Frittelle di fiori d'acacia

I fiori d'acacia sono le infiorescenze di un albero appartenente alla famiglia delle Mimosacee.
L'acacia è diffusa in tutto il mondo, in particolare in Australia dove è considerata l'emblema nazionale, ma ne esistono più di mille specie sparse per il mondo.

In Italia troviamo la Robinia Pseudoacacia, un albero simile alla mimosa ma i cui fiori sono bianchi o color crema, lunghi circa 2 cm, aperti come dei piccoli iris e riuniti in grappoli pendenti. L'acacia adora climi caldi e tropicali e non è un albero molto longevo, è diffusa soprattutto al Nord (Liguria, Veneto).

Sicuramente, oltre ad avere una funzione ornamentale, l'acacia è molto importante per la produzione di miele, poiché è una pianta nettarifera. Ed in primavera, quando fioriscono, vengono usati in gastronomia anche i suoi fiori per preparare risotti, marmellate, frittelle, insalate, frittate o liquori.

Fiori Acacia

I fiori d'acacia sono molto profumati, hanno un sapore dolciastro ed una consistenza carnosa che ben si presta alla frittura. Vediamo di seguito la ricetta delle frittelle di fiori d'acacia, piatto tipicamente primaverile, semplice, della cucina umile e spesso reperibile durante le sagre di paese come street food.

Ricetta delle frittelle di fiori d'acacia

Per reperire i fiori d'acacia basta saper riconoscere l'albero e andarli a raccogliere in primavera, nel pieno della maturazione (stando attenti alle api, molto ghiotte di acacia...). L'acacia è un albero che cresce spontaneo e di natura infestante, quindi facilmente reperibile nei boschi.

 

Esistono varie ricette per fare le frittelle di fiori d'acacia: i fiori possono essere lasciati appesi al grappolo, oppure possono essere utilizzati solo i petali mescolati nella pastella. La seconda opzione è più impegnativa poiché i petali vanno tolti con le pinzette uno ad uno. Nel primo caso il procedimento è molto più semplice e il gambo ha la funzione di "manico" sia per immergere i fiori nella pastella sia per mangiarli.

Nella pastella consiglio di usare un mix di farine di frumento e di riso, poiché quella di riso dà una nota di leggerezza ed ha un sapore più delicato che non interferisce con il sapore dei fiori.

Frittelle Fiori Acacia

Ingredienti:

  • 200 g di fiori d'acacia freschi attaccati al grappolo
  • 100 g di farina tipo 00
  • 100 g di farina di riso
  • 1 bicchiere di acqua gassata fredda o di birra chiara fredda
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di miele d'acacia (o di zucchero di canna)
  • sale e pepe q.b.
  • olio di semi di arachide per friggere q.b.

Procedimento: una volta raccolti, i fiori d'acacia vanno tenuti in un cestino, senza essere pressati, all'aria aperta per circa 1 giorno, per dare modo agli insetti di allontanarsi. Non vanno lavati altrimenti marciscono!

Preparare la pastella mescolando le uova con la farina setacciata, unire il miele e l'acqua frizzante, il sale e il pepe fino ad ottenere un impasto denso e colloso. Lasciar riposare per qualche minuto.

Immergere i fiori d'acacia tenendoli per l'estremità del gambo nella pastella, poi friggerli in abbondante olio caldo. Scolarli e asciugarli con carta assorbente, quindi servirli ancora caldi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Jiro Ono

Jiro Ono: lo chef stellato più anziano del mondo, a cui è stato dedicato il film "L'arte del sushi".


Nino Bergese

Nino Bergese: uno chef storico italiano, soprannominato "il cuoco dei re, il re dei cuochi".


Tartellette alla crema di fagioli e rosmarino con tartare di tonno al limone

Un'idea sfiziosa per un antipasto: tartellette alla crema di fagioli e rosmarino con tartare di tonno al limone.


Risotto porcini, zafferano e gamberi rossi

La versione gourmet del risotto mare e monti: risotto con porcini, zafferano e gamberi rossi.

 


Riso all'inglese

Il riso all'inglese, praticamente riso lessato e condito con burro, semplicissimo da preparare.


Ravioli di salmone ripieni di patate allo zafferano

Un secondo piatto travestito da primo piatto: ravioli di salmone ripieni di patate allo zafferano.


Risotto allo champagne

Risotto allo champagne: un piatto tipico degli anni Ottanta, che resiste ancora oggi.


Brasato al barolo

Il brasato al barolo: un secondo piatto tipico del Piemonte. Vediamone la ricetta e i segreti.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.