Sindrome metabolica

La sindrome metabolica è una patologia causata nella stragrande maggioranza dei casi da un cattivo stile di vita alimentare e sportivo. Alla base di questa patologia vi è infatti il sovrappeso, causa principale di tutte le alterazioni che caratterizzano la sindrome metabolica, di fatto è costituita dalla presenza contemporanea di diversi disturbi metabolici, che hanno tutti quanti una causa comune.

La sindrome metabolica "esiste" fin dal 1950, quando Vague si accorse che un numero sempre maggiore di persone presentava simultaneamente insulino-resistenza, iperinsulinemia, intolleranza ai glucidi o diabete, dislipidemia, obesità e ipertensione arteriosa. Egli chiamò tale associazione di patologie "sindrome X"; successivamente venne chiamata sindrome metabolica cardiovascolare, poi sindrome da insulino resistenza e solo in seguito sindrome metabolica.

Definizione e diagnosi di sindrome metabolica

La definizione di sindrome metabolica può essere utilizzata quando in uno stesso soggetto sono presenti 3 o più dei fattori di rischio cardiovascolare, tra:

  1. insulino-resistenza;
  2. iperinsulinemia;
  3. intolleranza ai glucidi o diabete;
  4. dislipidemia;
  5. obesità;
  6. ipertensione arteriosa.

Il Third report of the National Cholesterol Education Export Panel on Detection, Evaluation and Treatment of Hight Blood Cholesterol in Adults ha proposto una semplice serie di criteri diagnostici, basati su comuni misure cliniche, per valutare la presenza di sindrome metabolica.

Sindrome metabolica

La presenza di alterazioni in 3 di queste 5 misurazioni costituisce una diagnosi di sindrome metabolica:

  • circonferenza del giro vita >= a 102 cm negli uomini e 88 cm nelle donne;
  • trigliceridi nel sangue >= 150mg/dl;
  • colesterolo HDL < 40mg/dl negli uomini e di 50mg/dl nelle donne;
  • elevata pressione sanguigna: >= 130 mmHg per la pressione sistolica ed 85 mmHg per la pressione diastolica;
  • elevata glicemia a digiuno: >= 100mg/dl.

La prevalenza della sindrome metabolica tra la popolazione italiana è impressionante, visto che si parla del 24% degli individui sopra i 20 anni e del 30% sopra i 50 anni.

 

 

La prevalenza della sindrome è presente in circa il 90% dei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

Questo tipo di patologia è ad elevato rischio cardiovascolare, da qui la necessità di interventi precoci, in primis la riduzione del peso corporeo.

Sindrome metabolica e controllo del peso

Se consideriamo che il sovrappeso e ancor più l'obesità sono responsabili diretti dell'aumento dei trigliceridi nel sangue, dell'aumento della pressione arteriosa e della glicemia a digiuno (3 delle 5 alterazioni che comportano la diagnosi della sindrome metabolica), capiamo bene che per sconfiggere la sindrome metabolica nella maggioranza dei casi è sufficiente perdere peso e rientrare in peso forma. Questo comporta un cambiamento nello stile di vita drastico, con un aumento dell'attività fisica e una modifica delle abitudini alimentari che consenta un taglio netto delle calorie per sempre. Per fare questo il soggetto dovrebbe acquisire una coscienza alimentare che gli consenta di capire quanto e cosa mangiare, altrimenti sarà costretto a seguire una dieta "da ospedale" per dimagrire, la classica dieta a base di pasta al pomodoro, verdure condite con olio, carni e pesci magri che alla lunga stanca e che in pochi sono disposti a seguire a lungo termine. Inoltre troppa enfasi si pone nei confronti della qualità del cibo (per esempio, si consiglia di condire solo con olio extravergine di oliva e di eliminare cibi contenenti grassi saturi e colesterolo), trascurando il fattore fondamentale, quello delle calorie in eccesso, la vera causa del sovrappeso.

Il risultato di questo approccio è che la sindrome metabolica è in continuo aumento e lo sarà finché non si prenderanno provvedimenti seri contro l'aumento dell'obesità infantile e a favore dell'educazione alimentare nelle scuole e tra gli adulti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.