La gelatiera - Macchina per il gelato

La gelatiera è la versione casalinga dei macchinari utilizzati da professionisti.

Per preparare il gelato bisogna raffreddare una miscela al di sotto della temperatura di congelamento mescolandola costantemente in modo tale da produrre un prodotto cremoso invece di un solido blocco ghiacciato.

Dunque una gelatiera deve essere composta da due componenti principali:

  • l'elemento refrigerante;
  • una pala in grado di mescolare la miscela.

A seconda del tipo di elemento refrigerante si distinguono due grandi tipologie di macchine per il gelato:

  • le gelatiere con meccanismo di congelamento integrato;
  • le gelatiere che richiedono il pre-raffreddamento del recipiente.

Altre tipologie, come le gelatiere manuali e quelle con piccole unità di raffreddamento, che operano direttamente all'interno del congelatore, non si sono mai diffuse molto e sono ormai in disuso.

Ma iniziamo con la descrizione della gelatiera fai da te, cioè di come preparare il gelato in casa con gli strumenti di uso comune.

Gelatiera fai da te

Gelatiera professionale

Il modello più rudimentale di gelatiera può essere facilmente costruito in casa. Basta versare in un contenitore che possa andare in congelatore 1 litro di acqua con 100 g di sale, farlo sciogliere e mettere questo composto nel congelatore. Quando la miscela di acqua e sale ha raggiunto i -10 gradi, si può versare dentro a un recipiente e aggiungere una discreta quantità di ghiaccio. Il sale abbassa il punto di congelamento dell'acqua fino a -10 gradi e oltre, il ghiaccio serve per mantenere questa temperatura costante: infatti mentre il ghiaccio si sta sciogliendo la temperatura rimane pari a quella di congelamento. Abbiamo costruito l'elemento refrigerante della gelatiera: passiamo al mantecatore.

 

 

Prendiamo un contenitore di acciaio o ancora meglio di alluminio, di dimensione tale da poter essere immerso a bagnomaria nella miscela. L'ideale è poter fissare in qualche modo questo contenitore per poter mescolare più agevolmente la miscela. Ora versiamo la miscela nel contenitore e iniziamo a mescolare con un robusto leccapentole o con un cucchiaio: la miscela tenderà ad congelare sul bordo della parete e noi dovremo continuamente staccarla con il cucchiaio o la spatola. Vedremo il gelato formarsi letteralmente sotto i nostri occhi.

A questo punto, possiamo comprare una gelatiera, vista l'improponibile fatica che abbiamo fatto per utilizzare la nostra gelatiera fai da te!

Gelatiera con elemento pre-congelato

Gelatiera con elemento pre-congelato

Queste gelatiere hanno un costo inferiore ai 100 euro. Sono dotate di una pala mossa da un motore da circa 30 Watt, che mescola una quantità di miscela variabile da 1 a 2 litri. La pala raschia sul fondo di un disco ricoperto di materiale plastico, costituito da un materiale in grado di accumulare efficacemente il calore (in questo caso il freddo). Questo disco refrigerante va tenuto nel congelatore per 18-24 ore ed è in grado di raffreddare una miscela pari alla capacità della gelatiera.

Queste gelatiere, quindi, producono circa 1 kg di gelato in un tempo variabile dai 30 ai 50 minuti, quindi bisogna attendere il tempo di "ricarica" del disco refrigerante prima di poter utilizzare nuovamente la gelatiera. Altrimenti, si possono acquistare più dischi da utilizzare consecutivamente.

Gelatiera con meccanismo di congelamento integrato

Gelatiera

Le gelatiere più costose ed efficienti hanno un vero e proprio congelatore integrato e dunque sono molto più grandi, pesanti e avide di energia. Il vantaggio di queste macchine è la velocità di preparazione (dai 20 ai 40 minuti) e il fatto di poter preparare immediatamente un altro gelato.

Il costo di queste macchine per il gelato è superiore ai 250 euro.

Alcune di queste gelatiere hanno il difetto di non poter essere spostate pena il malfunzionamento del sistema di raffreddamento: visto il loro ingombro, necessitano di una cucina molto grande che abbia uno spazio ad esse dedicato.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Torta giapponese (Japanese cotton cheesecake)

Japanese cotton cheesecake, ovvero la torta giapponese a base di formaggio che ha sbancato sul web negli ultimi anni.


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Cioccolato plastico

Il cioccolato plastico: una pasta modellabile per creare decorazioni per torte e dolci.


Come si cuoce la pasta?

Come si cuoce la pasta? Il sale va fino o grosso? Prima o dopo l'ebollizione? E se me lo scordo? Quale pentola usare? È vero che si può cuocere a fuoco spento?

 


Cuocere la pasta a fuoco spento?

La pasta si cuoce correttamente a qualunque temperatura superiore agli 80 gradi: per questo la cottura a fuoco spento (o cottura passiva) è possibile, tuttavia i vantaggi non sono molto interessanti.


Biscotti di castagne

I biscotti di castagne vengono prodotti a partire dalla farina di castagne, nel periodo autunnale e per tutto l'inverno, che sostituisce del tutto o in parte la farina bianca comune.


Panna cotta

La panna cotta: un dolce piemontese simile al budino a base di panna.


Paste di meliga

Le paste di meliga, i frollini piemontesi tipici del cuneese.