Panforte

Il panforte è un dolce tipico della città di Siena, in Toscana, molto simile al panpepato e composto di base da frutta secca, frutta candita e spezie. Il panforte è un dolce tipico natalizio, anche se è divenuto talmente famoso che ormai lo si può acquistare praticamente tutto l'anno e anche nella grande distribuzione.

Il nome panforte o pane forte, deriva dal fatto che originariamente veniva preparato come un pane, semplicemente con acqua e farina, e poi arricchito con miele e frutta e, poichè capitava spesso che si veniva a formare uno strato di muffa in superficie dovuto alla cattiva conservazione, il suo sapore diventava acido e molto intenso.

Storia e origini del panforte

Panforte

Le origini del panforte vengono fatte risalire per convenzione all'anno Mille. La ricetta del panforte è rimasta appannaggio dei monaci senesi per alcuni secoli, poi, nel Cinquecento, con l'arrivo delle spezie dall'Oriente, venne tramandata agli speziali e ai farmacisti che lo arricchirono ulteriormente di ingredienti come melone e cedro canditi e lo proponevano alle corti dei nobili.

All'epoca, dato l'elevatissimo costo delle spezie era un alimento di lusso per soli ricchi.

Nel 1879, quando la regina Margherita andò a Siena, fu preparata per lei una versione del panforte più delicata, senza melone e con una spolverata di zucchero a velo in superficie. Questa nuova versione fu molto apprezzata dalla regina e il suo successo fu tale che tutt'oggi esiste in commercio il "panforte Margherita".

 

Ricetta del panforte

Ingredienti 

  • 150 g di farina 00 per dolci
  • 150 g di miele (acacia o millefiori)
  • 150 g di zucchero semolato o a velo
  • 350 g di mandorle sgusciate
  • 200g di canditi misti (arancia, cedro, melone)
  • 50 g di cacao amaro (facoltativo)
  • 10 g di spezie (pepe nero, noce moscata, cannella)
  • 1 foglio di ostia per rivestire la teglia

Procedimento

Tostare le mandorle in forno già caldo a 180°C per circa 5 minuti. In una pentola far sciogliere il miele a fuoco moderato, quindi aggiungere lo zucchero, le mandorle, i canditi, le spezie e il cacao amaro continuando sempre a mescolare. Spegnere il fuoco e aggiungere poco alla volta la farina che fungerà da addensante. Continuare a mescolare fino a che il composto non diventerà omogeneo.

Versare l'impasto in una teglia rotonda foderata dal foglio di ostia con uno spessore di circa 2 cm, livellarlo e infornarlo a 120°C per circa 30 minuti.

Una volta uscito dal forno, togliere il panforte dallo stampo quando è ancora caldo e lasciarlo raffreddare. 

Prima di servirlo spolverarlo di zucchero a velo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.

 


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.


Fonduta di taleggio con pere al caramello salato

Per gli amanti dei gusti forti e agrodolci: fonduta di taleggio con pere al caramello salato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.