Acido L-aspartico

L'acido aspartico (o aspartato) è un aminoacido non essenziale (può essere sintetizzato dall'organismo) abbondantemente presente in natura. Deve il suo nome dal fatto che Plisson, che lo scoprì nel 1827, lo isolò partendo dal succo di asparagi.

Esistono due forme di aspartato, l'acido L-aspartico e l'acido D-aspartico, quest'ultimo possiede minori funzioni metaboliche ed è anch'esso utilizzato come integratore (vedi articolo sull'acido D-aspartico).

L'acido L-aspartico possiede svariate funzioni: entra nel ciclo di Krebs e nel ciclo dell'urea (contribuendo ai meccanismi di smaltimento dell'ammoniaca), è uno degli aminoacidi glucogenetici (può essere convertito in glucosio quando l'apporto di carboidrati è insufficiente); infine partecipa anche alla formazione degli acidi nucleidi (DNA e RNA).

Come integratore, l'aspartato è utilizzato insieme ai minerali potassio e magnesio nelle formule per prevenire i crampi, è anche promosso come integratore per migliorare la performance, sia nelle gare di resistenza che in quelle di breve durata.

Controindicazioni

L'assunzione di aspartato non comporta di per sé particolari problemi, se non lievi disturbi intestinali, soprattutto se assunto lontano dai pasti. Siccome l'acido L-aspartico presente negli integratori è spesso associato ad altre sostanze, che a sua volta possono presentare controindicazioni ed effetti collaterali, bisogna valutare nel complesso i potenziali effetti avversi dei vari integratori. Le sostanze più comunemente associate all'acido aspartico sono il potassio, il magnesio e l'arginina.

Acido L aspartico integratori

Benefici dell'integrazione di acido L-aspartico

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Riduce la probabilità di crampi nelle discipline di resistenza

Dosaggio consigliato

Il dosaggio consigliato varia da 500 a 1000 mg di aspartato, prevalentemente con il fine di reintegrare il potassio e il magnesio perduto con l'esercizio. Se lo scopo è quello di prevenire i crampi, va assunto prima dell'esercizio fisico.

Conclusioni

L'acido L-aspartico, in associazione a potassio e magnesio, può avere un qualche ruolo nella prevenzione dei crampi, ma questa affermazione non è dimostrata scientificamente e inoltre non è dimostrato che l'aspartato possa incrementare in alcun modo la prestazione.

 

 

In definitiva, chi soffre cronicamente di crampi può tentare di migliorare la situazione con un integratore di asparato, e valutarne gli effetti. L'integrazione non ha senso qualora venga effettuata solo nella speranza di incrementare la prestazione.

Bibliografia

Physiological functions of L-ornithine and L-aspartate in the body and the efficacy of administration of L-ornithine-L-aspartate in conditions of relative deficiency

Do aspartate and asparagine acute supplementation influence the onset of fatigue in intense exercise?

Effect of acute potassium-magnesium aspartate supplementation on ammonia concentrations during and after resistance training

Absence of effect of potassium-magnesium aspartate on physiologic responses to prolonged work in aerobically trained men

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.