Pentole in pietra ollare

Le padelle in pietra ollare sono padelle costruite interamente in pietra ollare.

Si differenziano dalle padelle rivestite in pietra, che sono utensili da cucina costruiti solitamente in alluminio o acciaio (o materiale composito), e che vengono rivestite con uno strato antiaderente in pietra. Di questo tipo di padelle abbiamo parlato nell'articolo sulle padelle rivestite in pietra.

La pietra ollare è una pietra litica di colore verde scuro, costituita da rocce di talco e cloro, estratte principalmente in alcune zone alpine tra il Piemonte e la Lombardia. Viene usata, oltre che per utensili da cucine, anche per costruire stufe e forni, grazie alla sua alta resistenza al fuoco.

Padelle pietra ollare

La bassa conducibilità termica della pietra ollare rende le pentole, i tegami e le casseruole adatti per le cotture lunghe (sono ideali per stufati, zuppe, e in generale tutte le cotture in umido) poiché si scaldano molto lentamente, ma si raffreddano altrettanto lentamente. In sostanza, una volta calde, garantiscono una cottura uniforme mantenendo il fuoco al minimo.

Per lo stesso motivo la pietra ollare viene usata anche per produrre piastre per la cottura di carne, pesce ma anche pane e pizza. Una volta calda, la piastra è in grado di mantenere una temperatura costante, senza grosse variazioni, facilitando così la cottura dei cibi senza rischiare di bruciarli o di cuocerli a temperatura troppo bassa.

 

 

Per quanto riguarda la cottura di pane e pizza, la pietra ollare può fare le veci di una pietra refrattaria.

Se anche si attacca, il cibo può essere facilmente rimosso con una spugnetta bagnata.

Gli strumenti di cottura in pietra ollare non si graffiano e non si rovinano facilmente, ma vanno lavati a mano, o almeno generalmente viene sconsigliato il lavaggio in lavastoviglie.

I prezzi di una padella in pietra ollare sono piuttosto elevati, superando abbondantemente i 100 euro per le pentole di media grandezza e i 200 per quelli di grande dimensione.

I difetti delle pentole in pietra ollare sono per lo più legati alla pesantezza di queste e alla difficoltà di maneggiarle.

Sono utensili delicati, che richiedono una manutenzione laboriosa e scrupolosa, anche se sono molto affascinanti e scenografici da portare in tavola.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Struffoli napoletani

Gli struffoli: un dolce napoletano a base di palline di impasto aromatizzato all'anice, fritte e poi decorate con miele, canditi e confetti.


Torta tenerina

La torta tenerina o montenegrina: uno dei dolci senza lievito che piacciono tanto in questi ultimi tempi, un vero tripudio di cioccolato!


Coniglio al forno con patate

Coniglio al forno con patate: un secondo piatto italiano classico che tutti conosciamo, vediamo insieme la ricetta.


Tortino al cioccolato con cuore fondente

Tortino al cioccolato con cuore fondente o cuore morbido: due ricette di due grandi pasticceri per realizzarlo al meglio.

 


Torta caprese

La torta caprese il cui nome deriva dall'isola di Capri: la ricetta classica al cioccolato o nella variante al limone.


Tomaselle o tomaxelle (ricetta ligure)

Le tomaselle o tomaxelle: involtini di vitello e verdure tipici della cucina ligure.


La cucina africana

La cucina africana e le ricette della cucina africana.


Tamales

I tamales: i panini sudamericani fatti con la masa (la pasta di mais) e avvolti in foglie di platano o di pannocchia.