Usare i piedi nello sci: il Tipping

Molti avranno sentito qualche esperto parlare dell'importanza dell'uso dei piedi nello sci.

Frasi come "solo chi ha imparato a usare i piedi è un bravo sciatore", "per sciare bene bisogna saper usare i piedi", sono abbastanza comuni nel gergo degli addetti ai lavori. Anche i telecronisti in televisione, riferendosi a giovani talenti, fanno spesso riferimento ai loro piedi: "quel giovane ha i piedi d'oro", e cose del genere.

Anche io nella mia esperienza di sciatore ho sentito mille volte parlare dell'uso dei piedi, ma a dire il vero in pochi mi avevano spiegato in modo chiaro cosa esattamente dovessero fare. O meglio, potevo aver capito che il movimento doveva iniziare dai piedi e bisognava utilizzare anche i muscoli del piede e della caviglia per sciare, operazione che, tra l'altro, potrebbe sembrare assurda visto che l'articolazione della caviglia è quasi bloccata! La cosa più naturale che mi veniva in mente è quella di utilizzare i piedi per dare direzione agli sci, sterzarli per farli entrare in curva... Cosa vera, ma non l'unica, e sicuramente non la più importante.

Per capire cosa significa usare i piedi nello sci, si deve partire dagli unici due movimenti consentiti al piede all'interno dello scarpone: la rotazione, e l'inclinazione laterale. Usare i piedi nello sci significa saper modulare questi due movimenti nei modi e nei tempi opportuni, durante la sciata.

Ruotare i piedi

Il movimento di rotazione dei piedi è il realtà comandato dalle anche. Le caviglie infatti non possono ruotare rispetto alla tibia a causa degli scarponi, e il ginocchio non consente movimenti di rotazione tra il femore e la tibia. Dunque, per ruotare i piedi, si devono ruotare le anche. Lo sciatore principiante non esegue questo movimento, dunque per far cambiare direzione agli sci e curvare ruota tutto il corpo in blocco, dando impulso alla rotazione con le spalle. Questo modo di sciare è inefficace e lo sciatore principiante, per evolvere, dovrà imparare a ruotare i piedi, per far curvare gli sci, in modo indipendente dalle spalle. Appreso questo gesto la sciata diventerà molto più efficace, il cambio di direzione più rapido, la presa di spigolo più energica e anche controllare la velocità sarà più facile.

 

 

 

Tutti gli sciatori di medio livello sanno ruotare i piedi usando la rotazione delle anche, tuttavia esistono diversi livelli di sensibilità. Uno sciatore bravo è in grado di scendere con traiettoria rettilinea lungo la massima pendenza, in un pendio facile, ruotando gli sci di 90 gradi da una parte e dall'altra, mantendo le spalle ferme, perpendicolari alla massima pendenza.

Già riuscire a ruotare gli sci di 45 gradi, cambiando di poco direzione ma mantendo le spalle ferme verso valle, è un buon risultato. Per fare questo occorre essere in grado di mantenere la centralità durante tutte le fasi della curva, e avere una certa sensibilità nel piede, che deve mantenere lo sci piatto durante tutte le fasi del movimento, per evitare che lo sci si vincoli al terreno, impedendone così la rotazione.

Il tipping

Usare i piedi nello sci

 

Tipping

Harald Harb nel primo dei DVD della collana "Essentials DVD Library" insegna il movimento fondamentale dello sci, senza il quale non è possibile diventare sciatori esperti (e cioè tirare curve sugli spigoli).

Harb chiama questo movimento "tipping", che in inglese significa "inclinare": in sostanza si tratta di sollevare la spatola di entrambi gli sci per metterli sulle lamine interne, come indicato nella due foto qui a fianco. Questo è il gesto fondamentale dello sci e sebbene possa sembrare piuttosto facile da eseguire, non lo è affatto e solo gli sciatori esperti sono in grado di effettuarlo in modo molto disinvolto mentre sciano. I non sciatori, ma anche gli sciatori mediocri o intermedi, difficilmente riescono ad inclinare in questo modo i piedi, e non ci riescono nemmeno da fermi, figuriamoci mentre sciano!

Il perché è presto detto: il tipping è un movimento non comune, ma peculiare dello sci, nelle attività di tutti i giorni come camminare, ma anche negli sport come la corsa o gli sport di squadra, i piedi sono sempre ben appoggiati al suolo e non si cerca mai di inclinarli in quel modo. Dunque è normale che questo movimento non sia nelle nostre corde, ma solo di chi ha sciato fin da bambino e dunque ha assimilato il tipping come un movimento naturale... O di chi lo ha appreso con esercizi specifici.

 

 

Quando si parla di "usare i piedi nello sci" s'intende soprattutto padroneggiare il gesto del tipping e utilizzarlo come movimento fondamentale della sciata. Gli sci moderni, grazie alla loro sciancratura, curvano da soli: basta metterli sugli spigoli. Ma per mettere efficacemente sugli spigoli gli sci, bisogna partire dai piedi e utilizzare il tipping. Tutti gli altri movimenti della parte superiore del corpo, come vedremo in successivi articoli, vengono in conseguenza del tipping e delle forze che vengono generate quando lo sci, messo sulla lamina, inizia a cambiare direzione.

Se non si padroneggia questo movimento, non è possibile sciare con la tecnica del carving, e per impararlo, bisogna ovviamente applicarsi, periodicamente e per un tempo sufficiente, con esercizi mirati.

Invece di sterzare lo sci bisogna semplicemente effettuare la transizione prima appiattendo lo sci e poi mettendolo sull'altro spigolo, e lasciare che sia lo sci, grazie alla sciacratura, a cambiare direzione mantenendo sempre la perfetta conduzione sulla lamina. Effettuare in modo corretto questa transizione non è semplice.

L'esercizio fondamentale da padroneggiare è il seguente. Andate su un pendio molto dolce, quasi in piano. Partite e, disinteressandovi completamente della parte superiore del corpo, inclinate i piedi, concentrandovi soprattutto su quello interno, per far girare lo sci solamente sfruttandone la sciancratura. È fondamentale riuscire a disegnare due binari netti, i solchi generati dalle lamine che incidono la neve. Cioè non deve esserci alcun tipo di sbandata: deve essere "carving" puro. Se riuscite a cambiare gli spigoli senza sbandare, e quindi riuscite a disegnare due binari netti nella neve dall'inizio alla fine, senza soluzione di continuità, allora siete in possesso del movimento fondamentale per sciare con la tecnica del carving (cioè sugli spigoli). Se invece non ce la fate perché non riuscite a collegare le curve, o addirittura fate fatica a far girare lo sci e siete costretti a ruotare il piede per indirizzare lo sci, allora scordatevi di fare le curve sugli spigoli... E iniziate a tentare questo esercizio ogni volta che vedete una parte di pista in piano davanti a voi!

Quando avrete capito cosa significa usare i piedi nello sci, e avrete imparato gli esercizi per imparare ad usarli, vi si apriranno orizzonti di miglioramento insperati.

Non sterzate gli sci! Davvero?

"Don't turn your skis"! Questo è il consiglio, perentorio, di Harald Harb. Ok, ma glielo andate a dire voi a Luca De Aliprandini (uno dei migliori gigantisti italiani nella stagione 2017), che spesso e volentieri si esibisce nelle "intraversate" a inizio curva?

Sterzare gli sci
Condurre gli sci

Nelle due immagini, vediamo come Luca a inizio curva esegue esattamente il movimento descritto in precedenza: le spalle sono rivolte verso la porta che sta per affrontare, gli sci sono ruotati di 90 gradi, verso la porta successiva, e il fulcro del movimento sono chiaramente le anche. In questo fotogramma gli sci stanno derapando, e quindi frenando, mentre nella foto successiva, superata la porta, lo sci sta "carvando", in perfetta conduzione, e le spalle sono dirette come gli sci, verso la nuova porta. Questo è un movimento esasperato, ma è esattamente quello che bisogna fare per essere efficaci ed aggressivi quando la pendenza o la traiettoria desiderata non consentono di condurre al 100%.

Se volete vedere tutta la curva, la trovate qui a 2'40''. Le "correzioni di piede" si possono fare in qualunque parte della curva, per esempio a 1'28'', sempre nello stesso video, c'è una correzione a fine curva: la sciancratura dello sci non consente di star dentro al tracciato e Luca è costretto a correggere la traiettoria dello sci, ruotando il piede. Anche a 1'32'' c'è una correzione a fine curve, quasi impercettibile. La correzione a fine curva è sempre più grave, rispetto a quella a inizio curva, perché penalizza la velocità, in gara; e il dinamismo della sciata e quindi l'efficacia e la bellezza dello sciatore, in pista. La correzione può essere anche "spalmata" su tutta la curva, cosa ancor più difficile.

Nel primo fotogramma si nota tuttavia un particolare: lo sci è sì ruotato, ma è ANCHE sullo spigolo (e non poco)! Ad alto livello, quindi, lo sci deve essere innanzitutto sullo spigolo, e lo deve essere SEMPRE, fin dalle prime fasi della curva. Solo se necessario, IN AGGIUNTA, si deve utilizzare la rotazione del piede, per controllare la velocità e/o correggere la traiettoria. E più lo si fa in modo modulato, fluido e solo quel tanto che basta, più la sciata sarà efficace e sembrerà comunque in conduzione. La rotazione del piede, se ben modulata, consente comunque di condurre, lasciando due strisce definite sulla neve, tipiche di una sciata "binariata" al 100%.

Concludendo, lo sciatore intermedio che vuole evolvere deve esercitarsi soprattutto per apprendere e/o affinare la tecnica del tipping, imparando a fare le curve perfettamente binariate sui tratti pianeggianti, cercando di aumentare via via l'inclinazione e di conseguenza riducendo il raggio di curva, per poi eseguire questo esercizio su pendii sempre più ripidi. Questi miglioramenti verranno immediatamente e automaticamente riportati nella normale sciata, che vedrà sempre più sostituire la presa di spigolo alla rotazione dei piedi.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


Perché si usa la potenza (Watt) nel ciclismo?

Spesso si sente parlare di Watt o di potenza, nel ciclismo: perché solo in questo e non negli altri sport?


Fit-test: scopri se sei veramente in forma

Fit-test: scopri se sei veramente in forma con un test di corsa, ciclismo, camminata o nuoto.


Core stability

I termini "core" e "core stability" sono sempre più in voga nel mondo del fitness e dello sport: scopriamo l'importanza del core e come allenarlo correttamente.


Allenamento con le ripetute

L'allenamento con le ripetute va eseguito solo da chi è già esperto: serve per aumentare il carico di allenamento ad intensità elevata.

 


Nuoto e triathlon: quanto conta e come allenarsi

Nuoto e triathlon: quanto conta il nuoto in una gara di triathlon? E come allenarsi in piscina in funzione di ottenere il massimo in una gara di triathlon?


Fatica muscolare

Il termine fatica (o affaticamento) esprime lo stato che si verifica quando avviene una diminuzione delle prestazioni. Dipende dalla deplezione di glicogeno e dall'acidificazione del muscolo.


Dolore muscolare e DOMS

Dolore muscolare e DOMS: il dolore muscolare immediatamente dopo l'allenamento e quello 'successivo'. I DOMS vanno ricercati o evitati?


Usare i piedi nello sci: il Tipping

Molti avranno sentito qualche esperto parlare dell'importanza dell'uso dei piedi nello sci. Ma cosa significa realmente?