La gelatiera - Macchina per il gelato

La gelatiera è la versione casalinga dei macchinari utilizzati da professionisti.

Per preparare il gelato bisogna raffreddare una miscela al di sotto della temperatura di congelamento mescolandola costantemente in modo tale da produrre un prodotto cremoso invece di un solido blocco ghiacciato.

Dunque una gelatiera deve essere composta da due componenti principali:

  • l'elemento refrigerante;
  • una pala in grado di mescolare la miscela.

A seconda del tipo di elemento refrigerante si distinguono due grandi tipologie di macchine per il gelato:

  • le gelatiere con meccanismo di congelamento integrato;
  • le gelatiere che richiedono il pre-raffreddamento del recipiente.

Altre tipologie, come le gelatiere manuali e quelle con piccole unità di raffreddamento, che operano direttamente all'interno del congelatore, non si sono mai diffuse molto e sono ormai in disuso.

Ma iniziamo con la descrizione della gelatiera fai da te, cioè di come preparare il gelato in casa con gli strumenti di uso comune.

Gelatiera fai da te

Gelatiera professionale

Il modello più rudimentale di gelatiera può essere facilmente costruito in casa. Basta versare in un contenitore che possa andare in congelatore 1 litro di acqua con 100 g di sale, farlo sciogliere e mettere questo composto nel congelatore. Quando la miscela di acqua e sale ha raggiunto i -10 gradi, si può versare dentro a un recipiente e aggiungere una discreta quantità di ghiaccio. Il sale abbassa il punto di congelamento dell'acqua fino a -10 gradi e oltre, il ghiaccio serve per mantenere questa temperatura costante: infatti mentre il ghiaccio si sta sciogliendo la temperatura rimane pari a quella di congelamento. Abbiamo costruito l'elemento refrigerante della gelatiera: passiamo al mantecatore.

 

Prendiamo un contenitore di acciaio o ancora meglio di alluminio, di dimensione tale da poter essere immerso a bagnomaria nella miscela. L'ideale è poter fissare in qualche modo questo contenitore per poter mescolare più agevolmente la miscela. Ora versiamo la miscela nel contenitore e iniziamo a mescolare con un robusto leccapentole o con un cucchiaio: la miscela tenderà ad congelare sul bordo della parete e noi dovremo continuamente staccarla con il cucchiaio o la spatola. Vedremo il gelato formarsi letteralmente sotto i nostri occhi.

A questo punto, possiamo comprare una gelatiera, vista l'improponibile fatica che abbiamo fatto per utilizzare la nostra gelatiera fai da te!

Gelatiera con elemento pre-congelato

Gelatiera con elemento pre-congelato

Queste gelatiere hanno un costo inferiore ai 100 euro. Sono dotate di una pala mossa da un motore da circa 30 Watt, che mescola una quantità di miscela variabile da 1 a 2 litri. La pala raschia sul fondo di un disco ricoperto di materiale plastico, costituito da un materiale in grado di accumulare efficacemente il calore (in questo caso il freddo). Questo disco refrigerante va tenuto nel congelatore per 18-24 ore ed è in grado di raffreddare una miscela pari alla capacità della gelatiera.

Queste gelatiere, quindi, producono circa 1 kg di gelato in un tempo variabile dai 30 ai 50 minuti, quindi bisogna attendere il tempo di "ricarica" del disco refrigerante prima di poter utilizzare nuovamente la gelatiera. Altrimenti, si possono acquistare più dischi da utilizzare consecutivamente.

Gelatiera con meccanismo di congelamento integrato

Gelatiera

Le gelatiere più costose ed efficienti hanno un vero e proprio congelatore integrato e dunque sono molto più grandi, pesanti e avide di energia. Il vantaggio di queste macchine è la velocità di preparazione (dai 20 ai 40 minuti) e il fatto di poter preparare immediatamente un altro gelato.

Il costo di queste macchine per il gelato è superiore ai 250 euro.

Alcune di queste gelatiere hanno il difetto di non poter essere spostate pena il malfunzionamento del sistema di raffreddamento: visto il loro ingombro, necessitano di una cucina molto grande che abbia uno spazio ad esse dedicato.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Fritto misto all'italiana

Si fa presto a dire fritto misto all'italiana ma le varianti regionali sono tantissime.


Fritto misto di pesce

Il fritto misto di pesce: il secondo piatto di mare per eccellenza, a base di gamberi, calamari e alici.


Fritto di paranza

La paranza o il fritto di paranza: un piatto di mare che prevede una grande varietà di pesci con le lische fritti.


Crocchette di patate

Le crocchette di patate o crocchè sono un classico cibo da strada diffuso soprattutto nel Meridione e in Spagna.

 


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Olive all'ascolana

Le olive all'ascolana, ripiene di carne e fritte: un piatto che dalle Marche ha fatto il giro del mondo.


Quique Dacosta

Enrique detto Quique Dacosta: lo chef spagnolo tre stelle Michelin e presente nell'elenco dei 50 Best Restaurants.


Fonduta di taleggio con pere al caramello salato

Per gli amanti dei gusti forti e agrodolci: fonduta di taleggio con pere al caramello salato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.