Risotto allo champagne

I segreti dei risotti

Il risotto allo champagne è un primo piatto classico della cucina italiana, che fa molto pensare ai vari cenoni di Capodanno, forse un po' datato, molto anni Ottanta, ma semplice nella preparazione e sempre gustoso.

Dato che lo champagne francese è molto costoso, almeno 20€ a bottiglia, si può optare per cucinare il risotto con un nostrano spumante brut metodo classico, o volendo spendere ancora meno con un metodo Martinotti (Charmat), come un prosecco, la differenza sta nel fatto che il prosecco è più profumato e fruttato mentre lo spumante metodo classico e lo champagne sono più secchi e hanno sentori più complessi, dovuti ai lieviti, quindi scegliendo l'uno o l'altro si cambierà l'aroma di tutto il piatto.

Il risotto allo champagne è un risotto bianco, dove al posto del classico vino bianco, per sfumare, si usa lo champagne. Volendo può essere arricchito a piacere con vari ingredienti: scampi o gamberi, magari aggiunti a crudo a cottura ultimata, un qualche formaggio saporito come la provola o la fontina, delle noci o nocciole tritate, oppure anche semplicemente con lo zafferano. Ancora si può insaporire con una grattugiata di buccia di arancia, limone o lime, di bottarga, di tartufo. Ovviamente se si vuole valorizzare lo champagne, non si dovrà aggiungere nulla. Il vino in generale, e quindi anche lo champagne, conferiscono acidità al risotto: quindi la quantità di vino da aggiungere non può essere "a piacere", ma può variare da un minimo a un massimo, altrimenti il risultato finale sarà troppo acido (se ne si aggiunge troppo) o poco acido. In linea di massima, ogni 100 g di riso si possono usare al massimo 200 ml di champagne.

 

 

Molto importante è la scelta del riso per ottenere un buon risotto, ossia che sappia mantenere la cottura e che rilasci amido durante la cottura così da formare la tipica cremina. A questo scopo consiglio di usare il Carnaroli o il Vialone nano.

Quella che presentiamo qui sotto è la ricetta classica del risotto allo champagne.

Ricetta del risotto allo champagne

Risotto allo champagne

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g di riso Carnaroli
  • 80 g di burro
  • 1 cipolla bianca
  • 300 ml di brodo vegetale
  • 500 ml di champagne o spumante o prosecco
  • 50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • la scorza di un limone non trattato
  • sale e pepe q.b.

Preparazione: preparare il brodo vegetale immergendo in acqua fredda una cipolla, una carota, un pomodoro e una costa di sedano e portando ad ebollizione. Tostare il riso a secco in una casseruola, per un paio di minuti, quindi mettere da parte. Nella stessa casseruola, fare un soffritto in padella con la metà del burro e la cipolla bianca tritata finemente, quindi aggiungere il riso precedentemente tostato, lo champagne e cuocere come un normale risotto aggiungendo il brodo quando occorre.

Quando il riso è quasi pronto, far ridurre quanto basta il liquido di cottura, quindi mantecare il risotto fuori dal fuoco, con il resto del burro e il parmigiano grattugiato, mescolare vigorosamente e se si asciuga troppo, aggiungere brodo un cucchiaio alla volta. Quando il risotto è ben legato, ma ancora un po' lento, "all'onda", sistemare di sale e pepe e far riposare un minuto. Servire nei piatti con una grattugiata di buccia di limone.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Seadas o Sebadas

Le sebadas, le frittelle di formaggio pecorino e miele nate nel cuore della Sardegna.


Lo spezzatino con patate

Lo spezzatino con patate: che carne e che patate scegliere?


Tacconi di fave

I tacconi di fave: la pasta fresca fatta tradizionalmente con la farina fave nelle colline marchigiane.


Torta Saint Honorè

La torta Saint Honorè: un sontuoso dolce francese a base di pan di spagna, crema e bignè.

 


Zucchine ripiene

Le zucchine ripiene: un piatto diffuso in tutta Italia e dalle mille varianti.


Zuppa di fave e cicoria (macco pugliese)

La zuppa di fave e cicoria o macco pugliese: due soli ingredienti per un piatto ipocalorico e gustoso.


La torta paradiso

La torta paradiso, simile alla torta margherita, è stata inventata nel 1878 dalla pasticceria Vigoni di Pavia.


Bollitore elettrico

Il bollitore elettrico: un contenitore che permette di riscaldare l'acqua in tempi molto rapidi risparmiando tempo ed energia, utile non solo per tè e tisane.