Croazia e Friuli 2008 - Rijeka (Fiume), Isola di Krk, Quarnero

Downloads e links utili

Storia di Rijeka (Fiume)

Isola di Krk

Giorno 9 - Mar 12/8/2008
Mercato di Rijeka (Fiume) - Isola di Krk

Nulla è programmato da qui in poi... Decidiamo di iniziare la discesa verso Spalato e di fermarci lungo la strada dove ci sembra più interessante il paesaggio. Arriviamo a Rijeka, la vecchia e famosa Fiume, verso le 12.30, quando i negozi e il mercato sono ormai in chiusura. La città sembra molto bella e decidiamo di fare un giretto, parcheggio lungo la strada che costeggia il mare... Al che scopriamo di essere esattamente di fronte al mercato! Che effettivamente sta chiudendo, ma molti banchetti sono ancora aperti. Il mercato di Rijeka è veramente enorme, uno dei più grandi che abbiamo visto in Croazia: ci sono strutture coperte separate per la carne e per il pesce, almeno 3 capannoni, più tutta la zona esterna con frutta, verdura, panifici.

Acquistiamo una sorta di pane carasau, e qualche formaggio di capra e pecora, un po' costosi, ma interessanti.

Clicca sulle foto per ingrandire

Clicca sulle foto per ingrandire

 

Istria vacanza

Ripartiamo e scopriamo che l'isola di Krk è servita da un ponte. Sarebbe un peccato non visitare almeno un isola croata... E prendiamo il ponte, pagando un pedaggio di 4 euro circa (andata e ritorno). Arriviamo a Krk (la città omonima), un bel paese, ma un po' troppo turistico per i nostri gusti.

Decidiamo di tornare verso Malinska e ci sistemiamo nel grande campeggio. Facciamo subito un giretto in mtb sul lungomare, verso sud, arrivando fino al paese successivo: un bel giro che si può fare a piedi (2 ore andata e ritorno) o in bicicletta (45 minuti).

Nuotatina serale per perlustrare il fondale... Che si presenta, come al solito, un po' triste: inadatto per pescare, dunque il giorno successivo, dopo un giro in mtb mattutino, abbiamo in programma la ripartenza verso sud.

Giorno 19 - Mer 13/8/2008
Malinska

Al mattino prendiamo uno dei sentieri consigliati dalla mappa che abbiamo preso all'ufficio del turismo il giorno precedente. Colazione con i primi fichi della stagione (ehm... Non saranno gli unici...), venduti da una contadina che li espone insieme all'olio e alle solite grappe nelle bottiglie della coca cola.

Purtroppo sbagliamo sentiero e ci ritroviamo un una "selva oscura" sempre più impraticabile... Un allenamento di coordinazione tra sassi e radici, che tutto sommato male non fa.

 

Di rientro primo pranzo al ristorante della vacanza, dove mangio i famosi cevapcici, un piatto simbolo della Croazia, con un pane piatto, la salsa a base di peperone, e la cipolla cruda. Laura sceglie i classici calamari con salsa a base di olio, aglio e prezzemolo. Spesa 20 euro circa con acqua e birra... Il risparmio rispetto all'Italia, in queste zone turistiche, non è molto.

Chi è stato in Croazia narra di fantasmagoriche grigliate di pesce. Ma la cucina Croata è altro. I cevapcici (o cevapi) sono un piatto molto diffuso: sono delle semplicissime polpette cilindriche di carne trita di maiale e manzo. Nel nord è diffusa una variante con cipolla tritata e spezie (paprica, pepe, ecc), presente anche in Friuli. Vengono cotti alla piastra e serviti con una salsa tipica a base di peperoni, l'Ajvar (simile alla nostra peperonata), che può essere dolce o piccante. Vengono serviti anche con un pane piatto (tipo pane-pizza) e cipolla cruda. Si possono acquistare presso tutti i supermercati e i macellai, anche la salsa ai peperoni è venduta confezionata nei supermercati (ed è in genere di buona qualità, anche se contiene oli vegetali generici o olio di girasole).

Clicca sulle foto per ingrandire

Clicca sulle foto per ingrandire

Ripartiamo verso sud e imbocchiamo la strada che costeggia il mare: l'ambiente è desertico, a sinistra ripide montagne, a destra il mare. Pochi paesi, pressoché disabitati. Ci fermiamo a Lukovo, dove troviamo un affittacamere lungo la strada. Scendiamo lungo la ripida strada che va in paese: un paesello piccolissimo con qualche decina di turisti, un bar, qualche ombrellone. Un paradiso per chi cerca la tranquillità.

Provo a fare una immersione, ma anche qui di pesce ce n'è pochissimo e il fondale non è dei migliori. Incontro anche degli altri pescatori... Ma loro hanno la barca. Inizio a rendermi conto che senza una barca non si riescano proprio a raggiungere luoghi di pesca interessanti.

Clicca sulle foto per ingrandire

Il giorno successivo ripartiamo, sperando di incontrare un posto interessante per fermarci 4-5 giorni. Questo posto non lo troveremo e quindi raggiungeremo l'ultima meta "prefissata" della vacanza: Biograd.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Wellness Gourmet


Bordeaux: viaggio gastronomico

Viaggio gastronomico a Bordeaux: gli indirizzi migliori per bere vino, mangiare e acquistare prodotti tipici.


Cucina e ricette tipiche delle Marche

La cucina e le ricette tipiche delle Marche: dalle olive all'ascolana ai vincisgrassi.


I nostri viaggi gastronomici

I nostri viaggi gastronomici in Italia e in Europa


Produttori di alimenti di qualità in Sicilia

Elenco produttori di alimenti di qualità in Sicilia, che soddisfano il nostro rigoroso criterio di selezione.

 


Vini DOC, DOCG e IGT della Valle d'Aosta

I vini DOC, DOCG e IGT dela Valle d'Aosta: Blanc de Morgex, chardonnay, nebbiolo...


Prodotti tipici della Valle d'Aosta

I prodotti tipici della Valle d'Aosta: Fontina, formaggi d'alpeggio, lardo d'Arnad, prosciutto, vini...


Vini DOC, DOCG e IGT dell'Umbria

I vini DOC, DOCG e IGT dell'Umbria: sagrantino, montefalco, muffato sala, grechetto...


Prodotti tipici dell'Umbria

Prodotti tipici dell'Umbria: formaggi, salumi, prosciutto di Norcia...

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.