TRX (allenamento in sospensione)

Con il termine "allenamento in sospensione", o "suspension training" si intende un tipo di allenamento della forza e della resistenza muscolare, basato sull'utilizzo di cinghie che vanno appese a un supporto, generalmente posto più in alto rispetto all'altezza dell'atleta, che può impugnare le estremità delle cinghie, oppure infilarci i piedi, vincolando le cinghie alle caviglie. In questo modo si possono svolgere innumerevoli esercizi, per le braccia o per le gambe, sfruttando solamente il peso corporeo, molti dei quali hanno la caratteristica fondamentale di mettere in crisi l'equilibrio, i muscoli del "core" e gli stabilizzatori delle articolazioni.

L'attrezzo più conosciuto per allenarsi in sospensione è il TRX, un prodotto commerciale che è diventato sinonimo di suspension training.

Storia dell'allenamento in sospensione

Le corde sono utilizzate per l'allenamento fin dall'800, tuttavia la storia modena dell'allenamento in sospensione è stata sviluppata negli anni '90 e commercializzata dal 2005, con il TRX (Total Resistance eXercise), inventato da Randy Hetrick, un ex membro della marina americana, laureato a Stanford.

Pressoché contemporaneamente sono stati sviluppati altri prodotti simili: l'Inkaflexx dell'ex calciatore cileno Kurt Dasbach; il FKPro degli ex preparatori atletici del Bristol City Football Club Mark Hammond e Pete Faulkner; il Ztrainer Fitness di Zita Alves; il tedesco aeroSling ELITE, ecc. Tutti questi attrezzi hanno un funzionamento molto simile, perché l'idea dell'allenamento in sospensione è davvero semplice e quindi non c'è molto da inventare: l'unica evoluzione significativa riguarda l'introduzione di un sistema di pulegge in grado di variare il carico, per rendere certi esercizi, altrimenti molto impegnativi, accessibili a tutti.

Il TRX "ufficiale" costa circa 150 euro, quelli più economici arrivano a costare 50 euro. Data la semplicità dell'attrezzo, si può puntare sulle versioni più economiche senza perdere la possibilità di allenarsi in modo efficace.

 

Com'è fatto un TRX?

Il TRX (o altro sistema equivalente, lo chiamo così perché ormai è diventato sinonimo di allenamento in sospensione) è composto da una cinghia singola, che va ancorata al soffitto o a qualunque punto di fissaggio, che a un certo punto si biforca in due cinghie, una per l'arto destro, una per quello sinistro. Le estremità sono regolabili in lunghezza, e terminano con appendici intecambiabili: le due più comuni sono le maniglie per le mani, e le asole per infilare le caviglie.

L'altra estremità è dotata di un'appendice che si può ancorare al soffitto o a qualunque supporto (il tronco di un albero, il telaio di un rack, ecc), o anche incastrare tra una qualunque porta e lo stipite superiore. Insomma, l'attrezzo è molto versatile e si può utilizzare in qualunque parco, in casa, in palestra, in garage... Inoltre occupa molto poco spazio ed è molto leggero.

A chi serve il TRX?

TRX (allenamento in sospensione)

L'allenamento in sospensione non è per tutti. Gli esercizi più interessanti sono quelli che sollecitano il core e i muscoli stabilizzatori delle articolazioni, che tuttavia sono piuttosto duri e possono essere eseguiti in modo corretto solo da atleti abbastanza evoluti, con un core già abbastanza sviluppato e una forza generale di medio/buon livello.

Sebbene possa essere utilizzato anche per eseguire esercizi semplici, per le braccia e per le gambe, il vero punto di forza del suspension training riguarda gli esercizi che sollecitano il core e i muscoli stabilizzatori delle articolazioni, soprattutto quelli delle spalle, del tronco e, appunto, del core, cioè tutti i muscoli intorno al basso dorso e alle anche. Per questo motivo il TRX è uno degli attrezzi più utilizzati nell'allenamento funzionale (functional training).

 

Concludendo, possiamo dire che il TRX è un'ottimo strumento per allenare tutti i muscoli del corpo, e soprattutto per la core stability, dedicato non a chi è digiuno di attività fisica, ma a soggetti che già praticano sport, oppure sono molto giovani (e quindi ancora forti e flessibili). Il TRX è ottimo per la preparazione atletica degli sportivi che praticano sport di squadra, sport di potenza e di endurance, e soprattutto per gli sport in cui l'equilibrio è molto importante (sci alpino, motociclismo, ecc). È altrettanto efficace per chi pratica sport solo per il proprio benessere, come attrezzo da utilizzare 1-2 volte a settimana, affiancandolo ad una attività aerobica ed eventualmente all'allenamento con i sovraccarichi.

Il TRX è molto versatile e può tranquillamente essere installato in casa. Prima di utilizzarlo, si consiglia di fare qualche lezione con un personal trainer qualificato (qui trovi quelli qualificati da TRX), che in base alle capacità atletiche imposti un programma di allenamento, e che soprattutto insegni al soggetto come eseguire gli esercizi in modo corretto, per evitare infortuni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


Usare i piedi nello sci: il Tipping

Molti avranno sentito qualche esperto parlare dell'importanza dell'uso dei piedi nello sci. Ma cosa significa realmente?


Freddo alle mani nello sci

Il freddo alle mani è la bestia nera di molti sciatori: vediamo come sconfiggerlo, con metodi più o meno drastici a seconda della gravità del problema.


Freddo ai piedi nello sci: cosa fare?

Cosa fare contro al freddo ai piedi nello sci? Dalla scelta dello scarpone, alle strategie più soft, fino alle soluzioni drastiche.


Scarponi da sci riscaldati

Scarponi da sci riscaldati: i sistemi di riscaldamento per gli scarponi da sci. Solette e calze riscaldati, sistemi elettrici e non.

 


Scarponi da sci: una scelta critica

In pochi sanno quanto gli scarponi da sci siano in grado di influenzare la prestazione. La scelta dello scarpone è altrettanto importante, rispetto a quella degli sci.


Tecnica dello sci: gli errori più comuni e come risolverli

Gli errori più comuni degli sciatori: sciare arretrati, e col peso sull'interno. Come risolverli?


Sci: la tecnica del carving

L'avvento degli sci carving ha reso più facile la vita di molti sciatori e ha cambiato la vita ad altri.


Equilibrio e centralità nello sci

La centralità e l'equilibrio sono due cose differenti: la centralità è necessaria se vogliamo fare curve sugli spigoli con la tecnica del carving.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.