Salsa rossa o Bagnetto rosso

Salsa rossa è un termine molto generico che può creare confusione... Di salse rosse, infatti, ce ne sono tantissime, dal Nord Italia fino al Sud, lo stesso ketchup è una salsa rossa, così come la Harissa, la salsa piccante tipica del Nord Africa o tutti i preparati a base di pomodoro (passata, sugo, concentrato etc...).

Più in generale, ogni chef o cuoco può inventarsi una sua salsa rossa personale e creativa.

Per salsa rossa si intende generalmente un condimento a base di pomodori ed altri ingredienti che viene usato come accompagnamento del piatto principale (carne, pesce, verdure, pasta etc...).

In questo articolo, però, tratto della cosiddetta salsa rossa o bagnetto rosso tipica piemontese, usata come accompagnamento al bollito misto. Viene detta anche salsa rubra, dal latino.

A differenza della salsa verde, anch'essa usata come accompagnamento per il lesso e il bollito di carne, la salsa rossa è più saporita, leggermente piccante e va servita calda o tiepida.

Ricetta della salsa rossa o bagnetto rosso

salsa Rossa

L'ingrediente di base della salsa rossa è il pomodoro fresco, consiglio di usare i pomodori rossi tondi lisci, preferibilmente quelli di Pachino IGP che vengono raccolti anche in inverno o, in alternativa, i pomodori pelati in scatola.

Oltre ai pomodori si aggiungono altre verdure, come il sedano, i peperoni, la cipolla, le carote ed alcune erbe aromatiche (basilico, peperoncino, aglio, prezzemolo, salvia, timo secondo i gusti).

 

 

Per ottenere un gusto ancora più piccante ed agrodolce si possono aggiungere anche aceto, senape e zucchero.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 4 porzioni

  • 8 pomodori rossi tondi lisci ben maturi
  • 1/2 peperone rosso
  • 1/2 carota
  • 1/2 gambo di sedano
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 cucchiaio di aceto di vino rosso
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di senape (facoltativo)
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • 1 peperoncino tritato
  • 10 g di erbe aromatiche (timo, prezzemolo, salvia, origano, basilico)
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Lavare e sbollentare i pomodori per pochi minuti così che la pelle venga via facilmente. Dopo averli spellati, privarli dei semi interni e tagliarli a cubetti.
In una padella preparare un soffritto con l'olio, il peperoncino, lo spicchio d'aglio, la cipolla, la carota, il peperone e il sedano tutti tritati finemente.

Unire i pomodori a cubetti e cuocere a fuoco basso mescolando di tanto in tanto per circa 10-15 minuti.

A fine cottura aggiungere l'aceto, lo zucchero, la senape e le erbe aromatiche. Sistemare di sale e pepe e servire ancora tiepida.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

27 kcal - 113 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

0 g

Proteine

1 g - 8%

Carboidrati

3 g - 48%

Grassi

1 g - 44%

di cui

 

saturi

0.1 g

monoinsaturi

1.6 g

polinsaturi

0.1 g

Fibre

1 g

Colesterolo

0 mg

Sodio

17 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.


Torta tenerina

La torta tenerina o montenegrina: uno dei dolci senza lievito che piacciono tanto in questi ultimi tempi, un vero tripudio di cioccolato!


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette di due grandi pasticceri per realizzarlo al meglio.

 


Torta caprese

La torta caprese il cui nome deriva dall'isola di Capri: la ricetta classica al cioccolato o nella variante al limone.


Tomaselle o tomaxelle (ricetta ligure)

Le tomaselle o tomaxelle: involtini di vitello e verdure tipici della cucina ligure.


La cucina africana

La cucina africana e le ricette della cucina africana.


Tamales

I tamales: i panini sudamericani fatti con la masa (la pasta di mais) e avvolti in foglie di platano o di pannocchia.