Ornitina alfa-ketoglutarato

L'ornitina alfa-chetoglutarato (OKG) è una sostanza formata dall'aminoacido ornitina e l'alfa-chetoglutarato, ovvero lo scheletro carbonioso ottenuto dalla deaminazione dell'amminoacido glutammina. L'ornitina e la glutammina sono aminoacidi condizionatamente essenziali, perché sebbene possa essere sintetizzati dall'organismo, durante i periodi di grave stress (recupero da traumi o malattie gravi), il corpo potrebbe non essere in grado di produrne in quantità sufficiente, e potrebbe quindi essere necessario assumerli con l'alimentazione. L'integrazione diventa un'opzione interessante nel momento in cui il paziente non riesce ad alimentarsi in modo completo ed equilibrato, perché altrimenti le fonti proteiche normalmente presenti in una dieta equilibrata apportano una quantità di aminoacidi più che sufficiente.

L'alfa-chetoglutarato agisce come trasportatore che potenzia l'effetto dell'ornitina. L'alfa-chetoglutarato si può legare anche all'arginina e alla creatina, formando rispettivamente l'arginina alfa-chetoglutarato (AKG) o la creatina alfa-chetoglutarato.

L'ornitina alfa-chetoglutarato viene promosso come integratore per migliorare la performance sportiva, aumentare la concentrazione nel sangue di ormone della crescita e di conseguenza aumentare la massa magra e ridurre la massa grassa. In realtà, le evidenze scientifiche sono positive solamente in soggetti traumatizzati o con livelli di GH ridotti rispetto alla normalità, a causa di condizioni patologiche. Le ricerche sugli sportivi sono poche e per ora hanno dato un riscontro negativo.

Viene anche promosso come integratore per curare l'encefalopatia epatica, ma gli ultimi studi stanno smentendo il fatto che possa essere efficace per questa patologia.

 

 

Controindicazioni

Le controindicazioni sono le stesse dell'ornitina, ovvero lievi disturbi intestinali quando si superano i 10 g al giorno, nei soggetti sensibili.

Ornitina alfa-ketoglutarato

Benefici dell'integrazione di ornitina alfa-ketoglutarato

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Favorisce il recupero negli ustionati

Potrebbe ostacolare la perdita di muscolo a seguito di un incidente o un infortunio

Dosaggio consigliato

Per il recupero degli ustionati, le ricerche hanno utilizzato un dosaggio di 30 g al giorno. Negli altri studi sono stati utilizzati da 5 a 25 g al giorno. Può essere utile incrementare il dosaggio gradualmente, per evitare problemi digestivi.

Conclusioni

L'ornitina alfa-ketoglutarato agisce ostacolando il catabolismo muscolare, tuttavia non è ben chiaro se questo effetto dipenda dall'aumento del GH, oppure dal blocco dell'effetto catabolico del cortisone. Gli studi che hanno dimostrato un effetto positivo di questo integratore sono stati effettuati sui ratti, in vitro, o su pazienti ustionati o traumatizzati. Gli studi sugli sportivi non hanno dimostrato l'efficacia di questo integratore, di conseguenza è sconsigliabile l'assunzione da parte degli atleti.

I soggetti ustionati e traumatizzati possono avere un beneficio da questo integratore, e dovranno concordare le modalità di assunzione con il medico.

Bibliografia

The effect of ornithine alpha-ketoglutarate (OKG) on healthy, weight trained men

Failure of commercial oral amino acid supplements to increase serum growth hormone concentrations in male body-builders

Nutritional and clinical efficacy of ornithine alpha-ketoglutarate in severe burn patients

L-Ornithine-l-aspartate in the management of hepatic encephalopathy: A meta-analysis

The use of alpha-ketoglutarate salts in clinical nutrition and metabolic care

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.