Alimentazione del bambino - Alimentazione pediatrica

Perché parlare di alimentazione del bambino? Già, la domanda, come si dice, sorge spontanea: trattandosi di un sito prevalentemente dedicato all'alimentazione dell'adulto, affrontare l'ampio tema di cosa debbano mangiare i nostri bambini potrebbe sembrare un po' fuori luogo.

In realtà, questo sito non è dedicato SOLO all'alimentazione dell'adulto, bensì alla corretta alimentazione, ed è fuor di dubbio che il momento migliore per impostare una corretta alimentazione sia proprio durante l'età infantile.

Le norme nutrizionali più giuste ed appropriate, quelle che fonderanno la base degli stili alimentari dell'adulto, si apprendono infatti proprio durante l'infanzia, ed in particolare nei primi due anni di vita.

Secondo una delle più note ed accreditate studiose di alimentazione infantile, ovvero la dott.ssa Irene Axelsson, infatti, nella vita di ognuno di noi esistono solo due grandi rivoluzioni alimentari, due soli punti in cui si decide tutto il nostro futuro destino, per quanto riguarda gli aspetti nutrizionali, due punti che sono vere e proprie rotture rispetto al "passato"… ed entrambi sono in età pediatrica!

Il primo di questi punti di rottura è rappresentato dalla nascita: è questo il momento in cui, dopo 9 mesi circa di alimentazione per vena (attraverso i vasi ombelicali che ricevono il nutrimento dalla placenta), si passa per la prima volta ad un'alimentazione orale, rappresentata dal latte, sia esso - come è altamente auspicabile e raccomandabile - materno, sia invece con un latte formulato (cosiddetta "alimentazione artificiale").

Il secondo momento di stacco avviene a circa 6-7 mesi di vita, con il divezzamento: in questo processo, infatti, che dura circa 1 anno, si passa progressivamente da un'alimentazione esclusivamente lattea, monotona se si vuole, ad una diversificata sia per consistenza che per composizione che per stili. Sempre secondo la Axelsson, qualunque scelta alimentare si possa volontariamente compiere nelle epoche della vita successive, per quanto radicale essa sia, potrà mai rappresentare uno stacco tanto grande come le due che abbiamo citato.

 

 

Alimentazione del bambino

Così, poiché molti dei nostri utenti sono sicuramente genitori, oppure hanno a che fare a vario titolo con i bambini, ci è sembrato giusto dedicare una sezione del sito ai principi nutrizionali più corretti, alla luce delle conoscenze attuali, per questa fascia d'età.

La nostra sarà necessariamente una carrellata piuttosto rapida, ma esaustiva per quanto lo si può essere, che non vuole peraltro sostituirsi all'opera del proprio pediatra di fiducia, che dovrebbe sempre rappresentare il punto di riferimento principale anche per quanto riguarda l'alimentazione.

Noi cercheremo semplicemente di percorrere le tappe principali dell'alimentazione del bambino, dando alcune indicazioni su cosa è opportuno fare e cosa sarebbe bene evitare, nonché su quelli che sono i principali principi informativi relativi a quella specifica tappa o situazione.

Siamo aperti a suggerimenti e richieste specifiche, per ampliare ulteriormente questa sezione.

Gli articoli di nutrizione infantile presenti nel sito sono tratti - modificati, adattati ed aggiornati - dall'opuscolo "Il bambino, la sua famiglia e il cibo", di A. Vania, A. De Pascale, G. Pitzalis e S. Monti, ad uso di medici e specializzandi interessati in alimentazione infantile e pubblicato nei "Quaderni di aggiornamento in Pediatria" editi da PLADA - Divis. Dieterba.

Alimentazione del bambino adolescente

Com'è noto, l'adolescenza è un periodo caratterizzato da tutta una serie di importanti modificazioni fisiche, psichiche, comportamentali e sociali che si concretizzano in un profondo bisogno di indipendenza ed autonomia in tutti i campi del vivere, non esclusi dunque i comportamenti alimentari. L'immagine fisica di sé infatti per ...

 

Alimentazione del bambino all'asilo

Fin dai primi anni di vita si possono cominciare a delineare quelle abitudini alimentari che - se persistenti nel tempo - facilmente portano ad uno stato di sovrappeso o di obesità già nel bambino. Infatti non è infrequente trovarsi di fronte - e soprattutto in Italia ! - a bambini che da un lato assumono un eccesso di proteine ...

 

Allattamento del bambino

L'allattamento al seno era la norma in epoca preindustriale, e la sua durata era molto lunga, compresa tra i 9 e i 12 mesi. In alcune regioni le mamme procedevano con l'allattamento al seno addirittura per 3 anni. Poi, col sorgere dell'industria le cose sono cambiate e anche se dagli anni 70 si è verificata una inversione di tendenza, oggi l'allattamento ...

 

Divezzamento - Un esempio pratico

Questa email di una visitatrice ci ha fornito diversi spunti molto interessanti, dai quali è nato questo articolo che parla di un esempio pratico di divezzamento. Gentile signora, in effetti da un po’ poche informazioni perché io possa essere a mia volta preciso nelle risposte… ciò nonostante, cercherò di fare ...

 

Il cibo alla scuola elementare

Che la scuola elementare possa rappresentare un valido banco di prova per un duraturo programma di educazione alimentare extrafamiliare lo stanno dimostrando proprio i recenti progetti sperimentali che sempre più di frequente si sentono nominare e presentare sui mass-media. Infatti se, come visto, un'educazione alimentare corretta intesa in ...

 

Il divezzamento

Il divezzamento è il periodo transitorio in cui il latte, umano o no, cessa di essere l'alimento unico del bambino, per essere gradualmente sostituito da alimenti semi solidi e poi solidi. Se questa definizione esaurisce la componente nutrizionale, non esaurisce però quella alimentare: il divezzamento rappresenta infatti anche il periodo ...

 

Il divezzamento: le pappe

Tutte le più accreditate teorie sul divezzamento in italia oggi, escludono l'uso delle pappe - o farine - lattee nel divezzamento, soprattutto come pasto di inizio di tale importantissimo periodo, e ciò per varie ragioni. La prima e più importante è di ordine educativo, in quanto il divezzamento dovrebbe rappresentare il ...

 

L'alimentazione sportiva per il bambino

Le raccomandazioni nutrizionali che lo sportivo di età pediatrica deve seguire sono analoghe a quelle prescritte all'adulto che fa sport, e si riassumono nella raccomandazione di evitare errori grossolani che possono far scadere notevolmente la prestazione, vanificare l'effetto dell'allenamento o peggio diventare pericolose per la salute dell'organismo ...

 

Obesità del bambino

Sebbene non ancora inclusa nei cosiddetti DCA (disturbi delle condotte alimentari), pochi nutrono dubbi sul fatto che l'obesità sia una patologia che riconosce alle origini una forte componente psicologica; questa componente, di qualunque tipo e segno possa essere, sfocia – in questi soggetti – in comportamenti errati nei confronti ...

 

Perché si diventa obesi

Indipendentemente da quali altre cause si associno, l'obesità “essenziale” o primitiva o primaria risulta sempre da un bilancio energetico positivo, cioè da un persistente squilibrio relativo tra ciò che si mangia (= troppo) e ciò che si consuma (= troppo poco). Le cause per le quali si giunge a questo stato sono ...

 

Valutazione obesità del bambino

Diagnosticare un'obesità in un bambino non è altrettanto semplice che nell'adulto. Il rapporto peso/altezza nel bambino subisce delle normali variazioni durante la crescita, dunque non si può utilizzare l'indice di massa corporea (o BMI) come valore assoluto per definire in quale classe di peso il bambino si trova e la gravità ...

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dolcificanti

I dolcificanti sono additivi o alimenti usati come sostituti dello zucchero e possono essere sintetici come l'aspartame o naturali come la stevia.


Sciroppo di fruttosio

Lo sciroppo di fruttosio, anche chiamato sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS), è accusato di causare obesità e altri problemi di salute.


Sciroppo di glucosio

Lo sciroppo di glucosio è uno degli ingredienti più utilizzati dall'industria alimentare, come sostituto dello zucchero.


Selenio

Il selenio è un elemento importante per contrastare il danno ossidativo prodotto dagli idroperossidi: scopriamo quando c'è rischio di carenza o eccesso, vantaggi o svantaggi.

 


Sardina o sarda

Sardina o sarda: il pesce azzurro ricco di omega 3. Come sceglierla, la stagione migliore, la preparazione e le ricette.


Chutney - salsa indiana

Il chutney o chatni è una salsa piccante a base di frutta e spezie tipica della cucina indiana.


Wafer paper o Rice paper

Wafer paper (o rice paper): l'ultima frontiera del cake design fatta con fogli di ostia.


Pasta di semola di grano duro

Pasta - Produzione e caratteristiche della pasta di semola di grano duro