Bra

Bra è il capoluogo del distretto denominato Roero, che comprende una ventina di comuni sulla sinistra del fiume Tanaro, sul versante opposto ad Alba.

Il formaggio Bra, prodotto fin dal 1300, deve il nome alla città il cui mercato, in passato, è stato il più importante sbocco commerciale di questo tipico prodotto della montagna cuneese.

La zona di produzione del Bra comprende tutta l'area della provincia di Cuneo. La stagionatura può essere condotta, oltre che nell'area di produzione, anche nella zona del comune di Villafranca Piemonte, in provincia di Torino.

Il Bra ha acquisito la certificazione DO nel 1982 e la DOP nel 1996. Il disciplinare impone la presenza dell'apposito marchio riportato in etichetta.

Caratteristiche

Bra

Il bra è un formaggio prodotto con latte vaccino intero o parzialmente scremato, con aggiunte minime di latte di pecora e capra.

La forma è cilindrica, con scalzo diritto o leggermente convesso, con facce piane; le dimensioni sono di 7-10 cm di altezza, diametro 25-40 cm, peso 5-8 kg.

Si presenta in due tipologie:

  • Bra tenero: prodotto con latte intero; pasta compatta con qualche occhiatura, colore bianco o bianco avorio, crosta grigio chiaro, liscia e oleosa;
  • Bra duro: prodotto con latte parzialmente scremato; pasta colore giallo ocra, crosta dura consistente e colore beige scuro

Esiste poi il Bra d'alpeggio, prodotto e stagionato nei territori dei comuni montani della zona di origine.

 

 

 

La stagionatura va da 45 giorni a 3 mesi per il tipo tenero, da 6 mesi per il tipo duro, che fino e oltre un anno diventa formaggio da grattugia.

La pasta del Bra è compatta, con una rada piccola occhiatura di un colore che va dal bianco all'avorio. Il sapore è dolce e aromatico.

Il Bra duro, che può essere utilizzato anche da grattuggia, ha una crosta liscia e consistente, con colorazione beige scuro. La pasta è giallo ocra, sempre con piccole rade occhiature. Il sapore è decisamente piccante.

Il Bra è considerato come formaggio semigrasso in base alla % di grasso sul secco, ma secondo la nostra classificazione è un formaggio grasso in quanto ha un potere calorico che si attesta intorno alle 400 calorie per 100 g.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Come scegliere il burro

Come scegliere il burro: i criteri di scelta per un burro di qualità, da panna di centrifuga.


Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano

Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano: materia prima, lavorazione, stagionatura.


Formaggi DOP italiani

I formaggi DOP italiani: elenco di tutti i formaggi a Denominazione di Origine Protetta e loro descrizione dettagliata.


Solfiti nel vino

I solfiti nel vino: qual è la funzione dell'anidride solforosa ed è poi così nociva?

 


Ricotta: guida a una scelta di qualità

Ricotta: guida a una scelta di qualità in base alle qualità nutrizionali e organolettiche.


La frutta secca: guida a una scelta di qualità

La frutta secca: guida ad una scelta di qualità in base alla caratteristiche nutrizionali e organolettiche.


Cioccolato: guida a una scelta di qualità

La guida ad una scelta di qualità del cioccolato in base alla caratteristiche organolettiche e nutrizionali.


Prosciutti italiani - Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de Bosses

Prosciutti italiani di qualità: Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de bosses.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.