Quinoa

La quinoa è una pianta originaria del Sud America, appartente alla stessa famiglia degli spinaci.

Viene utilizzata fin dai tempi degli Incas e degli Aztechi.

I semi di quinoa sono piccoli come quelli del miglio, ma più schiacciati, contengono circa il 60% di carboidrati e l'11% di proteine di valore biologico piuttosto alto, addirittura paragonabile a quello dei formaggi.

La quinoa è anche una buona fonte di fosforo, potassio, manganese.

È priva di glutine, quindi può essere assunta dai soggetti affetti da morbo celiaco.

I semi di quinoa sono rivestiti da una sostanza, la saponina, che li protegge dalle aggressioni degli uccelli e degli insetti. Questa sostanza è molto amara e quindi va rimossa prima della cottura, lavando accuratamente i semi prima di cuocerli.

Quinoa

Tostando i semi di quinoa per qualche minuto prima di bollirli si incrementa notevolmente il sapore della quinoa, ovviamente facendo attenzione a non bruciarli. Conviene utilizzare una padella antiaderente e mantenere sempre in movimento i semi di quinoa durante la cottura a fiamma vivace, oppure utilizzando il forno ventilato, a 180 gradi, per 8-10 minuti.

La cottura è più veloce di quella di molti altri cereali in chicchi, come l'orzo o il farro: richiede appena 10-15 minuti in acqua bollente.

La quinoa è considerata un "falso cereale", in quanto non appartenente alla famiglia delle Graminacee, come l'amaranto e il grano saraceno. Per questo motivo le proteine della quinoa hanno un valore biologico maggiore rispetto agli altri cereali.

 

 

 

In cucina, la quinoa può essere utilizzata come gli altri cereali, per preparare zuppe e minestre, o per accompagnare carne e verdure.

Vediamo per concludere una interessante ricetta a base di quinoa, adatta sia per i vegani, che per i celiaci, essendo priva di alimenti di origine animale, e ovviamente priva di glutine.

Valori nutrizionali della quinoa

La quinoa è considerata un "falso cereale" non solo perché condivide forma e preparazione con i cereali, ma anche perché i suoi valori nutritivi sono del tutto paragonabili a quelli dei cereali come il grano, il farro o il riso.
La quinoa ha 368 kcal per 100 g, 14 g di proteine, 64 g di carboidrati e 6 g di grassi, la metà dei quali sono polinsaturi. La quinoa è una discreta fonte di fibre: ne contiene circa il 6%. Come tutti gli alimenti di origine vegetale non contiene colesterolo.

Polpettine di quinoa e zucchine

 

 

Ingredienti:

  • 320 g di quinoa
  • 200 g di farina di mais integrale
  • 150 g di zucchine
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 cipolla
  • 1/2 spicchio di aglio
  • sale, pepe
  • olio extravergine di oliva (circa 2 cucchiai)

Preparazione: sciacquare la quinoa per 5 minuti e lessarla in acqua leggermente salata, scolarla e farla raffreddare. Tagliare a piccoli dadini la zucchina, tritare la cipolla e il prezzemolo, frullare la metà della quinoa già lessata. Mettere in un piatto la farina di mais, mescolata con due cucchiai di olio. Amalgamare il tutto con le mani e formare delle polpette, passarle nella farina di mais e disporle su una teglia con la carta da forno. Cuocere in forno ventilato a 220 gradi per 15-20 minuti, finché non saranno dorate.

 

 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Indice insulinico

L'indice insulinico misura l'effetto di un alimento sui livelli di insulina.


Carico glicemico

Il carico glicemico dipende dall'indice glicemico e dal contenuto in carboidrati degli alimenti. È un indice abbastanza inutile.


L'indice glicemico

L'indice glicemico degli alimenti indica la velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all'assunzione dei vari alimenti.


Salsa alioli o aioli

La salsa alioli o aioli, la maionese a base di aglio ideale per le patate e il pesce.

 


Indice di sazietà degli alimenti

Il potere saziante dei cibi è una variabile fondamentale per controllare lo stimolo della fame.


Densità calorica

La densità calorica esprime la quantità di calorie per unità di peso degli alimenti, si misura in kcal/hg ed è il parametro più importante da conoscere per gestire la propria alimentazione.


Acidi grassi

Gli acidi grassi, i fondamentali componenti dei lipidi, si suddividono in grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi.


Grassi trans e grassi vegetali idrogenati

I grassi trans e i grassi vegetali parzialmente idrogenati: quali sono le differenze e quali effetti hanno sulla salute.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.