Modello della prestazione anaerobica

Quando la richiesta di energia supera quella massima esprimibile dal sistema aerobico, l'organismo mette in campo tutte le sue risorse anaerobiche, le quali possono essere sostenute per breve tempo.

Nelle prestazioni con una durata inferiore ai 2 minuti l'energia è fornita prevalentemente dai meccanismi anaerobici e solo in minima parte da quelli aerobici.

Le gare di sci da discesa, gli sprint fino agli 800 metri nella corsa, fino ai 200 metri nel nuoto e fino al km nel ciclismo sono esempi di sport prevalentemente anaerobici.

I meccanismi anaerobici sono profondamente diversi da quelli aerobici: le caratteristiche fisiologiche, i metodi di allenamento, le modificazioni sul fisico degli atleti indotti dall'allenamento sono altrettanto diversi.

La potenza anaerobica

La potenza anaerobica è la massima potenza che un soggetto riesce ad esprimere in uno sforzo massimale di pochi secondi (da 10 a 30 s). La fonte di energia prevalente è il sistema anaerobico alattacido, quello che sfrutta il creatinfosfato come fonte di ATP. La potenza aerobica si può misurare con uno sprint sulla breve distanza, a seconda della discliplina considerata (per esempio 50 metri di corsa o 25 metri di nuoto).

La tolleranza al lattato

Quando uno sforzo massimale viene prolungato oltre i 15 secondi, l'organismo esaurisce il creatinfosfato ed inizia ad utilizzare il meccanismo anaerobico lattacido. Il lattato viene prodotto a una velocità superiore a quella di smaltimento e quindi la sua concentrazione aumenta fino ad arrivare a un picco che si verifica in genere dopo 90-120 secondi. Maggiore è questo picco, maggiore sarà potenza che l'atleta è stato in grado di esprimere nella sua prestazione (a parità di altri fattori). Si definisce capacità anaerobica o tolleranza al lattato il picco di lattato che l'atleta è in grado di raggiungere in una prestazione di durata compresa tra 90 e 120 secondi, per esempio negli 800 m piani o nei 200 m di nuoto a stile libero.

Lattato o acido lattico?

 

Acido lattico

Si sente parlare spesso a sproposito di acido lattico.

Iniziamo col capire la differenza tra acido lattico e lattato. Tutti gli acidi sono tali in quanto, in ambiente acquoso, sono in grado di dissociare uno ione idrogeno (H+). L'acido lattico è il composto chimico indissociato, che in ambiente acquoso si dissocia in lattato e ione idrogeno. I problemi muscolari sono causati dallo ione idrogeno, non dal lattato in sè: tale ione acidifica i tessuti, abbassando il pH a livelli pericolosi per la cellula. Se l'organismo non avesse dei sistemi di difesa che bloccano la produzione di energia con il sistema lattacido il pH si abbasserebbe a livelli tali da uccidere le cellule.

L'abbassamento del pH ostacola il lavoro muscolare agendo sia a livello energetico (inibendo l'azione di enzimi necessari per la produzione di energia) sia a livello di meccanica muscolare, ostacolando fino ad impedire completamente la contrazione muscolare. Quando la concentrazione di lattato (e quindi di ioni H+) nel sangue raggiunge un valore critico, l'atleta avverte una serie di sensazioni tra cui il bruciore muscolare che a un certo punto lo costringono a rallentare e poi a fermarsi.

Gli atleti di mezzofondo di livello mondiale hanno una capacità anaerobica, cioè una capacità di tollerare elevati livelli di lattato nel sangue, fuori dal comune. I loro muscoli sono allenati a lavorare con concentrazioni di lattato molto elevate (fino a 25 mmol/l e oltre), e questo è dovuto a doti genetiche molto buone di partenza, e da un duro allenamento finalizzato proprio all'accumulo di lattato nel sangue.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


Tecnica dello sci: gli errori più comuni e come risolverli

Gli errori più comuni degli sciatori: sciare arretrati, e col peso sull'interno. Come risolverli?


Sci: la tecnica del carving

L'avvento degli sci carving ha reso più facile la vita di molti sciatori e ha cambiato la vita ad altri.


Equilibrio e centralità nello sci

La centralità e l'equilibrio sono due cose differenti: la centralità è necessaria se vogliamo fare curve sugli spigoli con la tecnica del carving.


Scarponi da sci: una scelta critica

In pochi sanno quanto gli scarponi da sci siano in grado di influenzare la prestazione. La scelta dello scarpone è altrettanto importante, rispetto a quella degli sci.

 


Sci e scarponi da donna

Sci e scarponi da donna: guida ad una scelta ideale.


Allenatore di sci alpino

Allenatore di sci alpino: la figura professionale deputata alla preparazione degli atleti, anche se questo mestiere viene svolto dalla minoranza degli allenatori.


Istruttore nazionale di sci

L'istruttore nazionale di sci rappresenta la massima espressione dello sci italiano, ed è la figura deputata alla formazione e all'aggiornamento dei maestri di sci.


Come scegliere gli sci

Come scegliere gli sci da discesa: caratteristiche diverse in base alle prestazioni.