Ritenzione idrica

Per ritenzione idrica si intende la tendenza a trattenere liquidi nell'organismo, ed è un fenomeno che non provoca solamente danni estetici, ma alla lunga può causare anche gravi patologie come l'insufficienza renale.

La ritenzione idrica circolatoria è caratterizzata dalla tumefazione dei tessuti molli a causa dell'accumulo di liquido extracellulare, ovvero del liquido compreso negli spazi tra le cellule. Tale liquido è normalmente drenato dalla circolazione venosa e linfatica, che ne garantiscono il ricambio, fondamentale per allontanare dalle cellule le sostanze di rifiuto dannose per le cellule e per garantire un sufficiente apporto di sostanze nutritive utili. Se si verifica una stasi della circolazione, causata dal malfunzionamento del sistema venoso e di quello linfatico, allora sopraggiunge la ritenzione idrica.

Cause della ritenzione idrica

Se non sono presenti problemi cirolatori, esistono altri fattori scatenanti la ritenzione idrica, anche se in realtà un corretto stile di vita è sufficiente, nella maggior parte dei casi, ad evitare l'insorgenza del problema anche in concomitanza di altri fattori favorenti.

La pillola contraccettiva e altri farmaci (antinfiammatori, cortisonici, terapia ormonale sostitutiva per la menopausa) sono da sempre accusati di causare seri problemi di ritenzione idrica. In realtà il ruolo dei farmaci nell'accumulo dei liquidi nell'organismo non è tale da identificarli come l'origine del problema. Nel caso specifico della pillola, la ritenzione idrica che essa può causare va da 0 a 1 Kg di aumento di peso, praticamente insignificante. Si consideri che chi è abituato ad assumere quantità salutistiche di sodio aumenta di 1-2 kg solamente a causa di un pasto ricco di sodio: non per questo il giorno dopo davanti allo specchio noterà una differenza esteticamente penalizzante! Questo dovrebbe far riflettere tutte le donne che adottano l'alibi della ritenzione idrica per giustificare un eccesso di accumulo di grasso corporeo dovuto a una cattiva alimentazione e una eccessiva sedentarietà.

Il sodio assunto con la dieta influenza notevolmente il livello di ritenzione di liquidi. La strategia giusta però non è quella di scegliere un'acqua povera di sodio, per due motivi.

 

Ritenzione idrica

Il primo è semplice: l'acqua non è uno degli alimenti a rischio per l'assunzione di sodio: il sodio presente in una pizza margherita è equivalente a quello contenuto in 8 litri di acqua a medio contenuto di sodio e a 40 litri di acqua oligominarale. Per questo motivo è assurdo diminuire ulteriormente la quantità di sodio contenuta nell'acqua puntando su prodotti come l'acqua Vitasnella, sperando che aiutino a combattere la ritenzione idrica. Anche perché, e veniamo al secondo motivo, non è vero che bere tanta acqua elimina il sodio presente nell'organismo, anzi paradossalmente bere tanta acqua iperidrata l'organismo aumentando la ritenzione idrica! L'unico modo per evitare la ritenzione di liquid indotta dall'eccesso di sodio è quella di assumere poco sodio, limitando l'uso di sale e di altri alimenti a rischio.

Come combattere la ritenzione idrica

Come già accennato in precedenza, stranamente chi beve pochi alcolici, non fuma, pratica una attività fisica a livello mediamente intenso ed è in peso forma non soffre di ritenzione idrica. È ovvio quindi che nella maggior parte dei casi basta correggere lo stile di vita per risolvere il problema.

Chi vuole continuare a vivere in modo non salutistico cadrà vittima di false cure (come le acque povere di sodio), o di cure che agiscono sugli effetti e non sulle cause, come uso di diuretici, che però non fanno altro che ritardare l'insorgenza di problemi più gravi legati a uno stile di vita sbagliato (per non parlare degli effetti collaterali dei diuretici).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Fluorosi

La fluorosi è un disturbo molto comune che colpisce i denti, caratterizzato da un’ipomineralizzazione dello smalto dei denti.


Visita d'idoneità alla pratica sportiva agonistica

In Italia esistono delle esatte linea guida che regolano e certificano la visita di idoneità alla pratica sportiva agonistica.


Spirometria

La spirometria, o misurazione del respiro, è la modalità più comune per misurare e valutare il lavoro e la funzionalità dei polmoni.


Elettroencefalogramma

L’elettroencefalogramma è uno strumento che in grado di registrare i fenomeni elettrici derivanti dall’attività cerebrale.

 


Biopsia

Per biopsia, o esame bioptico, si intende una procedura a scopo diagnostico, che consiste nel rimuovere un pezzo di tessuto o cellule dal corpo.


Fimosi

Per fimosi si intende l'incapacità di ritrarre la porzione di pelle (prepuzio) che copre la testa del pene (glande).


Fibrosi polmonare

La fibrosi polmonare è una malattia a carico dell’apparato respiratorio, causata dalla formazione di tessuto cicatriziale all’interno del polmone.


Calcoli tonsillari

I calcoli tonsillari, conosciuti anche come tonsilloliti, sono delle formazioni di piccoli detriti, simili a pietre, posti in vicinanza delle tonsille.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.