Acido Alfa Lipoico

L'acido alfa-lipoico è una sostanza antiossidante vitamina-simile. Non è una vitamina perché non è una sostanza essenziale, l'organismo è in grado di sintetizzarlo in modo autonomo.

Sono una buona fonte di acido alfa-lipoico il lievito, il fegato e i reni, gli spinaci, i broccoli e le patate.

Funzioni dell'acido alfa-lipoico

L'acido alfa-lipoico fa parte di un complesso enzimatico che permette l'ingresso del piruvato nei mitocondri, dove viene ossidato per produrre energia.

L'acido alfa-lipoico ha anche funzione antiossidante, in grado di preservare le cellule dai danni dell'ossidazione. Questa funzione è svolta sia direttamente, che indirettamente ripristinando i livelli delle vitamine C ed E, anch'esse con funzione antiossidante.

Controindicazioni

L'acido alfa-lipoico è generalmente sicuro se assunto alle dosi raccomandate e per periodi continuati fino a due anni. Come effetti collaterali più frequenti vengono segnalati i disturbi intestinali, immediatamente dopo l'assunzione. Studi a lungo termine sull'assunzione di acido alfa-lipoico non sono ancora disponibili.

L'acido alfa-lipoico può abbassare i livelli di zucchero nel sangue, dunque va assunto con attenzione da parte dei diabetici, che potrebbero dover modificare le quantità di farmaci assunte.

Acido alfa lipoico

Chi presenta carenza di tiamina (vitamina B1) e prende acido alfa-lipoico potrebbe avere problemi di tossicità, riscontrati in uno studio sui ratti. Chi beve molto alcol spesso presenta carenze di vitamina B1: per sicurezza, i bevitori che assumono acido alfa-lipoico dovrebbero valutare l'assunzione anche di un integratore di tiamina.

Benefici dell'integrazione di acido alfa-lipoico

Effetti accertati (forte evidenza)

Neuropatie periferiche: ci sono forti evidenze che dimostrano l'efficacia dell'acido alfa-lipoico è efficace nel contrastare le neuropatie periferiche, soprattutto quelle causate dal diabete.

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

 

 

Riduzione della glicemia in pazienti affetti da diabete

Aumento della velocità di rigenerazione in pazienti affetti da danni ai nervi

Capacità di ridurre l'ossidazione generale, e dei lipidi

Miglioramento della qualità della pelle

Dosaggio consigliato

Il dosaggio consigliato per contrastare le neuropatie varia da 600 a 1200 mg al giorno, possibilmente dividendo in due momenti l'assunzione.

Conclusioni

L'acido alfa-lipoico può essere utilizzato dai diabetici per contrastare le neuropatie periferiche, sotto controllo medico. Spesso viene prescritto a chi è affetto da neuropatie di altro genere (come la sciatica), ma gli studi in questi casi non sono concordi nel dimostrare un reale beneficio.

Come antiossidante, l'acido alfa lipoico può essere assunto insieme alle vitamine A ed E, nei periodi di particolare stress fisico, nella misura di 600 mg al giorno.

Bibliografia

Efficacy and safety of alpha-lipoic acid supplementation in the treatment of symptomatic diabetic neuropathy

Efficacy and safety of antioxidant treatment with α-lipoic acid over 4 years in diabetic polyneuropathy: the NATHAN 1 trial

Assessment of the antioxidant effectiveness of alpha-lipoic acid in healthy men exposed to muscle-damaging exercise

Alpha-lipoic acid modifies oxidative stress parameters in sickle cell trait subjects and sickle cell patients

Glycemic and oxidative status of patients with type 2 diabetes mellitus following oral administration of alpha-lipoic acid: a randomized double-blinded placebo-controlled study

A randomized, double-blind, placebo-controlled study on the clinical efficacy of oral treatment with DermaVite on ageing symptoms of the skin

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.