Alimentazione del bambino all'asilo

Fin dai primi anni di vita si possono cominciare a delineare quelle abitudini alimentari che - se persistenti nel tempo - facilmente portano ad uno stato di sovrappeso o di obesità già nel bambino.

Infatti non è infrequente trovarsi di fronte - e soprattutto in Italia ! - a bambini che da un lato assumono un eccesso di proteine totali, grassi saturi, colesterolo, zuccheri semplici, mentre dall'altro la loro alimentazione è carente di carboidrati a basso indice glicemico, di fibre alimentari, di verdura, di frutta.

Si dice spesso che nella vita i gusti cambiano, e questo è assolutamente vero; ciò che non cambia, però, o cambia con estrema difficoltà e notevole sforzo personale, è l'approccio al cibo: numerosi studi provano che chi ha avuto in prima e seconda infanzia un'alimentazione dal gusto poco variato e con una ristretta scelta di alimenti tenderà a mantenere quest'approccio anche nelle età successive e nella vita adulta, e anche quando i suoi gusti personali cambieranno, la scelta degli alimenti ne sarà comunque penalizzata, con pochi alimenti nuovi che sostituiranno pochi altri alimenti non più apprezzati.

È infatti proprio in questo periodo (prima e seconda infanzia, ovvero tra 0 e 4 anni) che il bambino comincia prima a sviluppare i propri gusti e poi ad affinarli, ed è dunque di importanza fondamentale fare in modo che non sia appagato soltanto da cibi ipercalorici e soprattutto da cibi dolci, ma che si abitui invece a mangiare - o quanto meno a provare - di tutto, e soprattutto che inizi ad apprezzare ed amare frutta e verdura.

 

 

Riportiamo di seguito alcuni consigli qualitativi:

  • è opportuno iniziare a prevedere nell'alimentazione di tutti i giorni un "adeguato" apporto di fibre: tra le varie formule usate per stabilire l'adeguato apporto, la più semplice parla di una quantità di fibre, in grammi, pari all'età del bambino + 5;
  • a partire dai 3 anni di età, è bene passare al latte ed allo yogurt del tipo parzialmente scremato; nel caso dello yogurt, possibilmente usare quello "bianco" (sia naturale che leggermente dolcificato, ad esempio con zucchero d'uva), semmai con aggiunta di un po' di marmellata a modesto contenuto zuccherino, o di fruttosio;
  • introdurre precocemente l'alternanza di cereali raffinati e integrali (pane, pasta, riso, orzo, ecc.) è di notevole aiuto a che i cereali non raffinati vengano accettati più facilmente in età più avanzata;
  • tra le carni preferire pollo, coniglio, tacchino, manzo magro, bresaola. Eliminare il grasso visibile della carne e cercare una fonte di approvvigionamento il più possibile sicura, come il macellaio di fiducia;
  • educare sin d'ora ad un consumo regolare di pesce, soprattutto sgombro, salmone, pesce azzurro;
  • la frutta di stagione andrebbe somministrata il prima possibile in pezzi, eliminando la frutta grattugiata e/o frullata non appena il bambino è in grado di masticare;
  • i succhi di frutta vanno evitati se non in situazioni di convalescenza, interventi chirurgici e pochi altri casi;
  • l'assunzione di: alimenti conservati, brioche, patatine, caramelle, cioccolata, bibite, sciroppi, frutta secca, salumi dovrebbe essere quanto più possibile saltuaria.
Alimentazione asilo

Bisogni psicologici

Cosa sapere

La capacità del bambino e della madre di sincronizzare i reciproci ritmi di richiesta di cure e accudimento facilitano nel piccolo le abilità di sintonizzarsi con la figura di accudimento prima e di identificare e distinguere i propri ritmi interni poi, ovvero lo aiutano ad abbozzare ed iniziare la costruzione dell'organizzazione di sé. Questo significa che se la madre fino a questo punto è stata in grado di riconoscere e distinguere le diverse esigenze del bambino, lo ha alimentato quando necessario, cullato, sgridato, scaldato a seconda delle necessità, il bambino dal canto suo è cresciuto in grado di differenziare ed esprimere distintamente i suoi bisogni: mangia se ha fame, esprime rabbia se irritato, chiede rassicurazione se ha paura, senza fare confusione tra questi stati d'animo e senza chiedere il cibo come soluzione di ogni disagio. Questa fase sembra infatti essere il periodo in cui si instaurano i successivi e più gravi disturbi dell'alimentazione fondati sulla difficoltà o incapacità a riconoscere i propri stati interni e a rispondere con variazione del proprio comportamento alimentare ad ogni oscillazione dei propri stati motivi.

A questa età le organizzazioni centrali di attaccamento sono già formulate, a seconda di queste il bambino reagisce ai cambiamenti, alle novità, all'inserimento all'asilo, ai cambiamenti alimentari e dei ritmi della sua giornata.

L'ingresso nella scuola costituisce una vera e propria rivoluzione che rompe l'unità del mondo del bambino. Le possibilità che in questa fase il bambino ha di leggersi negli altri e di differenziarsi costituisce uno degli aspetti centrali per la costruzione di un senso di sé accettabile ed adeguato.

È diventato molto più indipendente ed ha acquisito molte abilità tanto da pretendere di fare da solo molte cose difficili o pericolose, perché la fanno i grandi. La sua personalità comincia ad esprimersi ed a volersi affermare, compaiono i suoi gusti, i suoi amori e i suoi odi anche e soprattutto per certi alimenti.

Cosa fare

Certamente rispettare i gusti e le propensioni del bambino senza forzarlo eccessivamente nella alimentazione, ma al tempo stesso offrire i cibi vari, insegnargli come stare educatamente a tavola, fare in modo che il pasto sia un momento sereno nel quale gli adulti offrono il modello di come sia piacevole assaggiare cose varie e come si sia piacevole l'occasione conviviale.

Il fatto che il piccolo cominci ad andare a scuola e spesso si trattenga lì anche per il pranzo è un'ottima occasione, così come quella di avere l'opportunità di mangiare qualche volta da e con un amichetto o in un locale pubblico, per distanziarsi dalle abitudini familiari - e qualche volta dai conflitti relativi al cibo - per sperimentare meglio come questo sia soprattutto un occasione di libertà. Per questo, farlo partecipare, almeno qualche volta, alla preparazione dei cibi può aumentare il suo senso di competenza e facilitare il suo rapporto, presente ma soprattutto futuro, col cibo.

Cosa non fare

Evitare di far diventare i cibi occasione di guerre e duelli quotidiani: se il bambino si ostina a preferire solo poche cose, sarebbe bene proseguire comunque nel training di abituarlo a variare le sue scelte, ma senza insistere in maniera esagerata e rigida, e con sufficiente gradualità, evitando di entrare con lui in un braccio di ferro su questo.

Evitate pure di continuare a imboccarlo per farlo mangiare di più e più in fretta, poiché a questa età sa benissimo farlo da solo come peraltro accade a scuola.

Ancora, evitare di offrire i dolci e merendine perché non ha mangiato a tavola, così come evitare di trasformare la tavola di famiglia in un ristorante à la carte. Nella stessa ottica, ci si dovrebbe assicurare che i pasti non durino per tempi interminabili: sarà bene sparecchiare dopo una decina, al massimo quindici minuti a pietanza, rimandando tutto al prossimo pasto. Proseguendo nell'obiettivo di fissare delle regole comportamentali relative all'alimentazione, è doveroso non consentire che si comporti maleducatamente a tavola, purché mangi; se poi i genitori decidessero spontaneamente di fare a ameno della televisione durante i pasti, si getteranno le basi sia per un miglioramento della comunicazione intrafamiliare, sia per evitare in futuro lotte all'ultimo sangue su quale programma debba essere visto!

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Quanto zucchero al giorno?

Quanto zucchero possiamo assumere al giorno? Facciamo chiarezza analizzando il documento ufficiale dell'OMS.


Lo zucchero fa male?

Lo zucchero fa male? Analizzando il documento ufficiale dell'OMS scopriamo che non è così 'tossico' come molti vorrebbero farci credere...


Fruttosio

Il fruttosio: lo zucchero a basso indice glicemico e con potere dolcificante (teorico) superiore al saccarosio.


Antiossidanti

Gli antiossidanti sono additivi utilizzati per evitare l'irrancidimento ossidativo, gli imbrunimenti e altre alterazioni causate dall'ossigeno. Alcuni di essi sono innocui, altri potenzialmente a rischio.

 


Burro a ridotto contenuto di colesterolo: un prodotto inutile!

Il burro a ridotto contenuto di colesterolo ne contiene l'80% in meno, tuttavia non essendo il burro una fonte importante di colesterolo, non ha molto senso utilizzarlo.


Burro light o a ridotto contenuto calorico: lasciamo perdere!

Il burro light (o leggeto, o a ridotto contenuto calorico) contiene la metà dei grassi e delle calorie rispetto al burro, ma ciò nonostante rimane un prodotto che non comporta vantaggi particolari.


Cioccolato rosa o ruby

Il cioccolato rosa o ruby (rubino): la novità del 2017, assolutamente naturale, senza coloranti, prodotto dalla casa cioccolatiera Callebaut.


Margarina

La margarina è un grasso alimentare solido, prodotto industrialmente, utilizzato come surrogato del burro, da evitare nella stragrande maggioranza dei casi.