Globuli rossi

I globuli rossi, o eritrociti, sono particolari cellule del sangue prive di nucleo e di organelli citoplasmatici, dotate solo di una membrana plasmatica che racchiude l'emoglobina ed un numero limitato di enzimi, necessari per il mantenimento dell'integrità della membrana e per la funzione di trasporto dei gas.

I globuli rossi hanno colore rosa e sono i principali responsabili del colore del sangue. La forma dei globuli rossi è a "disco biconcavo", che ha un rapporto tra superficie e volume superiore rispetto alla forma sferica: ciò permette di aumentare gli scambi gassosi.

La membrana dei globuli rossi è particolarmente fluida e questo consente di passare, deformandosi, anche attraverso i capillari più piccoli.

I globuli rossi contengono emoglobina, una molecola in grado di legare ossigeno e anidride carbonica.

La principale funzione dei globuli rossi è quella di trasportare questi due gas, fondamentali per il metabolismo delle cellule, dai polmoni ai tessuti (ossigeno) e viceversa (anidride carbonica).

Globuli rossi

In 1 millimetro cubo di sangue sono presenti circa 5.000.000 di globuli rossi, dunque un individuo adulto ne possiede quasi 15000 miliardi.

Globuli rossi ed eritropoietina

I globuli rossi vengono continuamente generati dal midollo osseo, per rimpiazzare quelli che muoiono. Infatti i globuli rossi non si autoriproducono e la loro vita media è di 120 giorni circa.

Il processo viene regolato da un ormone, l'eritropoietina (EPO), secreto dal rene nell'adulto, scoperto per la prima volta nel 1975 da Miyake nelle urine di soggetti anemici.

 

 

Le cellule renali sono dotate di un sensore della quantità di ossigeno ed, in base al grado di ipossia (riduzione di ossigeno) del sangue che le irrora, regolano la secrezione di eritropoietina.

L'EPO è uno degli ormoni utilizzati come doping ematico, per aumentare la percentuale di globuli rossi nel sangue (l'ematocrito) e di conseguenza la capacità di trasporto dell'ossigeno ai muscoli.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.


Criptococcosi

La criptococcosi è una malattia, abbastanza rara, causata da un tipo di fungo, chiamato Cryptococcus, che si trova in quasi tutto il mondo.

 


Shigella negli alimenti

Shigella è il batterio responsabile della dissenteria, una malattia poco diffusa in Italia ma ancora oggi molto diffusa nel mondo.


Trichinella negli alimenti e trichinosi

La trichinella è uno dei parassiti più pericolosi che si possa prendere dalla carne, se questa non è ben cotta.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.