Presbiopia

La presbiopia è un difetto visivo che consiste nella difficoltà di vedere da vicino.

È un fenomeno naturale, che si manifesta intorno ai 40-42 anni, legato al fisiologico processo di invecchiamento dell'occhio.

Coloro che sono già affetti da disturbi visivi come l'astigmatismo e l'ipermetropia solitamente possono diventare presbiti prima rispetto agli altri.

Come funziona l'occhio

Il nostro occhio è come una sorta di macchina fotografica che possiede un obiettivo in grado di mettere a fuoco sulla retina le immagini a diverse distanze grazie alla variazione di curvatura del cristallino, una lente biconvessa situata nella zona anteriore del bulbo oculare.

Nelle persone giovani e senza difetti visivi, il cristallino, grazie al meccanismo dell'accomodazione, riesce appunto a mettere nitidamente a fuoco sulla retina le immagini.

Tuttavia, verso i 40 anni il cristallino inizia a usurarsi e perde il suo potere di accomodazione, perde cioè la capacità di cambiare la sua curvatura in base alla distanza delle immagini.

Segni e Sintomi

La presbiopia si manifesta inizialmente in maniera lenta e graduale con la difficoltà nel leggere da vicino (ad una distanza di meno di 30 cm).

È caratteristico infatti vedere come molte persone intorno ai 40 anni, per leggere in maniera chiara e nitida, debbano allontanare l'oggetto dagli occhi allungando il braccio.

Questo fenomeno è lentamente progressivo fino a stabilizzarsi verso i 60 anni.

Come già detto, la difficoltà nel leggere è il principale sintomo della presbiopia.

Altri sintomi di accompagnamento sono:

  • astenopia (affaticamento visivo);
  • lacrimazione;
  • visione doppia (diplopia);
  • arrossamento e bruciore agli occhi;
  • cefalea;
  • nei soggetti invece affetti da una lieve miopia, il disturbo si evidenzia con la necessità di togliere gli occhiali quando si legge.

 

 

Diagnosi

Presbiopia

La diagnosi è molto semplice e consiste nell'effettuare una visita oculistica intorno ai 40 anni, in modo da ottenere una prescrizione di occhiali che correggano il difetto visivo in base all'entità.

Trattamento

La presbiopia non può essere prevenuta o curata, in quanto è un processo fisiologico dell'occhio.

È importante però correggere in maniera adeguata il difetto per evitare di affaticare troppo la vista sforzandosi di leggere ed impegnando così troppo l'apparato visivo.

Esistono molti tipi di occhiali correttivi, sicuramente il metodo più utilizzato di correzione della presbiopia.

Ci sono infatti occhiali a lunetta, che premettono di leggere nitidamente da vicino senza interferire con la visione da lontano, oppure occhiali con lenti multifocali o progressive che consentono, con una lente sola, di vedere bene sia da vicino che da lontano.

Esistono anche le lenti a contatto multifocali che tuttavia non vengono molto utilizzate.

Un'altra alternativa di correzione del difetto visivo è la chirurgia mediante laser (ad eccimeri, a femtosecondi).

I pazienti che per altri difetti visivi (miopia, ipermetropia, astigmatismo) si sono sottoposti alla correzione con il laser, dopo i 40 anni devono comunque utilizzare una lente per la visione da vicino, in quanto il loro difetto visivo iniziale è stato corretto e il loro occhio si comporta esattamente come un occhio ''sano'' che subisce però l'invecchiamento fisiologico del cristallino e quindi diventano lo stesso presbiti.

Dopo una certa età si può anche sviluppare la cataratta, e in questi casi la chirurgia ha un ottimo impiego in quanto si può sostituire il cristallino con una lente artificiale multifocale che permette di correggere entrambi i difetti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.


PAP test

Il PAP test è un esame citologico utilizzato nello screening del carcinoma della cervice uterina.


Selenio

Il selenio è un integratore utile solo in caso di carenza accertata, perché i rischi di sovradosaggio non sono da trascurare.

 


Hoodia gordonii

Hoodia gordonii è un integratore antifame derivato da un cactus, la cui efficacia non è dimostrata e che presenta alcuni problemi di tossicità.


Shock anafilattico

Lo shock anafilattico, chiamato anche anafilassi, è una grave reazione allergica, potenzialmente pericolosa per la vita di una persona.


L-Ornitina

L'ornitina è un integratore potenzialmente utile in caso di patologie che determinano un eccesso di ammoniaca, non sembra essere utile per gli sportivi.


Tè verde

Il tè verde contiene caffeina, polifenoli e catechine: può essere utile per prevenire alcune patologie ma la sua efficacia non è stata ancora pienamente dimostrata.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.