Paste di meliga

Le paste di meliga, o biscotti di meliga, sono dei biscotti originari del Monregalese in provincia di Cuneo dove vengono chiamati in dialetto paste 'd melia.

Le paste di meliga del Monregalese sono un presidio slow food.

Oltre alle paste di meliga del cuneese, esistono altri frollini simili in Piemonte: i biscotti di Pamparato, di Barge e di Sanfront, altre località in provincia di Torino e di Biella, analoghi per ingredienti e procedimento.

Storia e origini delle paste di meliga

Secondi gli storici, le origini delle paste di meliga sono antichissime, difficilmente databili, sicuramente però risalenti alla cultura contadina della zona di Mondovì in provincia di Cuneo. Tradizionalmente questi biscotti venivano mangiati dopo i pasti inzuppati in un bel bicchiere di Barolo, il vino locale.

Probabilmente le paste di meliga vennero "inventate" per necessità, negli anni in cui il raccolto di frumento era scarso, per ovviare al problema, si mescolava la farina di frumento con la farina di mais macinata finissima, in pratica con quella farina di scarto che non veniva usata per fare la polenta. Da qui deriverebbe anche il nome, la parola "meliga" in piemontese indica, infatti, la farina di mais. Le paste di meliga così ottenute diventano un frollino molto friabile, dal colore giallo dorato e dal gusto più deciso dei frollini tradizionali.

Ricetta delle paste di meliga

Meliga

La ricetta delle paste di meliga è semplice e veloce, sono ottime a colazione, da accompagnare ad un tè pomeridiano o anche a fine pasto inzuppate in un bicchiere di vino dolce. Vanno consumate con moderazione poiché sono molto burrose... La forma classica di questi frollini è circolare, ma se ne trovano anche di quadrati o di rettangolari.

Ingredienti (per circa 40 biscotti)

  • 250 g di farina bianca per dolci
  • 100 g di farina di mais tipo "fioretto"
  • 200 g di burro
  • 3 tuorli d'uovo
  • 150 g di zucchero (semolato o a velo)
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • la buccia grattugiata di 1/2 limone

Procedimento

 

 

Mettere i due tipi di farina in un'impastatrice, aggiungere i semi di vaniglia, la scorza di limone grattugiata e lo zucchero, mescolare bene e poi unire il burro precedentemente ammorbidito a bagnomaria e i tuorli d'uovo. Continuare ad impastare il composto fino a che non diventa cremoso ed omogeneo.

Quindi inserire il composto in una sac a poche con la punta a stella e versarlo in una teglia ricoperta da carta da forno formando dei biscotti di circa 7-10 cm di diametro, ben distanziati tra di loro. Quindi infornare a forno già caldo a 180°C per circa 15 minuti, il tempo necessario a farli dorare in superficie. Estrarre la teglia dal forno e gustare le paste di meliga una volta raffreddate.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.


Torta tenerina

La torta tenerina o montenegrina: uno dei dolci senza lievito che piacciono tanto in questi ultimi tempi, un vero tripudio di cioccolato!


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette di due grandi pasticceri per realizzarlo al meglio.

 


Torta caprese

La torta caprese il cui nome deriva dall'isola di Capri: la ricetta classica al cioccolato o nella variante al limone.


Tomaselle o tomaxelle (ricetta ligure)

Le tomaselle o tomaxelle: involtini di vitello e verdure tipici della cucina ligure.


La cucina africana

La cucina africana e le ricette della cucina africana.


Tamales

I tamales: i panini sudamericani fatti con la masa (la pasta di mais) e avvolti in foglie di platano o di pannocchia.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.