Norme di comportamento sugli sci

Lo sci, come qualsiasi altra attività svolta dall'uomo, comporta rischi e responsabilità di carattere civile e penale.

Questo significa che se un soggetto arreca danno a cose e/o persone mentre scia, ne risponde personalmente in sede civile e/o penale qualora sia accertata la sua responsabilità.

Le piste da sci sono impianti sportivi e quindi andrebbero considerati come tali. Per capire meglio il concetto, una pista da sci dovrebbe essere considerata alla stregua di una pista di motocross, dove tutti sono lì per fare sport, e non per farsi un giretto in moto in relax. In un crossodromo il livello tecnico dei crossisti è molto differente, tuttavia le regole di comportamento sono omogenee e rispettate da tutti. In un crossodromo nessuno si lamenta del fatto di essere "sverniciato" a velocità doppia da uno più bravo di lui che lo sorpassa a 20 cm di distanza... Invece in una pista da sci capita spesso di essere redarguiti perché si scende ad alta velocità o si passa troppo vicini a una persona ferma in mezzo alla pista.

Se i frequentatori delle piste fossero tutti sciatori sportivi, non ci sarebbero problemi: le piste da sci verrebbero considerate come impianti sportivi e le regole di comportamento sarebbero adatte alla convivenza pacifica degli sciatori sportivi.

Purtroppo sulle piste convivono sciatorie sportivi e ricreativi (con una netta prevalenza di questi ultimi) e da qui nascono pericoli e diverbi... Che possono essere risolti se entrambe le categorie di sciatori tengono conto dell'esistenza degli altri, e ne rispettano i bisogni.

 

 

Le norme di comportamento della FIS

Norme di comportamento sugli sci

Le piste da sci non sono strade, ma impianti sportivi.

Dunque, non esiste un limite di velocità e le regole di comportamento sono dettate essenzialmente da norme di buon costume e di rispetto reciproco.

La FIS (Federazione internazionale sport invernali) ha redatto delle norme semplici, che tutti dovrebbero seguire per evitare gli incidenti.

Rispetto per gli altri

Ogni sciatore deve comportarsi in modo da non mettere in pericolo né provocare danni ad altre persone.

Controllo della velocità e Comportamento sulle piste

Lo sciatore deve avere sempre l'attrezzo sotto controllo. Deve quindi adattare la velocità e il modo di sciare in base alle proprie capacità e alle condizione climatica della pista e della neve nonché del traffico.

Scelta della direzione

È compito dello sciatore che sopraggiunge da monte scegliere una direzione tale che non comporti pericolo di collisione con lo sciatore a valle.

Sorpasso

Il sorpasso può essere effettuato tanto a monte quanto a valle, sulla destra o sulla sinistra, ma sempre a una distanza tale da consentire le evoluzioni dello sciatore sorpassato, volontarie o involontarie che siano.

Attraversamenti e incroci

Lo sciatore che si immette su una pista o attraversa un terreno di esercitazione deve assicurarsi di poterlo fare senza pericolo per sé e per gli altri.

Sosta

a meno che non sia strettamente necessario, sarebbe opportuno evitare di fermarsi in punti stretti e dove c'è poca visibilità. Se ci si dovesse imbattere in una caduta, lo sciatore ha il dovere di sgomberare la pista al più presto possibile.

Percorrere le piste a piedi

Quando si sale e si scende a piedi lungo le piste a piedi bisogna farlo restando sui margini di essa.

Rispetto della segnaletica

Tutti gli sciatori devono rispettare la segnaletica delle piste.

In caso di incidente

In caso di incidente tutti devono prestare soccorso ai coinvolti.

Identificazione

Chiunque sia coinvolto in un incidente o ne è testimone è tenuto a dare le proprie generalità.

Le regole di comportamento "sportive"

Se vi capita di imbattervi in una squadra di agonisti che si allena “fuori dai pali”, cioè sulle normali piste, noterete regole di comportamento rigide e piuttosto diverse da quelle che in genere vengono adottate dagli sciatori ricreativi.

Lo sciatore sportivo affronta un tratto di pista e decide che tipo di curve effettuare: in base al tipo di sciata, deciderà di occupare una porzione di pista (in larghezza).

Le norme di comportamento "sportive" prevedono che dal momento in cui parte, lo sciatore ha il diritto esclusivo ad occupare il tratto di pista di fronte a lui, per una larghezza che dipende dal tipo di sciata (curve strette-> larghezza limitata; curve larghe-> larghezza media o ampia) e una lunghezza che dipende dalla velocità (per esempio 30 metri per curve strette fatte a velocità bassa, 50 metri per curve larghe a velocità più sostenuta).

Lo sciatore a valle, prima di partire deve accertarsi di non violare questo spazio, perché questo significa mettere a rischio la propria e l'altrui sicurezza. D'altro canto lo sciatore sportivo deve accertarsi che occuperà solo la fascia di pista che ha deciso di occupare e che ha controllato essere libera. Lo sciatore sportivo ha una sciata molto prevedibile ed è più facile stargli alla larga.

Lo sciatore ricreativo ha una sciata rilassata e spensierata: anche se è lento, le sue traiettorie sono imprevedibili. Molto spesso non si cura di chi proviene da dietro e non rispetta lo spazio “vitale” dello sciatore sportivo perché suppone che tutti si comportino come lui e che la pista sia un giardinetto dove la gente passeggia, non un impianto sportivo dove la gente corre e dove lui può essere di intralcio se non si preoccupa di chi arriva da dietro.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


Sci: consigli per principianti

Sci: consigli per i principianti che vogliono iniziare a sciare. Scelta del comprensorio, del maestro, dell'attrezzatura e della preparazione fisica.


Sciare a gambe larghe o strette? Sci uniti o larghi?

Sciare a gambe larghe o strette? Sci uniti o larghi? Spesso si tende a consigliare di tenere gli sci più larghi, ma è davvero un consiglio utile?


Camminare - Nordic walking, power walking, fit walking

I tipi di camminata diventati sport potenzialmente allenanti: walking, power walking, fit walking. Quante calorie si consumano?


Consumo di calorie nella corsa in salita

Quante calorie si consumano nella corsa in salita? Calcoliamolo in modo approssimativo utilizzando i dati presenti in letteratura.

 


Endless pool (nuoto controcorrente)

La endless pool (nuoto controcorrente) è il tapis roulant del nuoto. Scopriamo se è efficace come metodo di allenamento per il nuoto o il triathlon, o semplicemente per mantenersi in forma.


Allenamento misto corsa e camminata

Allenamento misto corsa e camminata: abbinare ai benefici della corsa la minor traumaticità della camminata.


HIIT (High Intensity Interval Training)

Con l'acronimo HIIT s'intendono tutti i metodi di allenamento basati su durate molto brevi e intensità molto elevate. Dura solo 5-10 minuti, ma non è tutt'oro quel che luccica...


Tabata (metodo di allenamento): funziona?

Il metoto Tabata è un protocollo ad alta intensità sviluppato dall'omonimo scienziato giapponese negli anni '90. Scopriamo che non è tutto oro quel che luccica...

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.