Arteriosclerosi e aterosclerosi

Con il termine arteriosclerosi si intende un generico indurimento e perdita di elasticità delle pareti delle arterie.

L'aterosclerosi è una forma particolare di arteriosclerosi, che consiste nella formazione sulle pareti delle arterie di placche, dette ateromi o placche aterosclerotiche.

Queste placche vanno incontro a una lenta evoluzione: dapprima sono costituite solamente da lipidi, tra cui il colesterolo, con il tempo le placche diventano sempre più grandi e sviluppano una loro "struttura di sostegno", composta da sostanze fibrose e cellule connettivali, da ultimo calcificano e degenerano andando incontro a necrosi.

Come è stato dimostrato dalle autopsie effettuate sui soldati americani caduti nella guerra in Corea, l'aterosclerosi inizia a manifestarsi fin dalla giovane età (20-30 anni).

L'aterosclerosi è una malattia subdola: si sviluppa nel corso dei decenni in silenzio, senza dare alcun sintomo. Purtroppo quando compaiono i primi sintomi, tra i 40 e i 60 anni, la situazione delle arterie è già compromessa e il rischio di cadere vittima delle complicanze, che spesso portano alla morte, diventa altissimo: ictus cerebrale e infarto del miocardio sono senz'altro le più gravi.

Le cause dell'aterosclerosi

Ad oggi non sono ancora note le reali cause dell'aterosclerosi.

Sicuramente esistono soggetti predisposti geneticamente allo sviluppo della malattia, come coloro che presentano dislipidemie congenite o ereditarie, o i soggetti con ipercoagulabilità ematica. Queste forme ereditarie, sebbene piuttosto frequenti, sono responsabili solo di una minoranza dei casi.

 

Esitono poi fattori non modificabili, come l'età, il sesso e la razza. Infatti, salvo rari casi, l'aterosclerosi (o meglio, le sue complicanze) colpisce i soggetti in età avanzata, e soprattutto gli uomini, poiché gli ormoni femminili proteggono le donne, almeno fino alla menopausa. I neri sono meno colpiti rispetto ai bianchi.

È però indubbio che le cause modificabili, ovvero lo stile di vita, siano quelle che più influiscono sullo sviluppo della malattia e la comparsa delle complicanze. Non a caso, l'aterosclerosi è considerata la malattia del benessere per antonomasia.

È la prima causa di morte in quasi tutti i paesi industrializzati.

In Italia, durante il ventennio dal 1950 al 1970 (ovvero durante il boom economico), si è verificato un aumento dei morti per cardiopatie ischemiche del 461%.

Di fronte a questi numeri, è evidente che l'aterosclerosi sia legata ad alcuni comportamenti tipici delle civiltà industrializzate.

Sono stati identificati ormai con certezza alcuni fattori di rischio modificabili, che riportiamo in ordine di importanza:

  • colesterolo e trigliceridi alti: come vedremo, l'alimentazione può influire su questi valori;
  • il fumo, che indurisce la parete delle arterie;
  • l'ipertensione, che sollecita i vasi sanguigni in modo anomalo;
  • il diabete;

Da notare come i soggetti obesi siano tremendamente a rischio, poiché spesso sono contemporaneamente ipertesi, diabetici e abbiano colesterolo e trigliceridi alti.

Le cura dell'aterosclerosi

Aterosclerosi e arteriosclerosi

L'aterosclerosi diventa un problema quando le placche ostruiscono un vaso sanguigno, determinando la necrosi per mancanza di ossigenazione dei tessuti a valle dell'ostruzione.

Questo accade quando:

  • la placca si lacera e inizia a sanguinare, determinando una reazione simile a quella che avviene quando ci procuriamo una ferita. Il sangue coagula, determinando un'improvviso ingrossamento della placca che ostruisce completamente il vaso.
  • si stacca una porzione di placca, che viene trasportata lungo le arterie finché non trova un vaso di dimensioni troppo piccole, e lo occlude.

 

Se l'occlusione avviene in una arteria del braccio o della gamba, si andrà incontro a una perdita di funzionalità dell'arto colpito. Ma se, come spesso accade, riguarda le arterie coronarie o quelle del cervello i danni sono molto più seri.

L'aterosclerosi si cura chirurgicamente quando la dimensione delle placche, o il loro stato, determinano un rischio molto alto di incorrere in patologie mortali come ictus e infarto, oppure quando si è già verificata una di queste patologie e c'è il rischio di recidive.

L'intervento è atto al ripristino del lume del vaso occluso, riportando la portata sanguigna a livelli di sicurezza.

I più praticati sono:

  • angioplastica: l'ateroma viene appiattito gonfiando un palloncino all'interno del vaso, e applicando una molla o una rete che mantenga aperto il vaso stesso e impedisca il distacco di parti dell'ateroma.
  • bypass: il tratto di arteria ostruito viene bypassato utilizzando una vena prelevata dal paziente.
  • l'endoarteriectomia: prevede la rimozione per via chirurgica dell'ateroma.

Articoli correlati

Angina

L'angina pectoris è la manifestazione clinica dell'ischemia miocardica. Si suddivide in angina stabile, instabile e di Prinzmetal (o variante). L'angina stabile definisce una sindrome caratterizzata da attacchi di ischemia miocardica che si riproducono in condizioni simili, in alcune condizioni...

 

Arresto cardiaco

L'arresto cardiaco è il fallimento del sistema cardiovascolare. Questa condizione rappresenta un'emergenza medica assoluta, in quanto è reversibile solo per un breve periodo di tempo, dopo il quale ogni tentativo rianimatorio risulterà inutile ai fini della ripresa della funzione dell'apparato cardiovascolare...

 

Colesterolo alto e trigliceridi alti: cosa fare?

Il colesterolo alto e i trigliceridi alti sono un problema molto diffuso, ma purtroppo non vengono sempre affrontati nel modo giusto, per vari motivi. In questo articolo cercheremo di capire che rischi si corrono ad avere colesterolo e trigliceridi alti, quali sono le cause di alterazione di colesterolo e trigliceridi e come gestire al meglio la situazione. ...

 

Coronaropatia

La coronaropatia, o malattia coronarica, si sviluppa quando i principali vasi sanguigni, le arterie coronarie, che riforniscono il sangue al cuore, subiscono un danneggiamento. Generalmente la causa del problema è dovuta a depositi di placche adipose, contenenti colesterolo...

 

Ictus cerebrale

L'ictus cerebrale è una delle più frequenti cause di morte e la principale causa di invalidità nelle persone adulte. La maggioranza dei casi si verificano sopra i 65 anni, ma possono essere colpite anche persone più giovani. L'ictus cerebrale è causato nel 90% dei casi da una riduzione del flusso sanguigno (ischemia) ...

 

Infarto del miocardio

La cardiopatia ischemica è un termine che individua più patologie che hanno in comune l’eziologia (e cioè la causa della patologia stessa): l'insufficiente apporto di ossigeno al cuore rispetto al fabbisogno. Si presenta sotto due forme: l'angina pectoris e l'infarto acuto del miocardio. E’ una patologia che deriva da ...

 

Ipercolesterolemia (colesterolo alto)

L'ipercolesterolemia è una patologia che si verifica quando vi è un eccesso di colesterolo nel sangue, essendo il colesterolo un lipide, si tratta di una forma di iperlipidemia (eccesso di grassi nel sangue), così come ipertrigliceridemia (eccesso di trigliceridi nel sangue) o l'iperlipoproteinemia...

 

Ipertensione

L'ipertensione è una patologia determinata da un eccesso della pressione del sangue che scorre nelle arterie. La pressione del sangue che scorre all'interno delle arterie è determinata da molti fattori (volume del sangue, gittata del cuore, resistenza del vaso ecc). L'unità di misura adottata per misurara la presione arteriosa ...

 

Sindrome metabolica

La sindrome metabolica è una patologia causata nella stragrande maggioranza dei casi da un cattivo stile di vita alimentare e sportivo. Alla base di questa patologia vi è infatti il sovrappeso, causa principale di tutte le alterazioni che caratterizzano la sindrome metabolica, di fatto è costituita dalla presenza contemporanea ...

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fimosi

Per fimosi si intende l'incapacità di ritrarre la porzione di pelle (prepuzio) che copre la testa del pene (glande).


Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.


Calcoli tonsillari

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.

 


Disprassia

La disprassia è caratterizzata da una mancanza di coordinamento tra le intenzioni mentali e la capacità di coordinare il corpo e le azioni.


Shock ipovolemico

Per shock ipovolemico si indica una condizione nella quale si perde più di un quinto del sangue presente nel corpo, cioè più di un litro di sangue.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.