Carpione

Il carpione, oltre che un pesce di lago molto simile al salmone, è anche una tecnica di marinatura, quella di cui ci occupiamo in questo articolo. Il carpione sta al Nord Italia un po' come la scapece sta al Meridione.

Il carpione viene utilizzato sia per le carni, che per le verdure, le uova o il pesce, che di regola vengono preventivamente fritti e poi messi a marinare in una soluzione di aceto e verdure soffritte (cipolle, carote e sedano).

Le origini del carpione non sono chiare, sicuramente è una preparazione molto antica che risale a quando non si disponeva ancora dei moderni metodi di conservazione e si usavano prevalentemente il sale o l'aceto, come nel caso del carpione, per fare in modo che i cibi si mantenessero il più a lungo possibile.

La paternità del carpione se la contengono il Piemonte (dove viene chiamato anche "brusc" per via del sapore acidulo e brusco) e la Lombardia, ma è una ricetta nota e diffusa in tutta Italia.

Tra gli ingredienti che più si prestano alla preparazione in carpione troviamo il pollo, le zucchine, le coste, gli asparagi, le uova (fatte in camicia), la trota, il salmerino, la carpa o altri pesci prevalentemente di lago, dato che il Nord Italia, zona di origine del carpione, è una terra molto ricca di laghi e non confina con il mare.

 

Il sapore del carpione è sicuramente dominato dall'aceto, ma è al tempo stesso delicato, ingentilito dalla presenza delle verdure e, volendo, di qualche erba aromatica (alloro o salvia) o di qualche spezia (ginepro o pepe in grani). Si sposa bene con i pesci di lago proprio perché questi hanno un sapore dolciastro e molto delicato. 

Carpione

Ricetta della trota in carpione

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 g di trota (4 trote di circa 200 g l'una)
  • 1/2 bicchiere di aceto di vino bianco
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • qualche fogliolina di salvia e di alloro
  • qualche bacca di ginepro
  • farina q.b. per l'impanatura
  • sale e pepe q.b.
  • olio di semi di arachide q.b. per friggere

Preparazione

Pulire e lavare le trote, asciugarle e passarle nella farina, quindi friggerle assieme alle foglie di salvia, scolarle e salarle.
Tagliare le verdure (cipolla, carota e sedano) a julienne e soffriggerle in un cucchiaio d'olio per pochi minuti facendo in modo che rimangano croccanti.
Mettere in una casseruola l’aceto diluito con un po' d'acqua, unire l’alloro, le bacche di ginepro e le verdure.
Mettere le trote in un contenitore con chiusura ermetica e coprirle con il liquido ottenuto. Chiudere e lasciarle marinare per almeno 24 ore in un luogo fresco e asciutto.
Può essere servito sia come antipasto che come secondo piatto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Insetti commestibili

Gli insetti commestibili: da esclusivo appannaggio di alcuni popoli etnici a cibo che salverà il futuro mondiale.


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.

 


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.