Analisi del sangue

Le analisi del sangue rappresentano una varietà di esami di laboratorio che è possibile eseguire su un campione di sangue venoso, di piccolo volume e prelevato solitamente da una vena del braccio con una siringa o un sistema sottovuoto, in maniera asettica.

Elenco delle principali analisi del sangue

Quando si effettuano le analisi del sangue e a cosa sevono

Le analisi del sangue sono un esame veloce e indolore e forniscono una grande gamma di informazioni per la salute del soggetto, dunque sono fondamentali per il monitoraggio dello stato di salute anche in assenza di sintomi, come strumento di prevenzione. Non a caso, secondo l'accezione comune, con l'espressione "analisi del sangue" si intende un pannello di esami che da un'idea generale dello stato di salute dell'organismo sulla base della funzione dei suoi vari organi e apparati, dalla quale dipendono i livelli delle sostanze misurate con le analisi del sangue. Per questo andrebbero effettuate almeno una volta l'anno anche in soggetti sani e giovani.

Gli esami del sangue rappresentano di solito il primo step quando si è alla ricerca di una diagnosi, sono fondamentali prima di un intervento chirurgico, sono esami necessari come monitoraggio di una situazione particolare (per esempio dopo la cura di un tumore).

Come prepararsi alle analisi del sangue

Analisi del sangue

Pur essendo le analisi del sangue un esame semplice e soddisfacente, soprattutto per il paziente, il quale ha i suoi risultati con dei tempi tutto sommato rapidi (fatta eccezione per la ricerca di alcuni parametri più sofisticati), non ci si può tuttavia scordare che dopo il semplice prelievo, quella provetta di sangue verrà sottoposta a tutta una serie di analisi chimiche grazie a dei macchinari che lavorano con estrema precisione nella ricerca di molecole biochimiche per loro natura molto sensibili.

Ecco perché è indispensabile seguire alcuni consigli che riguardano la dieta e l'esercizio fisico.

 

 

Per quanto riguarda l'alimentazione, bisogna mangiare come sempre, poiché una riduzione drastica dell'apporto calorico la sera prima delle analisi del sangue potrebbe alterare alcuni parametri causando una diminuzione del volume plasmatici, cioè della parte liquida del sangue, di circa il 30% e un aumento della creatinina plasmatica. Anche un eccesso di cibo e di nutrienti particolari (come un eccesso di grassi o di zuccheri) potrebbe portare a dei valori alterati artificiosamente.

Normalmente le analisi del sangue si effettuano a digiuno (8-10 ore dal pasto serale), bisogna quindi non assumere nulla la mattina, se non un sorso d'acqua, ovviamente non zuccherata, lo zucchero potrebbe infatti alterare il valore glicemico, facendo sospettare erroneamente un pre-diabete. Bisogna inoltre evitare il caffé (e il thè) in quanto, stimolando la secrezione di ormoni che regolano l'attività della lipasi, potrebbe causare un aumento dei trigliceridi nel sangue.

Per quanto riguarda l'esercizio fisico intenso e prolungato, è bene che esso venga evitato almeno il giorno prima del prelievo di sangue, soprattutto nel caso in cui tra le analisi si voglia analizzare l'enzima muscolare creatina chinasi (CK), il cui valore risulterebbe aumentato di circa il 40%.

Infine, se si assumono farmaci, di qualunque tipo (anche un antinfiammatorio come l'aspirina o il paracetamolo) è bene specificarlo perché potrebbero interferire con il risultato di alcuni esami.

Le principali analisi del sangue

Dalle analisi del sangue possiamo avere un quadro riassuntivo e superficiale del nostro stato di salute, in particolare del midollo osseo (emocromo), del fegato (transaminasi, fosfatasi alcalina, gamma-GT, bilirubina), del rene (creatina, azotemia), del metabolismo (glicemia, colesterolo, trigliceridi, proteina C reattiva, ormoni tiroidei, calcio, paratormone, etc.).

Inoltre nel sangue si possono ricercare i markers tumorali, cioè specifici indicatori biologici che ci fanno sospettare la presenza di un tumore, come il PSA per il carcinoma alla prostata. In realtà, la maggior maggior parte dei marcatori tumorali andrebbero usati solo in fase di conferma diagnostica e di monitoraggio della malattia, per ridurre al minimo la possibilità dei falsi positivi con relative angosce ingiustificate.

Come interpretare i valori di riferimento delle analisi

Insieme al valore dell'esame del sangue, ogni laboratorio di analisi indica un intervallo di normalità, ottenuto da medie sulla popolazione. Ogni laboratorio utilizza dati propri, che in linea di massima sono allineati agli altri ma possono essere leggermente diversi. Gli scostamenti possono dipendere anche dalle metodiche utilizzate nei rilevamenti.

Scostamenti piccoli dalla normalità non hanno quasi significato clinico e non devono essere fonte di preoccupazione.

Inoltre, bisogna sempre valutare lo scostamento percentuale dell'analisi: se il valore di un esame è 15 e deve essere 5, lo scostamento è del 200% mentre se il valore è 300 e quello normale 200, lo è solo del 50% ma può fare più paura perché in valore assoluto lo scostamento è più elevato.

In alcuni casi i parametri non hanno un significato preciso da soli, ma vanno integrati con altri parametri, come nel caso del colesterolo totale e quello HDL che vanno sempre valutati insieme per definire l'indice di rischio cardiovascolare.

Elenco delle principali analisi del sangue

Acido urico

L'acido urico è un prodotto di scarto del fegato che deriva dalla distruzione delle cellule del corpo. Circola nel sangue in parte libero ed in parte legato a proteine di trasporto, viene eliminato dal nostro organismo attraverso i reni e quindi si ritrova nelle urine...

 

ACTH

ACTH è l'acronimo per definire un importante ormone del nostro corpo: l'ormone adrenocorticotropo o corticotropina. Questo ormone viene secreto dalle cellule corticotrope dell'ipofisi anteriore, e proviene dal POMC, ovvero la proopiomelanocortina...

 

Albumina

E' una importante proteina del sangue prodotta dal fegato, ma contenuta anche nel latte e nell'albume dell'uovo, dalla quale prende il nome. È importantissima per il nostro organismo perché rappresenta il 60% di tutte le proteine circolanti nel nostro sangue. La sua principale funzione è quella di mantenere costante il valore della ...

 

Aldosterone

L'aldosterone è il più importante tra i mineralcorticoidi, ormoni secreti dalla corticale delle surrenali, due ghiandole situate sopra il polo superiore del rene. La sua funzione è quella di regolare la concentrazione di due importantissimi elettroliti del nostro organismo: il sodio e il potassio e di controllare...

 

Alfa 1-Antitripsina

L'Alfa 1-Antitripsina è una glicoproteina che inibisce gli enzimi proteolitici (proteasi) che scindono le proteine come la collagenasi o l’elastasi. Fa parte del gruppo elettroforetico ematico delle alfa-globuline. L'Alfa 1-Antitripsina viene prodotta soprattutto dalle cellule del fegato, dai macrofagi e dalle cellule epiteliali respiratorie ...

 

Amilasi

L'amilasi è un enzima digestivo prodotto dal pancreas (e in minor quantità dalle ghiandole salivari, soprattutto la parotide, reni e intestino tenue), la cui funzione è quella di idrolizzare (sciogliere) i legami glucosidici di poli- e oligosaccaridi (come il glicogeno o l'amido) dando origine quindi a dei monosaccaridi (come il ...

 

Antitrombina

L'antitrombina III è una glicoproteina del plasma con azione anticoagulante prodotta dal fegato. È infatti il più importante inibitore della trombina e di altri fattori della cascata coagulativa (VII, IX, X, XI, XII). Inoltre è un fattore che non dipende dalla vitamina K...

 

Aptoglobina

L'aptoglobina è una proteina di trasporto sintetizzata dal fegato formata da due subunità. Si trova nel sangue ed ha l'importante funzione di legare l'emoglobina (Hb) libera nel sangue che altrimenti andrebbe persa per via urinaria insieme al ferro in essa contenuto....

 

Azotemia

L'azotemia è un parametro che esprime la concentrazione di azoto non proteico nel sangue. È importante controllare spesso il valore dell'azotemia soprattutto per verificare il corretto funzionamento dei reni. Una delle principali funzioni dei reni è quella di eliminare i prodotti metabilici di scarto derivanti dalla demolizione ...

 

Ematocrito

L'ematocrito rappresenta la percentuale di elementi corpuscolati presente nel sangue (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine). Si è parlato molto di ematocrito negli ultimi 20 anni soprattutto in merito ai molti episodi di doping ematico, soprattutto nel mondo del ciclismo. Il numero di globuli rossi è superiore di diversi ordini ...

 

Emocromo

L’emocromo, o esame emocromocitometrico, fornisce dettagliate informazioni riferite alla parte corpuscolare del sangue, composta da tre tipi di cellule: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Il sangue è infatti formato da una parte corpuscolare e da una parte liquida formata da plasma e siero. L'emocromo fornisce una valutazione del ...

 

Esame completo delle urine

L'esame completo delle urine è un insieme di indagini utilizzato per monitorare la funzione e eventuali patologie del sistema urinario, ma anche alcune alterazioni a carico del resto dell'organismo. È un esame diffusissimo perché è semplice, economico, non invasivo e dà molte informazioni. Si compone di...

 

Gamma - GT

La gamma-GT (gamma glutamil-transpepetidasi) è un enzima la cui principale funzione è di intervenire nel metabolismo del glutatione, per favorire l'eliminazione delle sostanze tossiche da parte del fegato. I tessuti umani in cui è maggiormente presente la gamma-GT sono rene, pancreas, fegato ed intestino; inoltre è presente ...

 

La glicemia

La glicemia rappresenta la concentrazione di glucosio nel sangue. La glicemia è uno dei più importanti esami di routine perché una sua alterazione è indice di squilibri metabolici potenzialmente molto gravi. Il glucosio (o glucoso) è un monosaccaride, uno zucchero formato da una sola unità semplice che sta ...

 

Globuli rossi

I globuli rossi, o eritrociti, sono particolari cellule del sangue prive di nucleo e di organelli citoplasmatici, dotate solo di una membrana plasmatica che racchiude l'emoglobina ed un numero limitato di enzimi, necessari per il mantenimento dell'integrità della membrana e per la funzione di trasporto dei gas. I globuli rossi hanno colore rosa ...

 

Proteina C reattiva - Esami del sangue

La proteina C reattiva (PCR) è una proteina pentamerica (?-globulina), ovvero formata da 5 subunità identiche associate ad uno ione Ca2+. È sintetizzata dal fegato in risposta ad una serie di stimoli di tipo infiammatorio, in particolare l’interleuchina 6 (IL6) e riversata poi nel sangue. I valori normali della proteina C ...

 

Leucociti - Globuli bianchi

I leucociti, o globuli bianchi o WBC (White Blood Cell) sono cellule del sangue coinvolte nella risposta immunitaria. Grazie ai globuli bianchi il corpo umano si difende dai microorganismi ostili (virus, batteri, miceti e parassiti) e da corpi estranei che penetrano al suo interno. L'attività dei globuli bianchi si esplica soprattutto a livello ...

 

Piastrine e coagulazione del sangue

Le piastrine sono elementi corpuscolati del sangue. Sono le principali cellule che contribuiscono al fenomeno della coagulazione: in particolari condizioni si aggregano insieme allo scopo di favorire l'emostasi e di bloccare le emorragie. Le piastrine sono prodotte nel midollo osseo e hanno una vita media approssimativamente di 10 giorni. Sono cellule ...

 

PT e PTT

PT e PTT sono esami che consentono di valutare il tempo di coagulazione del sangue, molto importante quindi tenerli sotto controllo prima di interventi chirurgici, nei pazienti con malattie del sangue come le emofilie e nei pazienti che sono in terapia con farmaci come eparina...

 

Test di tolleranza al glucosio o Curva glicemica

Il test di tolleranza al glucosio, abbreviato OGTT (dall’inglese oral glucose tolerance test), detto anche curva glicemica o curva da carico di glucosio, è un esame medico che serve per studiare la capacità di un soggetto di metabolizzare i carboidrati o, per dirla più semplicisticamente, per porre diagnosi di...

 

Transaminasi

Le transaminasi sono enzimi che intervengono in un processo chiamato transamminazione, cioè nella trasformazione  di un aminoacido in un altro. La transamminazione è il primo passo nel processo di catabolismo delle proteine, che vengono così utilizzate per la produzione di energia. Dunque, questi processi avvengono soprattutto ...

 

Urinocoltura

L'urinocoltura (o esame coltuale delle urine) è un esame microbiologico che serve per evidenziare la presenza di eventuali batteri nelle urine. Normalmente non ci sono batteri nelle vie urinarie. Le vie urinarie alte (reni, ureteri) sono sterili e la presenza di batteri in queste sedi è sempre patologica; nella...

 

La VES (Velocità di Eritrosedimentazione)

VES è l'acronimo di Velocità di EritroSedimentazione, ed è un esame molto importante per valutare lo stato di salute dell'organismo e la presenza di svariate patologie. L'analisi della VES si basa sul fatto che il sangue contiene una parte corpuscolata e una liquida. Quando un campione di sangue (addizionato con anticoagulante) ...

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Distrofia di Duchenne

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è il tipo più comune di distrofia ed è causata da un difetto del gene che dovrebbe mantenere i muscoli sani e fa parte quindi delle malattie genetiche ereditarie.


Drepanocitosi

La drepanocitosi, o anemia falciforme, è una forma ereditaria di anemia, una condizione per la quale non vi è un numero sufficiente di globuli rossi sani nel sangue.


Coccigodinia

La coccigodinia, o dolore al coccige, è un’infiammazione che si verifica intorno al coccige, ovvero la struttura ossea che si trova nella parte inferiore della colonna vertebrale.


Cistinuria

La cistinuria è una malattia ereditaria che provoca la formazione di calcoli, prodotti a causa dell’incapacità dei reni di riassorbire la cistina.

 


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Cisti dermoide

Una cisti dermoide è un tumore benigno, detto anche teratoma, che si sviluppa prevalentemente nelle ovaie.


Cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono due piccole ghiandole dell’apparto femminile esterno, situate su ciascun lato dell'apertura vaginale.


Distrofie muscolari

Le distrofie muscolari sono malattie geneticamente determinate che portano alla degenerazione e la distruzione delle cellule muscolari.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.