuti, quindi scolarli e servirli con il brodo caldo vegetale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Torta magica alle banane

Un tocco esotico per uno dei dolci più classici: torta magica alle banane.


Guido e Lidia Alciati

Guido Alciati e sua moglie Lidia: una coppia che ha fatto la storia della cucina piemontese.


René Redzepi

René Redzepi, il manifesto della New Nordic Couisine e la nuova fattoria urbana.


Enrico Crippa

Enrico Crippa: il giovane chef di Piazza Duomo ad Alba, tre stelle Michelin dal 2012.

 


Alex Atala

Alex Atala, classe 1968, chef brasiliano alias lo chef umanitario che fa la spesa in Amazzonia.


Jiro Ono

Jiro Ono: lo chef stellato più anziano del mondo, a cui è stato dedicato il film "L'arte del sushi".


Nino Bergese

Nino Bergese: uno chef storico italiano, soprannominato "il cuoco dei re, il re dei cuochi".


Tartellette alla crema di fagioli e rosmarino con tartare di tonno al limone

Un'idea sfiziosa per un antipasto: tartellette alla crema di fagioli e rosmarino con tartare di tonno al limone.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.