Mostarda di Cremona

La mostarda di Cremona è la mostarda di frutta più consumata in Italia, ed è anche quella più conosciuta all'estero, fa parte dell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali Lombardi

La mostarda di Cremona ha un sapore forte, dove il dolce della frutta si mescola al piccante della senape, e viene tradizionalmente abbinata a formaggi freschi, al carrello dei bolliti o degli arrosti, ma anche a salumi quali il cotechino e il prosciutto cotto. 

Storia e origini della mostarda di Cremona

Mostarda Cremona

La mostarda di Cremona nasce nelle cucine medievali, quando frutta e verdura venivano fatte conservare nel mosto cotto e nella farina di senape per impedirne il deterioramento il più a lungo possibile. Con questo espediente si garantiva una riserva di frutta e verdura per tutto l'inverno.

Da fine Ottocento la ricetta della mostarda cambiò, dato che vennero inventati dei nuovi metodi di conservazione dei cibi (basti pensare al frigorifero, brevettato nel 1851) e divenne poi quella che conosciamo oggi.

Fondamentalmente il mosto cotto venne sostituito dallo sciroppo di glucosio, e la senape rimase più per una questione di gusto (è la senape infatti a conferire la nota piccante tipica della mostarda di Cremona), che per una questione di conservazione della frutta.

 

Preparazione della mostarda di Cremona

La mostarda di Cremona è composta da frutta mista, solitamente ciliegie, pere, mandarini, fichi, zucca, cocomero, pesche, albicocche, prugne e cedri, lasciati interi oppure spezzetati grossolanamente.
La frutta viene candita tramite cottura per almeno 2 ore in una soluzione di acqua e zucchero (sciroppo) alla quale vengono aggiunte alcune goccie di olio di senape, e poi viene travasata con tutto lo sciroppo in contenitori di vetro chiusi ermeticamente.

Simile alla mostarda cremonese c'è anche la mostarda di Voghera, tipica del comune omonimo in provincia di Pavia, nella bassa Lombardia, sempre preparata con frutta mista e intera; e la cugnà, o cougna, piemontese: tipica delle Langhe è una salsa preparata con mele, pere, mele cotogne, fichi, frutta secca e spezie e che viene usata in cucina per accompagnare il bollito, i formaggi oppure la polenta.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.

 


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.


Fonduta di taleggio con pere al caramello salato

Per gli amanti dei gusti forti e agrodolci: fonduta di taleggio con pere al caramello salato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.