Valeriana

La valeriana (Valeriana officinalis) è la specie più nota del genere Valeriana (che conta più di 150 specie), diffuso soprattutto nelle regioni boscose europee e anche in Nord America e nelle regioni tropicali sudamericane. La valeriana è chiamata anche "erba dei gatti", perché esercita una forte attrazione (di tipo stupefacente) sui gatti. Il principio attivo della valeriana, utilizzato come integratore alimentare, è ricavato dalla radice.

La valeriana è utilizzata soprattutto per curare i disturbi del sonno, in particolare l'insonnia, spesso in associazione con luppolo, melissa e altre erbe. Sebbene esistano alcune evidenze scientifiche che dimostrano che la valeriana possa avere una qualche efficacia contro i disturbi del sonno, non tutti gli studi hanno dimostrato risultati positivi.

È stato osserato un lieve effetto sedativo a seguito dell'assunzione di alte dosi di valeriana, ma in ogni caso sono necessari ulteriori studi per stabilire se e per quale disturbo la valeriana sia un integratore efficace.

Controindicazioni

Studi abbastanza approfonditi hanno dimostrato l'innocuità della valeriana quando assunta per 28 giorni continuativamente. La sicurezza, per quanto riguarda l'utilizzo a lungo termine, non è stata ancora studiata a sufficienza.

Gli effetti collaterali più comuni sono mal di testa, eccitabilità, disagio, e perfino l'insonnia in alcune persone. Alcuni la mattina, al risveglio, si sentono stanchi dopo aver assunto valeriana.

Dopo l'uso a lungo termine, è consigliabile ridurre la dose lentamente, nel corso di una settimana o due, prima di cessare l'assunzione, per evitare effetti collaterali.

Valeriana integratori

Benefici dell'integrazione di valeriana

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Insonnia. Alcuni studi hanno dimostrato una certa efficacia, ma solo dopo qualche giorno di assunzione (in alcuni casi, alcune settimane), ma altre ricerche non hanno dimostrato una efficacia superiore al placebo.

Dosaggio consigliato

Le dosi consigliate di valeriana vanno dai 400 ai 900 mg di estratto, da assumere due ore prima di coricarsi.

Conclusioni

La valeriana può essere utilizzata da chi soffre di insonnia di lieve entità, per un periodo non superiore alle 4 settimane, considerando che gli effetti sono molto soggettivi.

 

 

Non ci sono sufficienti evidenze per quanto riguarda l'utilizzo per gli stati di ansia o altri disturbi di tipo psicologico.

Bibliografia

Effectiveness of Valerian on insomnia: a meta-analysis of randomized placebo-controlled trials

A feasibility study of valerian extract for sleep disturbance in person with arthritis

The use of Valeriana officinalis (Valerian) in improving sleep in patients who are undergoing treatment for cancer: a phase III randomized, placebo-controlled, double-blind study (NCCTG Trial, N01C5)

Aqueous extract of valerian reduces latency to fall asleep in man

Effect of valerian on sleep quality in postmenopausal women: a randomized placebo-controlled clinical trial

A randomized, double blind, placebo-controlled, prospective clinical study to demonstrate clinical efficacy of a fixed valerian hops extract combination (Ze 91019) in patients suffering from non-organic sleep disorder

Valerian for sleep: a systematic review and meta-analysis

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.