Il DRIA test

Il DRIA test è un test non convenzionale (non accettati dalla medicina convenzionale) per rilevare le intolleranze alimentari.

Il DRIA è un test nato in Italia ad opera di A. Speciani, P. Gianfranceschi e G. Fasani. È uno dei tanti test kinesiologici.

Secondo la kinesiologia la salute del corpo umano è determinata dall'equilibrio di tre fattori: il sistema strutturale (articolazioni e muscoli, colonna vertebrale, piedi e bocca), il metabolismo (alimentazione e organi interni) e lo stato psichico. L'equilibrio fra i vari sistemi è fondamentale, dunque il contatto con un alimento al quale si è intollerante genera una disarmonia e uno squilibrio anche nel sistema strutturale, determinando una diminuzione dela forza.

DRIA test

Nel test DRIA il paziente viene messo a contatto con diversi alimenti e si misura con uno strumento l'eventuale diminuzione della forza di un muscolo rilevatore.

In genere si utilizza il quadricipite: durante il test DRIA viene chiesto al paziente, seduto in una sedia in grado di mantenere una postura corretta, con la gamba opportunamente legata e collegata a una cella di carico e a un computer, di esercitare una forza pari a una percentuale della forza massima (di solito il 50%). In seguito alla somministrazione di un alimento, si misura la caduta della forza: se supera il 10% il test DRIA è positivo.

I problemi di questo test sono evidenti. Primo, è improbabile che un paziente eserciti sempre la stessa forza per un periodo sufficiente a testare decine di alimenti. Se la forza iniziale è diversa, non posso valutare una caduta di forza percentuale e ritenere questo dato affidabile!

 

 

Inoltre, possono subentrare tutta una serie di variabilità, stanchezza in primis, che inficiano il valore del test che risulta essere ben poco oggettivabile e ripetibile, a prescindere dagli sforzi che si fanno per renderlo tale, come quello di rifare il test con gli alimenti positivi confrontandoli con un placebo.

Secondo, non tutte le allergie le intolleranze si manifestano immediatamente dopo l'assunzione dell'alimento. Esistono reazioni che si manifestano dopo ore o addirittura giorni: queste non possono essere rilevate dal DRIA test.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.