Obesità come metafora della scalata

Il Modello della speranza, ovvero l'analisi delle varie fasi attraversate da un obeso durante la perdita di peso, consente di capire qual'è la direzione da seguire per combattere in modo efficace l'obesità.

La perdita di peso può essere considerata come la scalata di una montagna dove la meta è rappresentata dal peso ideale e le difficoltà del percorso sono rappresentate dalle situazioni a rischio come l'Eclissi e la Disinibizione.

Per superarli occorre una guida esperta: l'obesiologo, che ha il compito di addestrare il paziente riguardo ai pericoli che incontrerà durante la scalata.

L'obesiologo dovrà avvertire il paziente dicendogli che non è possibile arrivare alla vetta in linea retta, con la fretta di arrivare e senza mai fermarsi.

Comportandosi in questo modo la stanchezza prenderebbe il sopravvento e si cadrebbe vittima delle difficoltà del percorso.

Bisogna invece fermarsi perodicamente, riposare e riprendere la scalata dopo aver recuperato le energie.

Obesita scalata

La stanchezza si indentifica con la fame, le difficoltà del percorso sono l'Eclissi e la Disinibizione. La fame eccessiva mette a dura prova le capacità di resistere, e fa cadere nello stadio di frustrazione.

Se l'obesiologo non interviene a modificare l'atteggiamento del paziente, è facile che esso cada in Eclissi o in Disinibizione, recuperando il peso perso e interrompendo la relazione con l'obesiologo.

Invece il paziente deve saper ascoltare i segnali della stanchezza e fermarsi a riposare, smettendo di perdere peso, interrompendo la restrizione calorica per riposarsi e riacquistare le energie mentali per ricominciare la scalata verso il peso ideale.

 

 

È ovvio che per insegnare al paziente tutte queste cose non basta una visita di 20 minuti, ma occorre una struttura organizzata formata da professionisti di campi diversi, occorre materiale didattico, ma soprattutto occorrono pazienti disposti a capire che il problema non è così semplice come tutti vorrebbero far credere ma bisogna mettere in campo molte risorse in termini di tempo e di denaro.

Un sistema del genere prende il nome di Modello Educativo Integrato, e ad oggi rappresenta il metodo in grado di ottenere i risultati migliori in assoluto.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Aminoacidi ramificati

Aminoacidi ramificati: sono davvero utili per gli sportivi? A chi servono, quando assumerli e in quale quantità.


Claudicatio intermittens

La condizione chiamata “claudicatio intermittens” si riferisce ad un dolore, che interessa nella maggior parte dei casi gli arti inferiori.


Ipoparatiroidismo

L'ipoparatiroidismo è una condizione clinica causata da carenza del paratormone (PTH), caratterizzata da bassi livelli di calcio (ipocalcemia) e alti livelli di fosfati (iperfosfatemia).


Intossicazione da monossido di carbonio

Il monossido di carbonio (CO) è un gas inodore, incolore, non irritante e si annovera tra le sostanze che mietono più vittime per intossicazione acuta.

 


Norovirus negli alimenti

I norovirus sono i virus che causano una delle poche malattie virali umane che si trasmettono con gli alimenti.


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.