Frittatensuppe (Tagliatelle di frittata in brodo)

Frittatensuppe è un piatto tradizionale della cucina austriaca e tedesca, che si può ritrovare un po' in tutti i menù delle stube e dei ristoranti tipici di questi due Paesi, soprattutto nelle zone montane e nel periodo autunnale-invernale.

Varianti di Frittatensuppe si ritrovano anche in alcune altre zone confinanti come il Sud Tirol, il cantone svizzero tedesco, l'Alsazia e la Lorena francesi, l'Ungheria.

Frittatensuppe viene detta anche Flädlesuppe (dove Flädle sta per brodo) nelle regioni occidentali della Germania e in Svizzera, Pfannkuchensuppe (il Pfannkuchen è una specie di pancake) in molte altre regioni della Germania, palacsintatésztaleves in Ungheria e consommé célestine in Francia.

Frittatensuppe potrebbe essere tradotto in italiano come "tagliatelle di frittata in brodo" o "zuppa di frittata", essendo servito come primo piatto in una ciotolina e da mangiare con il cucchiaio.

Si tratta praticamente di un brodo, di carne o di sole verdure, in cui vengono messe a cuocere prima di servire delle striscioline ricavate da una sorta di omelette (o crepe o frittata, comunque molto sottili), e che viene poi aromatizzato con anelli di erba cipollina.

La differenza sostanziale sta nel fatto che le tagliatelle per la Frittatensuppe hanno anche la farina e il latte nel loro impasto, non solo uova

 

 

Ricetta della Frittatensuppe

Frittatensuppe

La Frittatensuppe è un piatto semplice, il cui gusto varia di molto a seconda del tipo di brodo scelto e del modo di comporre le omelette. Un brodo di carne sarà più gustoso di un brodo vegetale e le striscioline di frittata possono diventare più interessanti se si aggiungono all'impasto delle erbe aromatiche.

Se non si ha modo né tempo di preparare il brodo si può utilizzare un dado da cucina che, ricordo, va considerato un insaporitore ipocalorico, a patto che sia senza grassi idrogenati e aromi artificiali.

Ingredienti per 4 persone

Per il brodo

Per le tagliatelle di frittata

  • 2 uova
  • 80 g di farina
  • un pizzico di sale
  • 1/2 tazza di latte
  • un trito di erbe aromatiche (timo, maggiorana, salvia...)
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva 

Per decorare

  • qualche filo di erba cipollina

Procedimento: pulire le verdure, lasciarle intere e metterle in una pentola con la carne e il sale, coprire con l'acqua e portare ad ebollizione. Cuocere per circa 80-90 minuti, finchè la carne e le verdure non saranno tenere.

Mescolare la farina con le uova, il latte, il sale e le erbe aromatiche fino ad ottenere un impasto semiliquido. Versare l'olio in una padella e riscaldarlo senza raggiungere il punto di fumo, quindi cuocere le crepe sottili una mestolata di impasto alla volta.

Una volta raffreddatesi, arrotolare le crepe su loro stesse e tagliare delle tagliatelle di uno spessore di 5-7 cm.

Mettere le tagliatelle in 4 ciotoline, versare sopra il brodo caldo e completare con l'erba cipollina tagliata ad anelli. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.


Torta tenerina

La torta tenerina o montenegrina: uno dei dolci senza lievito che piacciono tanto in questi ultimi tempi, un vero tripudio di cioccolato!


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette di due grandi pasticceri per realizzarlo al meglio.

 


Torta caprese

La torta caprese il cui nome deriva dall'isola di Capri: la ricetta classica al cioccolato o nella variante al limone.


Tomaselle o tomaxelle (ricetta ligure)

Le tomaselle o tomaxelle: involtini di vitello e verdure tipici della cucina ligure.


La cucina africana

La cucina africana e le ricette della cucina africana.


Tamales

I tamales: i panini sudamericani fatti con la masa (la pasta di mais) e avvolti in foglie di platano o di pannocchia.