Glucosamina

La glucosamina (o glucosammina) è un aminopolisaccaride (zucchero amminico), sintetizzabile dall'organismo umano, coinvolto nella sintesi delle proteine glicosilate (glicosaminoglicani). In natura si trova in molti organismi, dai funghi al guscio dei crostacei.

La glucosamina fu identificata per la prima volta nel 1876 da G. Ledderhose, ma la sua struttura fu definita in modo dettagliato solo nel 1939, grazie a W. Haworth.

I composti derivati dalla glucosamina sono presenti nelle articolazioni, con la funzione di mantenere lubrificato lo spazio articolare. Con l'età la produzione di glucosamina diminuisce e questo è uno dei fattori che portano alla degenerazione della cartilagine articolare, che alla lunga porta all'artrosi, che colpisce soprattutto l'anca, il ginocchio e la spalla.

L'integrazione di glucosamina è intesa a sopperire alla mancata produzione endogena, al fine di rallentare l'insorgenza dell'artrosi o addirittura di ridurre il danno articolare già presente.

Commercialmente è prodotta tramite l'idrolisi dell'esoscheletro dei crostacei, o più raramente dalla fermentazione dei cereali, come il mais o il frumento. Negli USA, se si escludono le vitamine e i minerali, la glucosamina è uno degli integratori più venduti in assoluto.

La glucosamina è stata studiata in modo abbastanza approfondito per indagare la sua efficacia nella prevenzione e nella cura dell'artrosi. Alcuni studi (di parte, finanziati dalle aziende farmaceutiche) hanno dato risultati positivi, ma sono stati smentiti da altri studi indipendenti. Attualmente, sembra di poter dire che una integrazione di glucosamina solfato di 1500 mg al giorno può rallentare l'insorgenza e lo sviluppo dell'artrosi, ma solo se assunta per alcuni mesi consecutivi. Il grado di beneficio risulta essere piuttosto variabile da soggetto a soggetto.

Gli studi sugli atleti non sono molti, e hanno evidenziato che con una integrazione di 3000 mg al giorno di glucosamina solfato si può ottenere una riduzione della degradazione della cartilagine, ma questo vale probabilmente solo negli sport molto impattanti sulle articolazioni (corsa, salti, ecc). Sicuramente sono necessari altri studi per confermare queste ipotesi.

 

 

Benefici dell'integrazione di glucosamina

Effetti accertati (forte evidenza)

Prevenzione e riduzione dei sintomi dell'artrosi: la riduzione è stata confermata da diversi studi, ma risulta essere di entità molto ridotta e variabile da soggetto a soggetto.

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Riduzione della degenerazione articolare negli sportivi.

Dosaggio

Le dosi utilizzate negli esperimenti mediamente variano da 1000 a 1500 mg, in genere quindi si consigliano dosi di 900 o 1500 mg giornalieri, divisi in due o tre assunzioni (3x300 mg o 3x500 mg).

Alcuni consigliano dosi maggiori, fino a 3000 mg. I pochi esperimenti scientifici condotti su atleti hanno utilizzato 3000 mg al giorno.

Glucosamina

Controindicazioni

Si pensa che l'integrazione di glucosamina possa causare insulino-resistenza, e per questo è sconsigliata per i diabetici, tuttavia l'insulino-resistenza è stata indotta iniettando la sostanza nei ratti, mentre non esistono evidenze quando viene ingerita dall'uomo, in quantità pari a 1.500 mg.

La glucosamina non è indicata per chi è allergico ai crostacei, sebbene non ci dovrebbero essere problemi in quanto l'allergene è presente nella carne dei crostacei, e non nel carapace.

Alcuni accusano problemi intestinali, sebbene di scarsa entità, probabilmente causati dalla fermentazione della glucosamina da parte dei batteri intestinali.

Conclusioni

Attualmente si può dire che la glucosamina qualche vantaggio lo dà, ma di lieve entità. Può essere quindi valutato come integratore per chi soffre di problemi degenerativi alle articolazioni, nella misura di 1500 mg al giorno, in 3 cicli durante l'anno (3 mesi di assunzione, uno di stop, per 3 volte).

Bibliografia

Glucosamine sulfate in the treatment of knee osteoarthritis symptoms: a randomized, double-blind, placebo-controlled study using acetaminophen as a side comparator

Long-term effects of glucosamine sulphate on osteoarthritis progression: a randomised, placebo-controlled clinical trial

Glucosamine sulfate use and delay of progression of knee osteoarthritis: a 3-year, randomized, placebo-controlled, double-blind study

Glucosamine, chondroitin sulfate, and the two in combination for painful knee osteoarthritis

Comparable clinical outcomes between glucosamine sulfate-potassium chloride and glucosamine sulfate sodium chloride in patients with mild and moderate knee osteoarthritis: a randomized, double-blind study

Glucosamine for pain in osteoarthritis: why do trial results differ

Randomised, Double-Blind, Parallel, Placebo-Controlled Study of Oral Glucosamine, Methylsulfonylmethane and their Combination in Osteoarthritis

Glucosamine and chondroitin for treatment of osteoarthritis: a systematic quality assessment and meta-analysis

Effect of glucosamine hydrochloride in the treatment of pain of osteoarthritis of the knee

A randomized, double-blind, placebo-controlled trial of glucosamine sulphate as an analgesic in osteoarthritis of the knee

Randomized, controlled trial of glucosamine for treating osteoarthritis of the knee

Structural and symptomatic efficacy of glucosamine and chondroitin in knee osteoarthritis: a comprehensive meta-analysis

Effects of glucosamine, chondroitin, or placebo in patients with osteoarthritis of hip or knee: network meta-analysis

Glucosamine therapy for treating osteoarthritis

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.