Mozzarella in carrozza

Guarda il video >>

La mozzarella in carrozza è un piatto tradizionale della cucina italiana, diffuso in particolar modo nel Meridione e originario della Campania, la patria della mozzarella, anche se la paternità di questa ricetta è rivendicata anche dai romani ed è molto diffusa in tutto il Lazio.

Si chiama mozzarella in carrozza perché la mozzarella viene avvolta da fette di pane, impanata e poi fritta, quindi si presenta dentro un involucro che ne protegge la morbidezza dentro una copertura croccante. Originariamente era una ricetta che intendeva nobilitare un ingrediente regale come la mozzarella, oggi è considerata più che altro un antipasto o un cibo di strada, reperibile un po' in tutte le pizzerie e i baracchini ambulanti del Meridione.

La ricetta originale, quella napoletana, prevede l'uso esclusivo di mozzarella di bufala, anche se questo tipo di formaggio è molto acquoso, quindi andrebbe prima scolato per qualche ora, oppure si può usare una mozzarella fiordilatte, che, essendo più consistente e soda, è anche più facile da tagliare a fette e rilascia meno acqua durante la cottura (ma è meno saporita).

 

 

Esistono numerosi varianti della mozzarella in carrozza, in alcuni casi si tenta di arricchire questa ricetta, già particolarmente ricca di suo, con altri ingredienti come le acciughe, il prosciutto cotto, la mortadella o il pomodoro, ma ribadisco, la versione originale prevede solo l'uso di mozzarella.

Mozzarella in carrozza: sì o no?

La mozzarella di bufala ha 280 kcal, mentre quella normale o fiordilatte ne contiene 260, dunque la differenza è trascurabile. Il problema, piuttosto, riguarda l'impanatura e la frittura, che aumentano notevolmente le calorie per 100 g, rendendo la mozzarella in carrozza un piatto molto lontano dai vincoli della cucina Sì, e dunque inadatto alla cucina di tutti i giorni: ma d'altronde, tutti i fritti non sono cibi da consumare regolarmente, ma adatti ad un consumo saltuario.

Un buon modo per limitare le calorie della mozzarella in carrozza è quello di consumarne piccole porzioni, come cibo di strada o aperitivo, e non farne il piatto principale.

La ricetta della mozzarella in carrozza

Mozzarella in carrozza

Spesso nelle ricette della mozzarella in carrozza viene usato il pancarrè per fare l'involucro, un pane prodotto industrialmente e quindi non di qualità eccelsa... Tuttavia in questa ricetta l'importante è avere la mollica densa, morbida ed elastica, dunque se non si trova un pane con lo stesso tipo di mollica, è meglio utilizzare quello confezionato. Utilizzando un pane casereccio, come per esempio quello di Altamura DOP o quello di Matera IGP si rischierà di non raggiungere un risultato ottimale, a causa delle caratteristiche non ideali della mollica.

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 fette di pane morbido con molta mollica di circa 1 cm di spessore
  • 400 g di mozzarella fiordilatte (circa 2 mozzarelle)
  • 2 uova
  • farina q.b.
  • pangrattato q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • olio di arachidi per friggere (o strutto)

Procedimento: togliere la crosta alle fette di pane e tagliarle in due pezzi uguali, la forma varia a seconda dei gusti, possono essere triangolari, rotonde o quadrate, dipende dai gusti.

Tagliare a fette di 1 cm le mozzarelle e formare dei panini infilando una fetta di mozzarella dentro le due fette di pane. I bordi del pane devono superare quelli della mozzarella. Con le dita ci si può aiutare per far combaciare i bordi esterni tra di loro.

A parte sbattere le uova e regolarle di sale e pepe.

In 3 ciotole separate mettere le uova, la farina e il pangrattato.

Passare ogni panino prima nella farina, poi nelle uova e per ultimo nel pangrattato.

Riscaldare l'olio a 180 gradi in una padella larga e friggere ogni mozzarella in carrozza per un minuto per lato, finchè la superficie non diventa dorata.

Mangiare con le mani finché sono ancora bollenti, altrimenti, quando si raffreddano, la mozzarella non sarà più filante.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Seadas o Sebadas

Le sebadas, le frittelle di formaggio pecorino e miele nate nel cuore della Sardegna.


Lo spezzatino con patate

Lo spezzatino con patate: che carne e che patate scegliere?


Tacconi di fave

I tacconi di fave: la pasta fresca fatta tradizionalmente con la farina fave nelle colline marchigiane.


Torta Saint Honorè

La torta Saint Honorè: un sontuoso dolce francese a base di pan di spagna, crema e bignè.

 


Zucchine ripiene

Le zucchine ripiene: un piatto diffuso in tutta Italia e dalle mille varianti.


Zuppa di fave e cicoria (macco pugliese)

La zuppa di fave e cicoria o macco pugliese: due soli ingredienti per un piatto ipocalorico e gustoso.


La torta paradiso

La torta paradiso, simile alla torta margherita, è stata inventata nel 1878 dalla pasticceria Vigoni di Pavia.


Bollitore elettrico

Il bollitore elettrico: un contenitore che permette di riscaldare l'acqua in tempi molto rapidi risparmiando tempo ed energia, utile non solo per tè e tisane.