Cetrioli

Valori nutrizionali dei cetrioli

Ricette a base di cetrioli

I cetrioli (cucumis sativus) sono Curcubitacee originarie delle regioni dell'Asia, in particolare dell'India.

Le piante hanno ciclo annuale e possiedono fusti molto ramificati che possono far strisciare sul terreno, di solito vengono però fatti arrampicare su appositi sostegni in modo tale da aumentarne la produzione.

I cetrioli vengono coltivati per il loro frutto di forma oblunga, buccia verde e polpa acquosa, che ha una forma simile alla zucchina, ma con una buccia più spessa e bitorzoluta.

All'interno, la polpa del cetriolo è di colore bianco o verde pallido con semi che dispongono nella parte centrale.

Ha un sapore acidulo e rinfrescante, a volte, però, ha un retrogusto amarognolo che, purtroppo, non è possibile individuare solo dall'esterno. Una buona raccomandazione, però, è comprare i cetrioli in estate, scegliendo quelli più sodi.

Cetrioli

Si raccolgono acerbi e si consumano prevalentemente crudi, in insalata o come guarnizione di piatti a base di carne o pesce, ma nella cucina orientale vengono preparati anche cotti.

I cetrioli possono anche essere raccolti molto giovani, quando misurano appena 5-10 cm: questi vengono destinati ad essere fatti fermentare e conservati sott'aceto, spesso aromatizzati con spezie ed erbe aromatiche, quali semi di senape e aneto, come avviene nella cucina tedesca, dove prendono il nome di essiggurke.

Sono molto usati anche dalla cucina tradizionale greca, dove sono l'ingrediente principale del tzatziki, una salsa a base di yogurt e cetriolo, appunto.

 

 

Nel Cinquecento il dottore italiano P.A. Mattioli ha scoperto una particolare proprietà del cetriolo, i cui semi e il cui succo sono indicati per ottenere una pelle più morbida ed elastica. Tutt'oggi, infatti, il cetriolo è molto usato dall'industria della cosmesi e dell'erboristeria per preparare maschere del viso o creme ideali per le pelli secche.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.