Vitamina B6

La vitamina B6 è una vitamina idrosolubile che comprende diversi composti chimici (piridossina, piridossale, piridossamina e altri), naturalmente presente in molti alimenti. L'organismo umano necessita della vitamina B6 per oltre 100 reazioni enzimatiche coinvolte nel metabolismo, questa vitamina è coinvolta anche nella funzione immunitaria e nello sviluppo del cervello durante la gravidanza e l'infanzia.

Come integratore è stato studiato per molte condizioni patologiche.

La vitamina B6 è in grado di abbassare i livelli di omocisteina, un aminoacido che si pensa essere coinvolto con l'insorgenza delle malattie cardiovascolari, tuttavia tale riduzione non sembra abbassare  il rischio o la gravità delle malattie cardiache o degli ictus.

I soggetti con livelli bassi di vitamina B6 nel sangue potrebbero avere una maggior probabilità di ammalarsi di alcuni tipi di cancro, come il cancro al colon-retto. Gli studi effettuati fin'ora non hanno dimostrato che una integrazione di vitamina B6 possa aiutare a prevenire questo o altri tipi di cancro.

Controindicazioni

La vitamina B6 presenta rischi di sovradosaggio se assunta in quantità superiore a 100 mg al giorno negli adulti (30-80 mg nei bambini e negli adolescenti). I sintomi del sovradosaggio comprendono nausea, fotosensibilità, problemi alla pelle, danni ai nervi.

La vitamina B6 può interagire con alcuni farmaci (l'antibiotico cicloserina, e la teofillina utilizzata per l'asma) e va assunta con attenzione da chi è affetto da alcune patologie (morbo di Parkinson, ipertiroidismo, malattie epatiche, problemi intestinali).

 

 

Alcune ricerche indicano che le persone anziane con elevati livelli ematici di vitamina B6 hanno una migliore memoria. Tuttavia, una integrazione di vitamina B6 non ha migliorato la funzione cognitivae l'umore nei soggetti sani o in quelli affetti da demenza senile.

Alcuni studi dimostrano che l'integrazione di vitamina B6 può ridurre i sintomi della sindrome premestruale, tra cui gli sbalzi d'umore, l'irritabilità, la perdita di memoria, il gonfiore e l'ansia.

L'American Congress of Obstetricians and Gynecologists (ACOG), in base ai risultati di alcuni studi, raccomanda l'assunzione di integratori di vitamina B6 per combattere i sintomi tipici che affliggono le donne in gravidanza, quali la nausea e il vomito.

 

Vitamina B6 integratori

Benefici dell'integrazione di vitamina B6

Effetti accertati (forte evidenza)

Efficace nel trattamento di alcune forme di anemia

Abbassa i livelli di omocisteina nel sangue

Effetti possibili (prove ancora insufficienti)

Aiuta a ridurre l'entità dei sintomi della sindrome premestruale

Riduce la nausea e il vomito in gravidanza

Potrebbe essere efficacie per prevenire le malattie cardiache

Potrebbe ridurre l'insorgenza di alcuni tumori

Dosaggio consigliato

Le dosi consigliate per integrare la dieta, allo scopo di prevenire carenze, sono di 1-2 mg, per scopi terapeutici le dosi salgono fino a 50 mg al giorno, da assumere solo a scopo terapeutico, sotto controllo medico.

Conclusioni

La vitamina B6 è contenuta in molti cibi e generalmente chi segue una dieta equilibrata non rischia carenze. I fumatori, chi ha problemi ai reni, o è affetto da malattie autoimmuni, presenta un certo rischio di incappare in carenze di vitamina B6, e quindi può valutare l'assunzione di un integratore specifico, o di un multivitaminico che contiene, di norma, anche le vitamina B6.

Per altri motivi, si consiglia di assumere questa vitamina sotto controllo medico.

Bibliografia

Plasma folate, vitamin B6, vitamin B12, homocysteine, and risk of breast cancer

Plasma vitamin B6 and the risk of colorectal cancer and adenoma in women

Pyridoxal 5'-phosphate deficiency causes a loss of aromatic L-amino acid decarboxylase in patients and human neuroblastoma cells, implications for aromatic L-amino acid decarboxylase and vitamin B(6) deficiency states

Non-nutritional uses of vitamin B6

Efficacy of vitamin B-6 in the treatment of premenstrual syndrome: systematic review

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.