Liposuzione e liposcultura

La liposuzione o la moderna tecnica di liposcultura si effettua in regime di "Day-surgery": le pazienti entrano in clinica la mattina, effettuano gli esami di laboratorio, l'elettrocardiogramma e la visita cardiologica necessari all'intervento e la sera dopo l'intervento chirurgico possono ritornare alla normale attività quotidiana.

Si procede quindi alla consulenza anestesiologica, alla firma dei consensi informati, alla foto nei dettagli delle zone da sottoporre all'intervento di liposcultura ed infine si indirizza la paziente in sala operatoria pronta per l'occorrenza per la procedura.

L'intervento si può eseguire in anestesia locale se bisogna eliminare piccole quantità di grasso oppure si ricorre all'anestesia generale o spinale quando occorre eliminare molto più tessuto adiposo con una durata dell'intervento variabile da 40 minuti a 3 ore circa a seconda delle zone da trattare.

Liposuzione e liposcultura

I passaggi fondamentali della metodica sono:

  • la delimitazione delle aree da rimuovere con il disegno pre-operatorio effettuato dal chirurgo;
  • l'anestesia loco-regionale infiltrata manualmente o l'anestesia generale/spinale;
  • l'entrata della microcannula nel caso della liposcultura o l'applicazione della sonda laser nel caso in cui si opti per la liposcultura laser con la quale si procede a dei movimenti verticali ed orizzontali sulle zone interessate al fine di frantumare quanto più tessuto adiposo possibile. 

È quest'ultimo il passaggio più importante della procedura in quanto permette di sciogliere i "cuscinetti adiposi" e di rimodellare la silhouette corporea.

Quello appena descritto è anche il passaggio più rischioso poiché un movimento errato dell'operatore e/o un vaso sanguigno anomalo potrebbe inficiare tutto l'intervento chirurgico, provocando per esempio una delle complicanze più temibili della liposcultura, ovvero il sanguinamento e/o addirittura l'emorragia più o meno estesa.

 

Liposuzione e liposcultura

La complicanza più temibile fino a qualche anno fa e tipica della liposuzione, era sicuramente l'embolia polmonare. Questa evenienza oggi, per fortuna, è molto rara in quanto le microcannule prima, e le sonde laser di ultima generazione dopo permettono di evitare un danno ai vasi sanguigni e laddove questo avvenisse, di coagulare nell'immediato gli stessi e quindi evitare ulteriori problematiche.

Dopo aver praticato queste manovre della durata variabile tra i 30 minuti e qualche ora, si procede infine all'aspirazione del grasso oramai liquefatto mediante una microcannula di 3 mm collegata ad un sistema di aspirazione che permette di convogliare il residuo di grasso in un contenitore sottovuoto.

Liposuzione e liposcultura

Come visibile nella foto accanto(relativa ad intervento effettuato con metodica laser), all'interno del contenitore ritroviamo due strati di cellule: in basso solo il sangue diluito con il liquido di infiltrazione (anestetico e soluzione fisiologica) mentre più in alto è possibile facilmente osservare il grasso completamente liquefatto, tipicamente di colore giallo intenso.

Terminata la procedura, una volta estratta la microcannula o la sonda laser si procede a medicare i fori di ingresso con soluzione iodata e piccoli cerottini di carta chiamati steri-strip, fino al momento in cui verrà applicata una contenzione elastica indossata dalla paziente che ha due scopi: da un alto permette al tessuto sottoposto al trattamento di liposcultura di compattarsi sempre più riducendo nel tempo i vuoti determinati dall'eliminazione del grasso sottostante e dall'altro evita la formazione di quelli che vengono chiamati complicanze minori o legate alla procedura, ovvero la formazione di ematomi e/o di versamenti veri e propri che si possono manifestare subito dopo l'intervento o a distanza di qualche ora dallo stesso.

 

Questa contenzione elastica, che poi altro non è che un vero e proprio collant, verrà indossata e mantenuta dalla paziente per circa 30 giorni post-operatori. La paziente infine assumerà per qualche giorno dopo l'intervento un antibiotico specifico e per tutto il periodo della convalescenza dei prodotti antiedema ed antiinfiammatori/antidolorifici solo al bisogno.

A distanza di 3, 5, 10 e 15 giorni verrà fatta ritornare la paziente in osservazione al fine di valutare il post-operatorio, rimedicando le zone sottoposte all'intervento chirurgico e rifotografando la paziente.

Trascorsi ulteriori 15 giorni circa si valuteranno i risultati ottenuti.

Quanto costa

Il costo di una liposcultura varia in base al numero ed all'estensione delle zone trattate: liposcultura addome, liposcultura cosce, liposcultura glutei, liposcultura interno cosce, liposcultura ginocchia, liposcultura polpacci e caviglie può oscillare da un minimo di 2.800 euro a un massimo di 4.500 euro.

La liposcultura classica con microcannula da 3 mm o con sonda laser rappresenta ancora oggi uno degli interventi estetici più richiesti dalle pazienti e sempre più, possiamo tranquillamente dirlo, una delle procedure più sicure ma sempre affindandosi a mani esperti e quindi specialisti del settore.

La bellezza non è un gioco e la salute è un bene da preservare.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Carcinoma baso-cellulare

Il carcinoma baso-cellulare (o basalioma) è un tipo di cancro che colpisce il tessuto cutaneo.


Chetoacidosi alcolica

Per chetoacidosi, in generale, si intende una disfunzione metabolica che si verifica quando nell’organismo è presente un’elevata concentrazione di acidi.


Cheratite da herpes simplex

La cheratite da herpes simplex è un’infezione che colpisce l’occhio, in particolare la cornea ed è causata dalla presenza del virus herpes simplex (HSV).

 


Chetoacidosi diabetica

La chetoacidosi diabetica è una grave complicazione del diabete, in particolare del diabete di tipo I.


Ecocardiogramma

l'ecocardiogramma è un comune test che permette di avere un immagine del cuore in movimento, grazie all’utilizzo degli ultrasuoni.


Calcolosi salivare

Per calcolosi salivare, o scialolitiasi, si intendono delle formazioni di minerali cristallizzati, simili a pietre, che si formano nelle ghiandole salivari.


Criptococcosi

La criptococcosi è una malattia, abbastanza rara, causata da un tipo di fungo, chiamato Cryptococcus, che si trova in quasi tutto il mondo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.