Spaghetti con la colatura di alici

Gli spaghetti con la colatura di alici sono un primo piatto tipico della cucina campana, in particolare preparato in occasione della Vigilia di Natale. Una ricetta semplice ma molto saporita dato che la colatura di alici è un prodotto ricco di salinità, dal gusto forte e deciso.

La colatura di alici viene prodotta, oltre che in Campania, dove quella di Cetara è tutelata dal Presidio Slow Food, anche in altre regioni del Meridione, quindi è possibile trovare molte varianti degli spaghetti con la colatura di alici.

La ricetta originale è anche la più semplice, basata solo su colatura di alici, aglio, peperoncino e una spruzzata di prezzemolo fresco tritato finale, praticamente è una versione raffinata dei classici spaghetti aglio, olio e peperoncino, dove l'olio extra vergine di oliva viene emulsionato con una parte di colatura di alici.

Poi si può trovare la versione con pangrattato, magari fatto tostare prima in padella, quella con la granella di pistacchi e la buccia di limone grattugiata (che fa molto Sicilia...), quella con l'aggiunta di parmigiano o pecorino grattugiato, quella con i capperi.
E non mancano anche altre ricette con l'aggiunta di verdure che noi consigliamo per poter rispettare i vincoli della Cucina Sì, e quindi per poter garantire il giusto apporto calorico senza rinunciare all'appetibilità del piatto. In particolare si abbinano bene alla ricetta degli spaghetti con la colatura di alici i pomodori pendolini, i datterini o i Pachino, o anche i peperoni, meglio se rossi e di stagione così saranno più dolci.

 

 

Tra i ristoranti della costiera amalfitana più rinomati e specializzati nella ricetta degli spaghetti con colatura di alici ricordiamo: l'Acquapazza e Al Convento, entrambi a Cetara (SA).

La ricetta degli spaghetti con la colatura di alici

Spaghetti con la colatura di alici

Volendo, gli spaghetti possono essere sostituiti dalle linguine, un altro formato di pasta tipico della cucina campana. Precisiamo che l'acqua di cottura e il sugo per la pasta vanno salati meno del solito perché la colatura di alici è già molto sapida. Inoltre, la colatura di alici va messa a crudo, emulsionata con un po' di olio, ma non va mai cotta.

Ingredienti per 4 persone

  • 400 g di spaghetti
  • 100 g di pomodorini datterini
  • 1 spicchio d'aglio
  • 4 cucchiai di colatura di alici
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • peperoncino q.b.
  • prezzemolo q.b.

Preparazione: versare due cucchiai d'olio in una padella per imbiondire l'aglio tritato e per far appassire i pomodorini tagliati a metà. Quando l'acqua di cottura bolle, (poco salata, 8 g per litro al posto dei soliti 15), versare gli spaghetti e cuocerli al dente, nel frattempo emulsionare in una citola la colatura di alici con gli altri due cucchiai d'olio. Scolare la pasta e versarla in padella, amalgamare bene e spegnere il fuoco, aggiungere quindi la colatura di alici, il prezzemolo e il peperoncino tritati.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.


Torta tenerina

La torta tenerina o montenegrina: uno dei dolci senza lievito che piacciono tanto in questi ultimi tempi, un vero tripudio di cioccolato!


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette di due grandi pasticceri per realizzarlo al meglio.

 


Torta caprese

La torta caprese il cui nome deriva dall'isola di Capri: la ricetta classica al cioccolato o nella variante al limone.


Tomaselle o tomaxelle (ricetta ligure)

Le tomaselle o tomaxelle: involtini di vitello e verdure tipici della cucina ligure.


La cucina africana

La cucina africana e le ricette della cucina africana.


Tamales

I tamales: i panini sudamericani fatti con la masa (la pasta di mais) e avvolti in foglie di platano o di pannocchia.