Tagliare le verdure

Il taglio degli alimenti è una delle pratiche che da più soddifazione e che influenza il risultato in modo determinante. L'alimento principe della cucina Sì sono le verdure e quindi il taglio di questi alimenti assume una importanza strategica per la corretta riuscita dei piatti. Ogni verdura può essere tagliata in diversi modi e ogni piatto necessita un modo particolare. Nei primi piatti, per esempio, la forma dei pezzi di verdura deve sposarsi perfettamente con quella della pasta, per formare un tutt'uno omogeneo e armonioso.

Il tagliere

Tagliare verdure

Il tagliere deve essere il più grande possibile, compatibilmente con lo spazio sul piano di lavoro. I più diffusi sono in legno, un materiale attraente e di facile manutenzione, che però va bagnato il meno possibile, poiché si deforma facilmente. I taglieri in legno non possono essere sterilizzati in acqua bollente e quindi non sono indicati per gli animali a rischio contaminazione come il pollame crudo.

Un tagliere di legno deve essere spesso almeno 4 cm. Quelli in polietilene hanno il vantaggio di poter essere sterilizzati, ma sono senz'altro meno attraenti. I coltelli Le verdure su possono tagliare con diversi tipi di coltelli, l'importante è che la lama sia sottile. Una lama spessa, infatti, è perfetta per tagliare alimenti consistenti come la carne, ma non è precisa e non consente di tagliare fette sottili. Il classico coltello da chef, quindi, non consente di ottenere tagli precisi, sebbene con un po' di pratica è possibile ottenere buoni risultati con qualunque tipo di coltello.

 

 

I risultati migliori si ottengono con i coltelli piatti per verdure, privi di appendice appuntita o quasi, oppure con i coltelli per affettare, lunghi e appuntiti. Con il coltello per verdure la parte utile per affettare è quella centrale, che si può usare sollevando completamente il coltello mantenendolo parallelo al tagliere oppure appoggiandosi sulla punta e esercitando un movimento alternato con il manico.

Con lo slicer, invece, il coltello va tenuto sospeso dal tagliere, la lama parallela o leggermente inclinata con la punta verso il basso, e la verdura è tagliata con un movimento alternato usando la parte finale della lama. In ogni caso, l'uso dei coltelli è soggettivo: ognuno impara ad utilizzare bene i propri coltelli e quando ne usa altri, a prescindere dalla qualità, difficilmente si troverà meglio che con i suoi. È molto importante avere cura dei propri coltelli e mantenerli ben affilati.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Torta giapponese (Japanese cotton cheesecake)

Japanese cotton cheesecake, ovvero la torta giapponese a base di formaggio che ha sbancato sul web negli ultimi anni.


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Cioccolato plastico

Il cioccolato plastico: una pasta modellabile per creare decorazioni per torte e dolci.


Come si cuoce la pasta?

Come si cuoce la pasta? Il sale va fino o grosso? Prima o dopo l'ebollizione? E se me lo scordo? Quale pentola usare? È vero che si può cuocere a fuoco spento?

 


Cuocere la pasta a fuoco spento?

La pasta si cuoce correttamente a qualunque temperatura superiore agli 80 gradi: per questo la cottura a fuoco spento (o cottura passiva) è possibile, tuttavia i vantaggi non sono molto interessanti.


Biscotti di castagne

I biscotti di castagne vengono prodotti a partire dalla farina di castagne, nel periodo autunnale e per tutto l'inverno, che sostituisce del tutto o in parte la farina bianca comune.


Panna cotta

La panna cotta: un dolce piemontese simile al budino a base di panna.


Paste di meliga

Le paste di meliga, i frollini piemontesi tipici del cuneese.