Le ciambelle e il ciambellone

Le ciambelle nascono come dolci fatti di pasta di pane, quindi lievitati naturalmente, di forma toroidale, che vengono fritti in olio o strutto bollenti. In pratica erano una sorta di krapfen con la particolare forma, con il buco. Negli stati uniti le ciambelle fritte sono famosissime, e prendono il nome di doughnuts o donuts. Sono il cibo preferito di Homer Simpson, insieme alle costolette di maiale.

Oggi con il termine ciambella si fa riferimento a qualunque preparazione da forno, che può essere quindi dolce o salata, ma di forma toroidale.

Sì o No?

Le ciambelle tradizionali sono fatte con una pasta di pane, arricchita con burro e zucchero, che viene fritta e ulteriormente arricchita con zucchero o altre glasse. Si tratta quindi di un dolce piuttosto calorico, che supera le 350 kcal/hg e che non può essere alleggerito con ripieni ipocalorici, se non in minima parte, dunque non può rispettare i vincoli della cucina Sì.

Come tutti i cibi fritti, le ciambelle si possono consumare ogni tanto, com'è giusto che sia anche per il loro elevato contenuto calorico. Meglio quindi puntare su occasioni particolari, o togliersi la voglia ogni tanto, magari cercando di puntare su ciambelle piccole e ben lievitate, scelte con criteri di qualità rigidi quali l'utilizzo di burro nell'impasto e, possibilmente, fritte nello strutto come tradizione vuole.

Altri tipi di ciambelle, come quelle al mosto, sono poco caloriche (poco più di 300 kcal/hg) e possono essere consumate tranquillamente anche tutti i giorni, come colazione, soprattutto se inzuppate nel caffelatte o in altri liquidi, o anche abbinate a creme o gelato, che ne abbassano le calorie aumentando il senso di sazietà.

 

 

 

Il ciambellone

Ciambellone

Il ciambellone è una torta a forma di ciambella che ha in genere caratteristiche ben diverse.

Mentre la maggior parte delle ricette delle ciambelle prevedono la lievitazione naturale (con lievito di birra o pasta madre) e la frittura, le ricette del ciambellone prevedono una lievitazione con lievito chimico, senza frittura. In pratica, il ciambellone è una specie di torta Margherita. Spesso con il termine ciambelle si intende il ciambellone, e il significato di questo termine si è esteso anche a preparazioni non toroidali, senza il "buco".

Le ciambelle nelle tradizione italiana

Le ciambelle fanno parte da sempre della nostra tradizione, tant'è che in molte regioni esistono tanti Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) che menzionano svariati tipi di ciambelle o ciambelloni. In Emilia Romagna, con il termine ciambella (detta anche brazadela) si intende una torta fatta con farina, uova, zucchero, burro e lievito chimico, mentre le ciambelle per così dire tradizionali (lievitate naturalmente e fritte) le troviamo più frequentemente nelle regioni del sud (Campania, Lazio, Molise e Calabria).

Nelle regioni del centro sono molto diffuse le ciambelle al mosto, pani poveri, lievitati naturalmente, poco dolci e cotti al forno, preparati nel periodo autunnale, quando è disponibile il dolcificante naturale utilizzato per produrle, il mosto appunto.

Ciambelle

La ricetta delle ciambelle al mosto

Ho scelto quest ricetta tra le tante perché è abbastanza ipocalorica, anche se di non facile realizzazione e molto stagionale. Al posto del mosto si può provare con il latte e utilizzare 200 g di zucchero al posto di 150. Ingredienti per 4 persone:

  • Farina Manitoba 250 g
  • Farina 00 250 g
  • Mosto 250 g
  • Lievito di birra 15 g
  • Zucchero 150 g
  • Uova num. 2
  • Semi di anice 4 cucchiai
  • Zucchero a velo
  • Sale 1 pizzico
  • Latte 2 cucchiai

 

 

Preparazione delle ciambelle al mosto: mescolare la farina Manitoba, il lievito e il mosto, aggiungendolo gradualmente, in una ciotola o in una impastatrice, impastare bene per formare il glutine, anche con l'aiuto di una spatola, per una decina di minuti. Far lievitare per un'ora circa a temperatura ambiente o poco superiore (25 gradi).

Montare bene le uova con lo zucchero, aggiungere un pizzico di sale ed i semi di anice. A lievitazione avvenuta, aggiungere tutti gli altri ingredienti, impastare fino ad ottenere un impasto liscio. Far lievitare in forno acceso riscaldato per 10 minuti a 40 gradi, o nel microonde lasciato acceso al massimo per 2 minuti con un bicchiere di acqua dentro, o in un ambiente caldo e umido, per due ore.

Quindi dividere l'impasto, senza lavorarlo, in panetti da 100 g l'uno, formare delle palle con le mani infarinate e fare un buco al centro con un dito, allargarle formando delle ciambelle e farle lievitare sulla carta da forno per mezz'ora, quindi infornare a 180 gradi per 12-15 minuti, finché non sono colorate in superficie.

Calorie per 100 g di ciambelle al mosto: 320

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Pasta e fagioli

Pasta e fagioli: un primo piatto povero della tradizione italiana sempre molto apprezzato, e dalle caratteristiche nutrizionali molto interessanti.


Cioccolatini al cocco

Cioccolatini al cocco: irresistibili e facilissimi da preparare.


Il risotto alla milanese

Il risotto alla milanese: il re dei piatti della cucina lombarda affonda le sue origini nel Cinquecento.


Panzerotti baresi

I panzerotti o calzoni fritti: una ricetta pugliese fatta con l'impasto della pizza.

 


Roner (per cottura sottovuoto)

Il roner o bagno termostatato: lo strumento per la cucina sottovuoto o sous vide.


Cottura sottovuoto o sous vide

La cottura sottovuoto a basse temperature o sous vide: gli inventori, gli chef pionieri e cosa significa cucinare oggi sottovuoto.


Dorayaki (dolcetti giapponesi)

I dorayaki: i dolcetti giapponesi composti da due strati di pancake e una crema di fagioli azuki.


Torta paradiso senza lievito

La torta paradiso senza lievito: così era nella versione originale e così la si può preparare facilmente.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.