Fit-test: scopri se sei veramente in forma

Chiunque abbia iniziato a praticare uno sport da qualche tempo si sarà chiesto quale sia il valore assoluto della sua prestazione. "Ho fatto 40 vasche in mezz'ora, è un buon risultato?" "Ho corso per 35 minuti e ho percorso 6 km, è buono?"

Queste sono domande tipiche del principiante che inizia a sentire il bisogno di valutare la propria prestazione.

Altre persone, invece, vivono lo sport disinteressandosi completamente della prestazione, pensiamo a coloro che scelgono sport come lo spinning, i vari corsi in palestra o l'acquafitness, o corrono al parco senza avere la minima idea dei km percorsi.

La misura della prestazione nello sport ha due aspetti fondamentali che la rendono un fattore necessario, tanto che si può dire che il passaggio da sportivo ad atleta avviene nel momento in cui si prende in mano un cronometro, quantificando la propria prestazione.

  1. Il miglioramento della prestazione è una forte motivazione che vale la pena di sfruttare per alimentare la voglia di praticare sport.
  2. Il raggiungimento di una prestazione minima è necessario per ottenere benefici reali e tangibili sulla salute.

Il secondo punto è quello di gran lunga più importante. Solo praticando a una intensità sufficientemente alta si ottengono modificazioni importanti dell'organismo. Chi va in palestra 2 volte la settimana, chi gioca 4 ore a tennis, o chi fa una partitella con gli amici nel week end può solo illudersi di essere in forma, in realtà non coglie i veri benefici dell'attività fisica, primo fra tutti il rallentamento del declino fisico.

Per sapere se ti alleni con sufficiente intensità e frequenza, ho ideato un test che può essere superato da tutti, a tutte le età: il Fit-Test.

 

Il fit-test

Il fit test

I test in genere utilizzano la corsa come mezzo di valutazione, poiché non richiede alcuna abilità tecnica e nessuna attrezzatura specifica che può inserire variabili incontrollabili nell'esito della prova.

Tuttavia, chi non corre, ma pratica altri sport, può non superare il test anche se ha le doti aerobiche sufficienti per farlo, poiché non ha le doti muscolari necessarie per affrontare un'ora di corsa, soprattutto se il gesto atletico è molto diverso da quello della corsa. Non dimentichiamoci infatti che il test misura l'efficienza del nostro sistema cardiocircolatorio, a prescindere dal tipo di sforzo muscolare che lo ha sollecitato.

Perciò ho ideato 3 tipi di test per i 3 sport fit per eccellenza: corsa, ciclismo e nuoto. Ho quindi aggiunto un quarto test per il walking o camminata sportiva.

Il test è progettato in base alla semplice constatazione che chi pratica una attività fisica pari a minimo 4 ore settimanali reali, con intensità sufficiente, non deve avere nessun problema a superarlo.

Walk-test

Il walk-test prevede di consumare una quantità di calorie pari al proprio peso moltiplicato per 10 (8 per le donne), in un ora.

La formula da utilizzare è la seguente:

kcal = [0,8 + 0,17 x pendenza(%)] x peso corporeo (kg) x km percorsi

Dunque, il coefficiente 0,8 + 0,17 x pendenza x km percorsi deve essere 10 (8 per le donne).

Per i dettagli rimando all'articolo sulla camminata sportiva.

Run-test: 10 (8 per le donne) km in un'ora

Questo test è quello più indicato (oltre ovviamente per chi corre) per chi pratica solo sport fun (di squadra, sci, escursioni, ecc), oppure che pratica solo cardiofitness in palestra, insomma tutti coloro che pensano di fare sport... E vogliono capire se l'attività che svolgono è troppo blanda oppure è veramente allenante.

 

Ovviamente questa prova non è adatta per coloro che presentano controindicazioni alla pratica della corsa. Consiste nel percorrere 10 km in un'ora, 8 km per le donne.

Non è necessario percorrere tutti e 10 km di corsa, si può alternare corsa e camminata, l'importante è portare a termine l'impresa in 60 minuti.

Bike-test: 28 km (25 per le donne) in un'ora

Un test effettuato in bicicletta è più complesso poiché entrano in gioco due fattori che non dipendono dall'efficienza aerobica (che vogliamo misurare) del soggetto: il mezzo meccanico e le condizioni del percorso. I 28 km vanno percorsi in piano, o in un percorso mediamente in piano (senza salite "vere"), in condizioni di vento equilibrate (non troppo a favore né contro), con una bicicletta da corsa qualunque.

Se effettuati in mountain bike, ma solo con gomme da fuoristrada, i km scendono a 23 per gli uomini e 20 per le donne.

Percorrere 28 e 25 km in piano significa sviluppare una potenza di circa 150-160 e 120-130 Watt, rispettivamente.

Volendo si può effettuare il test tenendo in considerazione la VAM, cioè la Velocità Ascensionale Media, il dislivello che si riesce a superare in un ora.

Il Bike-Test prevede di superare i 550-600 metri di dislivello per gli uomini, 400-450 metri per le donne, sempre in un'ora. Affinché il test sia veritiero conviene scegliere salite regolari, che abbiano una pendenza media non inferiore al 5-6%.

Un ciclista che supera il bike-test non dovrebbe avere problemi a superare il Run-Test, dopo 2-3 sedute di allenamento necessarie per abituare i muscoli allo sforzo eccentrico e le articolazioni ai traumatismi della corsa.

Ecco un possibile percorso del biker che vuole superare il run-test:

  • seduta 1: (5 min camminata + 20 min corsa) x 2 volte
  • seduta 2: (5 min camminata + 25 min corsa) x 2 volte
  • seduta 3: (5 min camminata + 30 min corsa) x 2 volte
  • seduta 4: Run-Test

Tra una seduta e l'altra occorrono almeno 3 giorni di riposo, durante i quali si può anche inserire una seduta di allenamento in bicicletta (possibilmente non troppo dura). In 12 giorni, dunque, si è pronti per superare il run-test.

Swim-test

Nel nuoto le cose si complicano ulteriormente perché la tecnica assume una importanza tale che un soggetto poco allenato può percorrere molti km in un'ora facendo la metà della fatica di un soggetto molto allenato ma dotato di una scarsa tecnica.

Il problema si aggira con questa formula, con T100 che rappresenta il tempo misurato in secondi sui 100 metri (4 vasche da 25 metri) nuotati al massimo delle proprie capacità:

Swim- Test (metri) = 3600 / (T100 + 40) x 100

che per T100 compreso tra 70 e 110 secondi può essere approssimata da questa semplice formula, che calcola il numero di vasche dello Swim-Test

Swim-Test (n vasche da 25 m) = 200 - T100

Se per percorrere 100 m impieghi più di 110 secondi (1 minuto e 50 secondi) allora il test non fa per te, perché non hai sufficienti doti tecniche (molti di coloro che non riescono a percorrere 100 metri in meno di 2' non riescono nemmeno a nuotare per 1 ora senza mai fermarsi o quasi, dunque il test perde di significato).

Per prendere il tempo sui 100 parti dal bordo, senza tuffo, e provali 2-3 volte, cambiando la frequenza di bracciata, soprattutto se non hai mai fatto test massimali: se forzi troppo potresti generare un grande attrito "sporcando" a tal punto la nuotata da peggiorare il tempo rispetto a una nuotata più lenta!

Facciamo qualche esempio:

  • T100=70'' -> Swim-Test = 3250 m (130 vasche con formula approssimata)
  • T100=80'' -> Swim-Test = 3000 m (120 vasche con formula approssimata)
  • T100=90'' -> Swim-Test = 2769 m (110 vasche con formula approssimata)
  • T100=100'' -> Swim-Test = 2571 m (100 vasche con formula approssimata)
  • T100=110'' -> Swim-Test = 2400 m (90 vasche con formula approssimata)

Questo test è ideale per chi è nuotatore puro, e dunque ha una tecnica quantomeno discreta e una preparazione adeguata per nuotare un'ora di fila o quasi (non è vietato fermarsi ogni tanto, come nella corsa).

Un nuotatore può tentare il Run-Test, anche se le sue gambe non saranno minimamente allenate al gesto atletico e quindi avrà bisogno come minimo di un periodo di allenamento, per abituare le articolazioni e i muscoli ai traumi e agli sforzi della corsa. Le tappe di avvicinamento possono essere identiche per chi arriva dal ciclismo, anche se il nuotatore puro si troverà sicuramente a soffrire di più a causa dell'enorme differenza del gesto atletico e la diversa sollecitazione sulle articolazioni (molto superiore nella corsa).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Sport


Usare i piedi nello sci: il Tipping

Molti avranno sentito qualche esperto parlare dell'importanza dell'uso dei piedi nello sci. Ma cosa significa realmente?


Freddo alle mani nello sci

Il freddo alle mani è la bestia nera di molti sciatori: vediamo come sconfiggerlo, con metodi più o meno drastici a seconda della gravità del problema.


Freddo ai piedi nello sci: cosa fare?

Cosa fare contro al freddo ai piedi nello sci? Dalla scelta dello scarpone, alle strategie più soft, fino alle soluzioni drastiche.


Scarponi da sci riscaldati

Scarponi da sci riscaldati: i sistemi di riscaldamento per gli scarponi da sci. Solette e calze riscaldati, sistemi elettrici e non.

 


Scarponi da sci: una scelta critica

In pochi sanno quanto gli scarponi da sci siano in grado di influenzare la prestazione. La scelta dello scarpone è altrettanto importante, rispetto a quella degli sci.


Tecnica dello sci: gli errori più comuni e come risolverli

Gli errori più comuni degli sciatori: sciare arretrati, e col peso sull'interno. Come risolverli?


Sci: la tecnica del carving

L'avvento degli sci carving ha reso più facile la vita di molti sciatori e ha cambiato la vita ad altri.


Equilibrio e centralità nello sci

La centralità e l'equilibrio sono due cose differenti: la centralità è necessaria se vogliamo fare curve sugli spigoli con la tecnica del carving.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.