Silter DOP

La produzione del formaggio Silter vanta antiche origini: le prime segnalazioni documentate risalgono alla fine del '600.

Silter è un termine di derivazione anglosassone e di origine quasi certamente celtica, corrisponde all'italiano casera ed è il nome che nella zona di produzione è dato al locale di stagionatura e che viene utilizzato anche per contraddistinguere il formaggio che in tale locale è conservato e stagionato.

La zona di produzione del formaggio Silter comprende una serie di comuni della provincia di Brescia, situati nella Bassa Val Camonica e nelle zone prealpine a est del Lago d'Iseo, in Lombardia.

Il Silter ha guadagnato la denominazione DOP il 29 settembre del 2015.

Caratteristiche

Il Silter si presenta in due versioni: a breve stagionatura (minimo 100 giorni) e a lunga stagionatura (minimo 200 giorni).

La forma è cilindrica, lo scalzo è dritto o leggermente convesso, alto 8-12 cm, le facce sono piane, leggermente concave o leggermente convesse, di diametro tra 32 e 36 cm (tra 36 e 40 quello a lunga stagionatura). Il peso di ogni forma è di 6-9 Kg (10-14 kg quello a lunga stagionatura).

La crosta del Silter è naturale, dura, dal colore giallo paglierino tendente al bruno a seguito di oliatura.

La pasta è di struttura consistente e gommosa, a volte con piccola occhiatura ben diffusa, medio-fine, che aumenta con la stagionatura.

Il sapore del Silter a breve stagionatura è delicato, con tendenza dolce, l'aroma è caratteristico di latte e di essenze vegetali.

Il sapore del Silter a lunga stagionatura è più sapido, anche se rimane di tendenza dolce e mai amaro; l'aroma è vegetale, di foraggio, a volte presentare note animali e di castagne a seconda dei foraggi utilizzati e del metodo di produzione.

 

 

 

Produzione

Silter

Il Silter è prodotto con latte vaccino crudo, parzialmente scremato per affioramento, esclusivamente di razza Bruna, con un tenore di grasso compreso tra 1,7 e 3 g.

Il Silter è un formaggio a pasta cotta, la cagliata cioè, dopo la rottura, viene portata a una temperatura compresa tra i 45 e i 52 gradi a seconda del livello di spurgo della cagliata che si intende raggiungere. Può essere salato a secco o in salamoia.
La stagionatura avviene negli appositi locali chiamati "Silter" a temperatura compresa tra 7 e 20°C per almeno 100 giorni durante i quali le forme vengono regolarmente rigirate 

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Qualità


Come scegliere il burro

Come scegliere il burro: i criteri di scelta per un burro di qualità, da panna di centrifuga.


Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano

Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano: materia prima, lavorazione, stagionatura.


Formaggi DOP italiani

I formaggi DOP italiani: elenco di tutti i formaggi a Denominazione di Origine Protetta e loro descrizione dettagliata.


Solfiti nel vino

I solfiti nel vino: qual è la funzione dell'anidride solforosa ed è poi così nociva?

 


Ricotta: guida a una scelta di qualità

Ricotta: guida a una scelta di qualità in base alle qualità nutrizionali e organolettiche.


La frutta secca: guida a una scelta di qualità

La frutta secca: guida ad una scelta di qualità in base alla caratteristiche nutrizionali e organolettiche.


Cioccolato: guida a una scelta di qualità

La guida ad una scelta di qualità del cioccolato in base alla caratteristiche organolettiche e nutrizionali.


Prosciutti italiani - Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de Bosses

Prosciutti italiani di qualità: Prosciutto di Modena, Euganeo, Toscano e Jambon de bosses.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.