Ricciarelli

I ricciarelli sono dei biscotti tipici toscani di forma ovale, fatti di una pasta molto morbida simile al marzapane. La base dei ricciarelli è composta da mandorle, albume d'uovo e zucchero, ma possono essere aggiunti, inoltre, canditi, miele o cioccolato a seconda delle varianti. 

Storia e origini dei ricciarelli

I ricciarelli sono originari della città di Siena, dove possono essere acquistati in ogni panificio o pasticceria tutto l'anno, anche se sono tipici del periodo natalizio.

La leggenda narra che la ricetta originale dei ricciarelli fosse araba e che il conte Ricciardetto della Gherardesca la introdusse in Italia al ritorno dalle crociate più o meno intorno al 14° secolo. Da allora questi biscotti sono divenuti un must della pasticceria toscana e ne sono nate numerose varianti anche al di fuori dalla città di Siena, per esempio a Pomarance o a Massa.

Ricetta dei ricciarelli

Ricciarelli

La ricetta dei ricciarelli è abbastanza semplice, l'unico inconveniente è che, secondo i dettami tradizionali, i biscotti dovrebbero riposare almeno 24-48 ore prima di essere cotti in forno, quindi andrebbero preparati con largo anticipo.

Ingredienti

La ricetta che propongo è quella basica, volendo la si può arricchire con cacao amaro, canditi, buccia di limone o di arancia, semi di vaniglia etc...

  • 500 g di farina di mandorle (o di mandorle intere già spellate)
  • 500 g di zucchero semolato
  • 3 albumi d'uovo
  • zucchero a velo (q.b. per spolverarli) 

Procedimento

 

Se si sono acquistato le mandorle intere, sbollentarle in acqua bollente per spellarle più facilmente, e poi frullarle fino a ridurle a farina. Mescolare bene la farina di mandorle con lo zucchero e poi aggiungere gli albumi d'uovo. Una volta ottenuto un impasto omogeneo e compatto avvolgerlo in un panno e lasciarlo riposare in frigorifero per almeno 12 ore, alcuni lo tengono anche 24 o 48 ore.

Quindi stendere l'impasto con il mattarello e formare i ricciarelli con l'aiuto degli appositi stampi di forma ovale. Appoggiarli su una teglia ricoperta di carta da forno e infornare a 150°C per circa 10 minuti. Il forno può essere tenuto anche più basso, in questo caso aumenteranno i minuti di cottura.

Infine, una volta raffreddati, spolverare i biscotti con lo zucchero a velo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.

 


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.


Fonduta di taleggio con pere al caramello salato

Per gli amanti dei gusti forti e agrodolci: fonduta di taleggio con pere al caramello salato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.