Vacherin Mont-d'Or DOP

Il termine vacherin in francese indica un formaggio prodotto con il latte vaccino, e il Vacherin Mont-d'Or non fa eccezione. Oltre a quello svizzero esiste anche il cugino francese, il Vacherin Mont D'Or AOC, prodotto nella zona montuosa del Doubs, praticamente a pochi chilometri da Vaud e Baulmes, zona vocata alla produzione del Mont-d'Or svizzero.

Viene prodotto da settembre a maggio, quando le mucche ritornano a valle dopo il periodo di alpeggio, quelle stesse mucche che durante l'estate vengono munte per produrre i vari groviera svizzeri.

Il Vacherin Mont-d'Or ha ottenuto la certificazione DOP nel 2003 e attualmente viene fabbricato da 12 piccoli produttori riuniti in un Consorzio di Tutela.

Produzione del Vacherin Mont-d'Or DOP

Vacherin Mont Or

Il Vaucherin Mont-d'Or DOP viene ottenuto con latte vaccino crudo termizzato, ossia riscaldato molto lentamente per mantenere inalterate le qualità e le caratteristiche del latte crudo.

La sua produzione è molto limitata, dato che nel periodo invernale le mucche danno meno latte, e secondo il disciplinare può essere venduto solo dal 10 settembre al 10 maggio.

I casari lo fanno maturare brevemente dentro contenitori di abete o di pino, che conferiscono al prodotto la sua nota aromatica tipica. La stagionatura è breve, dura dalle 6 alle 10 settimane.

Caratteristiche del Vacherin Mont-d'Or DOP

 

 

Il Vacherin svizzero si presenta di forma cilindrica, confezionato dentro scatoline di legno di circa 18 cm di diametro e 8 cm di altezza. Il peso è compreso tra 400 g e 1 kg.

La crosta è spessa e di un colore aranciato con muffe bianche, mentre l'interno è bianco e cremoso, viene infatti mangiato con il cucchiaino (come si fa anche con le tortas spagnole (i formaggi tipici dell'Extremadura). Emana sentori di bosco, di legno e di terra bagnata.

Può essere mangiato da solo a temperatura ambiente con un cucchiaino oppure può essere cotto in forno nella sua scatolina a 220°C per 30 minuti e accompagnato da patate lesse, fette di pane tostato e da un calice di Pinot Nero.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Come scegliere il burro

Come scegliere il burro: i criteri di scelta per un burro di qualità, da panna di centrifuga.


Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano

Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano: materia prima, lavorazione, stagionatura.


Formaggi DOP italiani

I formaggi DOP italiani: elenco di tutti i formaggi a Denominazione di Origine Protetta e loro descrizione dettagliata.


Solfiti nel vino

I solfiti nel vino: qual è la funzione dell'anidride solforosa ed è poi così nociva?

 


Ricotta: guida a una scelta di qualità

Ricotta: guida a una scelta di qualità in base alle qualità nutrizionali e organolettiche.


La frutta secca: guida a una scelta di qualità

La frutta secca: guida ad una scelta di qualità in base alla caratteristiche nutrizionali e organolettiche.


Cioccolato: guida a una scelta di qualità

La guida ad una scelta di qualità del cioccolato in base alla caratteristiche organolettiche e nutrizionali.


Prosciutti italiani - Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de Bosses

Prosciutti italiani di qualità: Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de bosses.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.