Uovo poché

L'uovo poché non è altro che la versione francese del nostro uovo cucinato in camicia o affogato. Il termine poché (participio passato di "pocher") in francese viene prevalentemente utilizzato per indicare questo tipo di cottura, quindi "affogare" o "cuocere in camicia".

L'aspetto dell'uovo poché è identico a quello dell'uovo in camicia: il tuorlo è praticamente allo stato liquido, non ancora coagulato o solo leggermente coagulato, e l'albume invece è coagulato ed è quindi solido, ma ancora morbido.

L'aceto viene aggiunto all'acqua perché l'acidità favorisce la coagulazione delle proteine dell'uovo, e questo è utile soprattutto nella prima fase della cottura, quando l'albume potrebbe disperdersi nell'acqua, e invece coagulando immediatamente, rimane più facilmente "vicino" al tuorlo, formando uno strato non troppo disperso intorno ad esso.

Ci sono molti modi per rendere più semplice l'esecuzione di questa ricetta, sebbene quella classica non sia particolarmente difficile da eseguire. Per esempio, l'uovo in camicia o poché può essere cotto dentro la pellicola trasparente o dentro un contenitore (stampi di silicone o di alluminio ma a volte anche dentro il pane...), e non da solo come l'uovo affogato.

La cucina francese abbina sempre all'uovo poché una qualche salsa di accompagnamento, magari a base di panna acida ed erba cipollina, oppure degli spinaci saltati o caviale, che garantisce anche un bell'effetto cromatico.

 

 

Ricetta dell'uovo poché

Uovo pochè

Per ottenere un perfetto uovo poché occorre comprare delle uova freschissime (vedi l'articolo sui test per valutare la freschezza delle uova). Per il resto, basta seguire le indicazioni per l'uovo in camicia. Qui vogliamo proporre una ricetta diversa, in qualche modo semplificata, anche se, lo ripetiamo, la ricetta classica è la migliore e assolutamente non difficile da eseguire. Basta usare il classico accorgimento di mettere l'uovo in una piccola ciotola, che verrà utilizzata per immergerlo delicatamente nell'acqua bollente. Volendo si può creare un piccolo vortice, con l'aiuto di un cucchiaino, e versare l'uovo all'interno del vortice, proprio per evitare la dispersione dell'albume, tuttavia quando si vogliono cuocere più uova contemporaneamente questa tecnica non è utilizzabile.

Per "semplificare" la ricetta, o meglio per complicarla, ma renderla più sicura, si può contare sull'ausilio di alcuni strumenti che garantiscono che l'uovo non si romperà una volta immerso nell'acqua. La cosa più semplice è usare la pellicola, che tutti abbiamo in casa, oppure munirsi di alcuni piccoli stampi in alluminio o in silicone che possano contenere un uovo. In questo caso sia la formazione del vortice, che l'uso dell'aceto, sono sostanzialmente due pratiche inutili, perché l'uovo coagulerà dentro il suo stampo sempre in modo corretto. In questo modo si possono cuocere anche più uova alla volta, mentre con il vortice è praticamente impossibile farlo.

Un ultimo accorgimento: la pentola dove verranno cotte le uova non deve essere troppo alta, circa 8-10 cm. Meglio usare una casseruola con bordo alto, che una vera e propria pentola.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 uova medie fresche
  • 1 l di acqua
  • sale e pepe q.b.

Procedimento: versare l'acqua e l'aceto in una pentola e portare ad ebollizione. Nel frattempo foderare 4 tazzine da caffé di pellicola trasparente e romperci le uova dentro e chiudere la pellicola a mo' di fagotto.

Quando l'acqua sobbolle, mettere il fuoco al minimo, immergere le uova e cuocerle per un minuto circa.

Quando l'albume sarà completamente diventato bianco l'uovo poché è pronto.

Aprire delicatamente tutti i fagottini e spostare le uova con un cucchiaio su un piatto.

Noi preferiamo comunque il classico procedimento per le uova in camicia.

Servire in accompagnamento a pane tostato, panna acida mescolata con erbe aromatiche, caviale, spinaci, salmone, insalata e così via.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Pan di Spagna - Ricette

Il pan di Spagna è una delle preparazioni di base della pasticceria, utilizzato per preparare un gran numero di ricette, dalla torta mimosa alla zuppa inglese.


La torta margherita

La torta margherita: un dolce dalle umili origini, oggi non molto diffuso, che assomigliava molto ad un pan di spagna.


Marmellata di ciliegie

Marmellata di ciliegie: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.


Pasta frolla

La pasta frolla: una delle preparazioni di base della pasticceria, utilizzata soprattutto per preparare crostate e biscotti.

 


La torta della nonna

La torta della nonna: un dolce semplice, dalle origini incerte, ma molto calorico.


I cantucci o biscotti di Prato

I cantucci o cantuccini o biscotti di Prato: dalle origini alla ricetta casalinga.


Pasta gamberi e zucchine

Pasta gamberi e zucchine: la ricetta di uno dei piatti più conosciuti della cucina di mare.


Pasta cresciuta

La pasta cresciuta, un classico della cucina napoletana, sono frittelle di un impasto di acqua, farina e lievito.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.