Spezzatino di vitello: NO GRAZIE!

Lo spezzatino di vitello è purtroppo uno dei più gettonati... In questo articolo proverò a convincervi che è meglio non cucinarlo!

Si parla sempre più spesso del fatto che bisognerebbe mangiare meno carne, per motivi di salute e anche ambientali.

Noi pensiamo che il consumo di carne sia un piacere che possiamo permetterci rimanendo in salute e anche preservando l'ambiente dall'inquinamento eccessivo. L'importante è consumare la carne giusta, nelle giuste quantità.

La carne di vitello nello specifico sarebbe una delle carni da eliminare per prime, al fine di seguire un'alimentazione sana ed etica.

Abbiamo avuto modo di parlare dettagliatamente del perché la carne di vitello sia tra le più rischiose dal punto di vista delle possibili frodi legate all'uso di ormoni. Nell'articolo sulla sicurezza della carne abbiamo anche detto che la carne di vitello, a fronte delle medesime caratteristiche nutrizionali di quella di bovino adulto, ha sicuramente un gusto più piatto e l'unico vantaggio che ha è quello di essere più tenera.

La carne di vitello è un prodotto ottenuto artificiosamente, alimentando in modo innaturale i bovini, privandoli del ferro che renderebbe rossa la carne. Solo in questo modo è possibile ottenere quella carne bianca, tenera e insapore che troviamo sul banco di quasi tutti i punti vendita.

In questo articolo dunque sconsigliamo fortemente l'utilizzo della carne di vitello per lo spezzatino, che consideriamo un'assurdità totale, poiché l'unico vantaggio della carne di vitello, cioè la tenerezza, si può ottenere anche con la carne di vitellone semplicemente scegliendo il taglio giusto e cuocendola un po' di più.

 

 

Perché NON scegliere la carne di vitello?

Spezzatino di vitello

Chi sceglie la carne di vitello lo fa in genere per tre motivi:

  • la tenerezza;
  • la bassa percentuale di grasso;
  • si tratta di carne bianca.

Per quanto riguarda la percentuale di grasso, bisogna dire che in quasi tutte le ricette che troviamo per lo spezzatino di vitello sono presenti grassi aggiunti (spesso olio extravergine)... Dunque che senso ha utilizzare carne magra se poi si aggiungono altri grassi? Si potrà obiettare che al posto dei grassi saturi della carne si possono aggiungere grassi insaturi dell'olio di oliva, ma tali grassi si portano poi ad alta temperatura e/o si cuociono a lungo perdendo quasi tutti i benefici. Inoltre sottolineo ancora una volta che i grassi saturi non fanno male (vanno assunti come i grassi monoinsaturi), è l'eccesso (e lo squilibrio) che è dannoso!

La tenerezza nelle lunghe cotture si ottiene tranquillamente anche con il vitellone, vedi l'articolo sullo spezzatino.

Da ultimo, la carne bianca. Anni di martellamento mediatico sulla carne rossa che farebbe malissimo ci hanno spinto al consumo di carne bianca.

In realtà la carne rossa, se non troppo grassa e soprattutto cucinata in modo sano (dunque non alla griglia), non è tanto diversa dalla carne bianca e sicuramente le carni bianche di pollame sono potenzialmente più inquinate da antibiotici.

In definitiva, se dovete preparare uno spezzatino di vitello, utilizzate carne di bovino adulto (vitellone), dunque vi rimando all'articolo sullo spezzatino.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Seadas o Sebadas

Le sebadas, le frittelle di formaggio pecorino e miele nate nel cuore della Sardegna.


Lo spezzatino con patate

Lo spezzatino con patate: che carne e che patate scegliere?


Tacconi di fave

I tacconi di fave: la pasta fresca fatta tradizionalmente con la farina fave nelle colline marchigiane.


Torta Saint Honorè

La torta Saint Honorè: un sontuoso dolce francese a base di pan di spagna, crema e bignè.

 


Zucchine ripiene

Le zucchine ripiene: un piatto diffuso in tutta Italia e dalle mille varianti.


Zuppa di fave e cicoria (macco pugliese)

La zuppa di fave e cicoria o macco pugliese: due soli ingredienti per un piatto ipocalorico e gustoso.


La torta paradiso

La torta paradiso, simile alla torta margherita, è stata inventata nel 1878 dalla pasticceria Vigoni di Pavia.


Bollitore elettrico

Il bollitore elettrico: un contenitore che permette di riscaldare l'acqua in tempi molto rapidi risparmiando tempo ed energia, utile non solo per tè e tisane.