Antitrombina

L'antitrombina III è una glicoproteina del plasma con azione anticoagulante prodotta dal fegato.

È infatti il più importante inibitore della trombina e di altri fattori della cascata coagulativa (VII, IX, X, XI, XII). Inoltre è un fattore che non dipende dalla vitamina K.

Viene anche definito il ''cofattore'' dell'eparina, in quanto questo farmaco potenzia notevolmente l'’azione anticoagulante dell'antitrombina III.

I valori normali di antitrombina, analizzati tramite un semplice prelievo di sangue, si aggirano intorno ai 20 e i 40 mg/dl. Prima del prelievo si consiglia di digiunare per 8 ore e di sospendere tutti i farmaci per 72 ore.

Si riscontrano valori più alti di antitrombina nei pazienti in TAO (terapia anticoagulante orale, tipo il coumadin), con epatiti, colestasi, diabete mellito e uso di steroidi anabolizzanti.

Antitrombina

I valori bassi invece di antitrombina possono verificarsi in caso di difetto acquisito o congenito di antitrombina III.

Per quanto riguarda i difetti acquisiti, tra essi annoveriamo le patologie epatiche che comportano quindi un difetto di sintesi di questa proteina (cirrosi o tumore), e le patologie da aumentato consumo, come nel caso della CID (coagulazione intravasale disseminata).

Anche la sepsi da microorganismi Gram positivi o negativi può ridurre i livelli ematici di antitrombina III.

Oltre ai difetti acquisiti di questa proteina, esistono anche i difetti congeniti, di origine ereditaria. Questi pazienti sono a rischio di trombosi artero-venose e le manifestazioni cliniche compaiono già in età giovanile.

 

 

Altre manifestazioni cliniche di un deficit di antitrombina III sono la trombosi venosa profonda (TVP), l'embolia polmonare, l'infarto del miocardio (IMA) e l'ictus.

Anche le gravi infezioni e l'assunzione della pillola anticoncezionale possono provocare un abbassamento dei livelli di antitrombina III.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Duodenite

La duodenite e' l'infiammazione del duodeno, la prima parte dell'intestino tenue ed e' causata da una presenza eccessiva di succhi gastrici acidi.


Carcinoma squamo cellulare

Il carcinoma squamo cellulare è una forma di cancro che colpisce la pelle, e si sviluppa, a patire dalle cellule squamose.


Tumore della vescica

Il tumore vescica è una tipologia di cancro che interessa l'organo deputato all'immagazzinamento dell'urina nella zona pelvica maschile, la vescica.


Criptococcosi

La criptococcosi è una malattia, abbastanza rara, causata da un tipo di fungo, chiamato Cryptococcus, che si trova in quasi tutto il mondo.

 


Shigella negli alimenti

Shigella è il batterio responsabile della dissenteria, una malattia poco diffusa in Italia ma ancora oggi molto diffusa nel mondo.


Trichinella negli alimenti e trichinosi

La trichinella è uno dei parassiti più pericolosi che si possa prendere dalla carne, se questa non è ben cotta.


Botulino

il botulino: un batterio molto pericoloso che si sviluppa in ambienti poco acidi e anaerobici.


Bacillus cereus

Il Bacillus cereus è uno dei batteri che più comunemente provocano intossicazioni alimentari nelle ore successive ai pasti.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.