Diarrea

La diarrea è un disturbo della defecazione che consiste in una alterazione della consistenza (le feci sono liquide o semiliquide), del volume e della frequenza di defecazione (che può variare da 3 a 6 volte al giorno).

Solo quando sussitono conteporaneamente questi tre fattori si può parlare di diarrea.

La diarrea si può manifestare come sintomo isolato, oppure può presentarsi insieme ad altri disturbi come dolori addominali, flatulenza, bruciori all’ano, a volte anche febbre o vomito. In alcuni casi nelle feci possono comparire tracce di sangue.

La diarrea può essere acuta, ricorrente o cronica.

Le cause della diarrea

La diarrea è in genere causata da un’infiammazione dell’intestino crasso, ovvero quella parte di intestino che ha il compito di riassorbire l’acqua dalla miscela di cibo digerito. Durante questa alterazione delle funzioni del colon il riassorbimento di acqua è ridotto oppure si verifica un’eccessiva secrezione di fluidi: in ogni caso, le feci contengono una quantità eccessiva di liquido che l’organismo non è in grado di trattenere.

Le cause di questa alterazione delle funzioni del colon sono molteplici, le più comuni sono le infezioni intestinali, malattie croniche come il morbo di Crohn o la celiachia, allergie o intolleranze alimentari (come quella al lattosio), sindrome del colon irritabile.

La diarrea acuta

Diarrea

Si definisce diarrea acuta quella che insorge improvvisamente e si risolve entro breve tempo (in genere il fenomeno può durare dalle 12 ore sino a 2-3 settimane): questo tipo di diarrea è un disturbo abbastanza frequente, e solitamente non deve preoccupare, soprattutto quando è di breve durata e non si accompagna ad altri disturbi.

Quando la diarrea si verifica negli anziani e nei bambini bisogna invece adottare particolari precauzioni, a causa dell’elevato rischio di disidratazione. Nei bambini le possibili conseguenze possono rendere necessario il ricovero ospedaliero anche se la diarrea dura pochi giorni.

 

 

La diarrea del viaggiatore è un tipo molto diffuso di diarrea causata da una infezione batterica nei viaggiatori che si recano in paesi dal clima caldo e umido, con condizioni igieniche non eccelse.

La diarrea cronica

La diarrea è cronica quando persiste per tempi superiori alle 2-3 settimane. La diarrea cronica è spesso un sintomo correlato alla presenza di patologie anche gravi, come il tumore del colon-retto, il morbo di Crohn, la celiachia.

La diarrea ricorrente

La diarrea ricorrente è un tipo di diarrea acuta che si ripresenta ad intervalli più o meno brevi di tempo. Sono causate da errori alimentari, dalla sindrome del colon irritabile, da intolleranze o allergie o da situazioni psicologiche, come lo stress.

La cura della diarrea

Molto spesso la diarrea non richiede l'intervento del medico e quindi è importante capire come attuare una corretta automedicazione. Normalmente, gli attacchi di diarrea passano da soli: l'unica precauzione da adottare è restare a digiuno e assumere molti liquidi per mantenere idratato l'organismo. La complicanza più grave da evitare, infatti è la disidratazione.

Se i dolori addominali sono forti si può ricorrere a un antidiarroico, ma solamente se vi è la ragionevole certezza che il disturbo non sia dovuto a un'infezione o a un'intossicazione, poiché la diarrea è una utile risposta difensiva dell'organismo, che cerca di espellere il più rapidamente possibile le sostanze irritanti o tossiche.

Gli antidiarroici in vendita senza ricetta agiscono in modo diverso per ridurre i sintomi della diarrea. Ne esistono di due tipi. Gli antipropulsivi o antispastici, come loperamide, riducono le contrazioni dell'intestino, così il passaggio delle feci risulta rallentato e l'intestino è così in grado di assorbire una maggiore quantità d'acqua. Le sostanze rigonfianti o adsorbenti (carbone attivo, attapulgite) hanno invece la funzione di assorbire l'acqua presente nell'intestino e, si sostiene, anche le sostanze irritanti che provocano la diarrea.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.