Vitamina B3 (Niacina)

La vitamina B3 (acido nicotinico, niacina o nicotinamide) è una vitamina del gruppo B, necessaria per il corretto funzionamento di molti enzimi.

L'integrazione di niacina è molto efficace per normalizzare i livelli di lipidi nel sangue: alza il livello di colesterolo HDL nei soggetti che hanno valori bassi; abbassa il livello di LDL nei soggetti con valori troppo elevati; e in generale riduce i trigliceridi nei sangue. Purtroppo, l'integrazione di niacina non sembra abbassare il rischio cardiovascolare, probabilmente perché aumenta anche la resistenza all'insulina (perché sopprime la sintesi del glucosio nel fegato), il che annulla i benefici relativi al miglioramento del profilo lipidico del sangue. L'utilizzo della niacina come ipolipidemizzante è da considerarsi come utilizzo farmacologico, più che come integratore, a causa degli effetti collaterali non trascurabili associati ai dosaggi efficaci per questo scopo.

La niacina viene anche promossa come integratore per favorire la crescita, le capacità cognitive e la longevità, grazie al fatto che l'integrazione di niacina aumenta il NAD+ a disposizione delle cellule.

L'applicazione topica di nicotinamide viene utilizzata per migliorare la salute della pelle, anche se non è così efficace come la vitamina A.

Alcuni soggetti hanno tentato di assumere megadosi di niacina per tentare di mascherare il droga-test delle urine: questa pratica, oltre che inutile, è anche dannosa perché alte dosi di niacina sono tossiche per diversi organi.

 

 

Controindicazioni

L'integrazione di niacina in dosi elevate (più di 1-2 g al giorno) causa alcuni disturbi conseguenti alla vasodilatazione, quali arrossamento cutaneo, eritema, vampate, prurito, nausea e vomito, e in alcuni casi anche danni epatici causati dall'aumento delle transaminasi.

Gli integratori di nicotinammide causano minori effetti collaterali.

Niacina

Benefici dell'integrazione di niacina

Effetti accertati (forte evidenza)

Migliora il profilo lipidico nei soggetti che hanno il colesterolo HDL basso, il colesterolo LDL alto, o i trigliceridi alti.

Dosaggio consigliato

La dose efficace di niacina per ottenere una modificazione del profilo lipidico si aggira intorno al grammo al giorno (il 5000% circa della RDA).

Conclusioni

La niacina non va considerata un integratore, ma un vero e proprio farmaco, che può essere assunto in associazione ad altri farmaci per la cura delle iperlipidemie, come il colesterolo e i trigliceridi alti.

Gli altri benefici attribuiti alla niacina come integratore non sono dimostrati, allo stato attuale della ricerca.

Bibliografia

Niacin in patients with low HDL cholesterol levels receiving intensive statin therapy

Extended-release niacin raises adiponectin and leptin

Nicotinic acid effects on insulin sensitivity and hepatic lipid metabolism: an in vivo to in vitro study

Niacin, but not gemfibrozil, selectively increases LP-AI, a cardioprotective subfraction of HDL, in patients with low HDL cholesterol

Short-term effects of extended-release niacin with and without the addition of laropiprant on endothelial function in individuals with low HDL-C: a randomized, controlled crossover trial

Effects of nicotinic acid on insulin sensitivity and blood pressure in healthy subjects

Effect of fenofibrate and niacin on intrahepatic triglyceride content, very low-density lipoprotein kinetics, and insulin action in obese subjects with nonalcoholic fatty liver disease

Clofibrate and niacin in coronary heart disease

Impaired beta-cell function in human aging: response to nicotinic acid-induced insulin resistance

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.